Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 23 settembre 2019 (354) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il gioco di Santa Oca
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» Il romanzo di Baslot
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» Prima che le foglie cadano
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 9939 del 11 luglio 2011 (3632) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Doppia esposizione al castello Dal Verme
Doppia esposizione al castello Dal Verme
Nell’ambito di "Estate in Arte” saranno inaugurate sabato prossimo al Castello di Zavattarello, due mostre personali di Bruno Gianesi: “La seduzione del tessuto” e “...dal mio punto di vista”.
 
L’uso del tessuto, il materiale che caratterizza in modo emblematico tutto il lavoro di Bruno Gianesi, è finalizzato a questo tentativo di armonizzare le diverse parti dell’opera, di fonderle in una successione spontanea, in un intreccio fluente, in una trama che le accomuni, che le saldi le une alle altre. L’esito di questa operazione è rappresentato da una pittura paradossale, armonica e dissonante allo stesso tempo, in cui il colore apposto dall’artista sul tessuto si fonde con il supporto e allo stesso tempo risalta, si staglia, assume una sua speciale peculiarità espressiva.
 
Gianesi, un passato fondamentale nel mondo della moda, dove ha lavorato per sedici anni al fianco di Gianni Versace, rivestendo anche il ruolo di capo stilista e responsabile dei progetti teatrali, ha piegato adesso le stoffe spesso recuperate sulle bancarelle dei mercatini, alle esplorazioni di un viaggio onirico e interiore per dar forma e consistenza ai fantasmi dell’immaginazione.
 
Nei suoi quadri - osserva il critico Roberto Borghi - il tessuto assume la valenza di “una struttura da decostruire e ricostruire, come congegno da sabotare nei suoi autentici ingranaggi, per poi riformularlo secondo una meccanica di pura invenzione””.
Alla base c’è sempre l’apprendistato avvenuto nella haute couture: “è stato realizzando patchwork di citazioni prelevate da arti e stili differenti, componendo temerari assemblaggi di suggestioni attinte da civiltà di epoche lontane e di territori remoti, come avveniva di consueto nella maison Versace, che si è fatto strada in Bruno - prosegue Borghi - l’idea che ogni stoffa in fondo non fosse altro che un collage o, forse meglio, che il collage fosse la matrice di fondo di ogni stoffa”. Da qui l’idea di lasciarsi “sedurre da un tessuto, per individuare i punti nevralgici del disegno, le zone critiche della trama, con una certa predilezione per l’accostamento curioso tra forme geometriche e colori azzardati, quindi incastonare una figura nella parte di trama selezionata, farla interagire con la stoffa, farla sembrare una germinazione del tessuto, l’esito spontaneo di un suo ipotetico sviluppo interno”.
 
 Informazioni 
Dove: Museo d’arte contemporanea c/o Castello Dal Verme - Zavattarello
Quando: dal 16 luglio (inaugurazione alle 17.00) al 15 agosto 2011

 

 
 
Pavia, 11/07/2011 (9939)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool