Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 28 aprile 2017 (795) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» PaviaPhone: le uscite di marzo
» Natale Pavese in Musica
» La Follia sale in cattedra
» Il lupo a Pavia
» Nati con la Cultura
» GustArti: si scelgono i giovani artisti
» Pavia vive Expo
» Salviamo gli Angeli
» Cast - Collezioni d’Arte Scultorea del Territorio
» Cantieri d’Autunno 2013
» Un Fiocco in Azienda
» Nati per leggere a Pavia
» Legalità e codici comunicativi
» La memoria del Po: dalle immagini alle storie
» Luoghi (comuni) d’Oltrepò
» Teatro e Cinema Europei s’incontrano a Pavia
» Luoghi (comuni) d'Oltrepò
» SH.A.R.P.
» Toccare e non guardare
» Le Regole della Libertà

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Platea Cibis
» Mec pasquale
» Disfida del riso per lo Slow Food Day
» A colazione con Alboino
» Mercatino Regionale Francese
» Hop Hop Street Food
» A Pavia torna Chocomoments
» Broni a tutto cioccolato!
» Tra sacro e gastronomico...
» Le Caciotte della solidarietà
» Chocomoments a Siziano
» Birra fai da te
» "Luca per non perdersi nel tempo"
» Festival delle birre di Natale
» Art & Ciocc a Voghera
 
Pagina inziale » Tavola » Articolo n. 9908 del 29 giugno 2011 (2934) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Perle d’Oltrepò
Perle d’Oltrepò
Parte dall’Oltrepò Pavese la sfida per trasformare la migliore enogastronomia lombarda in stile, moda ed eleganza. Si sfoderano tre armi: qualità, informazione e formazione.
 
Al via il progetto “Perle d’Oltrepò, terroir to taste”. Giovedì e venerdì arriveranno in Oltrepò Pavese 20 giornalisti nazionali e blogger di diversa provenienza per guardare con occhi nuovi a un territorio che ha molto da dire e da offrire. Tante le iniziative nell’ambito di un preciso piano strategico di valorizzazione e informazione che andrà in scena, nel corso del 2011, sotto l’egida istituzionale del Gal Alto Oltrepò e della Regione. A idearlo è stato il Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese, in qualità di capofila, in collaborazione con il Consorzio di Tutela del Salame di Varzi.
 
Il traguardo è trasformare le verdeggianti e accoglienti colline a mezz’ora da Milano in un punto di riferimento del Pinot nero italiano, facendo leva sul neonato marchio Cruasé (Metodo Classico Docg rosé), e della grande salumeria italiana, simboleggiata dal Salame di Varzi Dop (denominazione d’origine protetta). Il polo di riferimento sarà il Centro di Ricerca della vite e del vino in località Riccagioia di Torrazza Coste. Direttore scientifico del progetto sarà il giornalista enogastronomico e degustatore Massimo Zanichelli.
 
L’Oltrepò Pavese, terza Denominazione italiana per numero di ettari vitati (13mila 500), è un territorio che ha dato molto alla storia del Pinot nero, che sulle colline oltrepadane vanta il primato italiano con più di 3mila ettari in produzione. È un terroir che esprime potenzialità da rimettere al centro di un percorso orientato al futuro. Cruasé è un primo passo. A novembre saranno organizzati a Riccagioia gli Stati Generali del Pinot nero. Sarà una grande occasione di confronto, dibattito e approfondimento. Il Pinot nero in Oltrepò non è solo Metodo Classico, ma un tesoro da mettere pienamente a frutto.
 
Analogo discorso vale per il salame di Varzi Dop - difeso e valorizzato dal Consorzio di Tutela del Salame di Varzi, presieduto da Franco Nulli - un salume che meriterebbe un posto a sé nella percezione del mondo consumatore. Insieme al Varzi, re dei salumi, c’è il grande vino: all’inizio del secolo scorso le bollicine Pinot nero dell’Oltrepò Pavese arrivavano a New York ed erano comunicate per qualità e prestigio. Oggi c’è un territorio che non dimentica la sua storia tanto che, con Cruasé e un grande progetto sul Pinot nero, vuole consegnare alle generazioni di viticoltori che verranno produzioni ad alto valore aggiunto.
 
Il programma del progetto “Perle d’Oltrepò, terroir to taste” prevede campagne informative, workshop, educational e conferenze in zona di produzione (Centro studi della vite e del vino di Riccagioia, Torrazza Coste).
Dopo la presentazione del 17 maggio al Caffé Trussardi di Piazza Della Scala a Milano, il 30 giugno e il primo luglio i focus tra giornalisti, produttori e amministratori del territorio.
Questo sabato, invece, al mattino banco d’assaggio aperto al pubblico al Centro di Riccagioia.
I workshop tecnici per i produttori sono in agenda, invece, tra il 22 e il 24 settembre.
Gran finale con gli Stati Generali del Pinot nero il 18, 19 e 20 novembre.

Il Cruasé e il Salame di Varzi diventano bijoux di una terra tutta da vivere e da gustare.
 
 Informazioni 
Dove: Centro Vitivinicolo Riccagioia, Località Riccagioia - Torrazza Coste
Quando: sabato 2 luglio 2011,  dalle 9.00 alle 13.30

 

Comunicato Stampa

Pavia, 29/06/2011 (9908)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti