Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 19 febbraio 2020 (460) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Il Mio Film. III edizione
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Incontro al Caffè Teatro
» Carnevale al Museo della Storia
» Nel nome del Dio Web
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» La Principessa Capriccio
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» Francesca Dego in concerto
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Gran Consiglio (Mussolini)
» Christian Meyer Show
» Corpi in gioco

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Incontro al Caffè Teatro
» Nel nome del Dio Web
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» Gran Consiglio (Mussolini)
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 9934 del 8 luglio 2011 (3639) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
The Wall at the Opera a Pavia
The Wall at the Opera a Pavia
Il muro tra le mura: venerdì sera, nel cortile del Castello Visconteo di Pavia, il gruppo degli Hammer presenterà lo spettacolo Pink Floyd The Wall at the Opera.
 
The Wall è il titolo di un famoso doppio album dei Pink Floyd pubblicato nel 1979. È un concept album in quanto il filo conduttore è la vita di una rockstar – chiamata appunto Pink – e tutto ciò che contribuisce ad alienarlo, fino a creare un muro di incomunicabilità che lo separa dalle persone. Dall’album è tratto il film – uscito nel 1982 – e la tournée del gruppo durante il biennio 1980-81, in cui veniva costruito materialmente un muro tra la band e il pubblico che poi veniva abbattuto al termine dello show.
 
The Wall è stato fin da subito concepito su tre livelli progettuali: su disco nel novembre 1979, in concerto durante il biennio 1980-81 in quattro città (Los Angeles, New York, Londra e Dortmund) e al cinema nel 1982. A tutti i livelli è stato un grandissimo successo, sia di pubblico (con milioni di copie vendute, sold out a tutti gli spettacoli e grande risonanza del film anche al Festival di Cannes) che di critica. Inoltre grande emozione ha suscitato il concerto di Berlino riproposto dal solo Waters  – con tanti ospiti illustri – nel luglio 1990.
Ancora oggi The Wall è riconosciuto musicalmente da tutte le generazioni, anche le più giovani, come una delle opere più belle mai scritte nell’ambito della musica contemporanea (e non solo). Però, pur avendo anche un grande effetto visivo e mediatico - ben evidenziato dai concerti e dal film – non ne è mai stata ricavata un’opera teatrale.
 
Nel 2003 Roger Waters aveva ipotizzato di poterla realizzare a Broadway, ma a tutt’oggi non se n’è fatto ancora nulla. E invece avrebbe tutte le prerogative per essere un grande successo teatrale.
I personaggi della storia sono ben delineati, e possono essere interpretati dai vari attori-cantanti o ballerini: la madre, il maestro, la moglie, la groupie, il dottore, le guardie del corpo, l’avvocato, il giudice, e soprattutto Pink.
Il contesto scenico è tra i più ambiziosi da porre su un palco: la musica di grande impatto, eseguita live con attori cantanti e musicisti, fa si che lo spettacolo possa essere considerato al pari delle grandi opere rock quali Tommy, Hair, Jesus Christ Superstar, The Rocky Horror Picture Show.
Il video, che offre un ulteriore possibilità comunicativa, unitamente al suono quadrifonico che circonda completamente lo spettatore, permette un coinvolgimento completo del pubblico, sia in termini sensoriali che emozionali.
Infine Lui, il protagonista: il Muro, che viene materialmente costruito in scena durante il 1° tempo e che alla fine del 2° viene abbattuto con grande effetto scenico e, come abbiamo visto, ricco di significati.
 
È per questi motivi che il gruppo degli Hammer propone questo progetto, “poiché crediamo che possa essere un grande spettacolo con un forte messaggio introspettivo, interpretabile da ogni spettatore. E in fondo, dentro di noi sentiamo l’esigenza di rappresentare e interpretare quest’opera non solo per motivi artistici, ma probabilmente per esorcizzare un po’ il nostro muro, piccolo o grande che sia”.
 
Lo spettacolo sarà preceduto da un’esibizione del gruppo hard-rock Bad Boys, specialisti pavesi nel riproporre i migliori brani dei Deep Purple e Whitesnake.
 
Dopo 15 anni – dichiara Gian Marco Centinaio, vice sindaco e assessore alla Cultura e Turismo del Comune di Pavia – riproponiamo questo splendido spettacolo. Nel 1996 il cortile Teresiano fu letteralmente invaso da moltissima gente accorsa per assistere all’esibizione dei Nobs. Questa volta saranno gli Hammer ad esibirsi al Castello Visconteo e mi auguro che questo meraviglioso spettacolo possa avere lo stesso successo dell’altra volta. Anche questo appuntamento si inserisce perfettamente nella filosofia della Festa del Ticino 2011 che punta a soddisfare i cittadini pavesi, e non solo, di tutte la fasce d’età. Nello specifico si rivolge ad un pubblico non proprio giovanissimo, ma credo che lo spettacolo saprà attrarre anche i più giovani”.
 
 Informazioni 
Dove: Cortile del Castello – Pavia
Quando: venerdì 15 luglio 2011, ore 21.30
 
 
Pavia, 08/07/2011 (9934)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool