Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 1 giugno 2020 (941) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Vittadini Jazz Festival 2019
» l'EX|ART Film Festival
» Maggio in musica
» Da settembre la nuova stagione del Cirro
» Da Mozart a Glenn Miller
» Nkem Favour Blues Band
» Altissima Luce
» Ultrapadum 2016
» Serenata Kv 375
» 4 Cortili in Musica
» Maggio in musica
» Con Affetto
» Mirra-Mitelli chiudono Dialoghi
» La Risonanza a Pavia Barocca
» Dialoghi: Guidi-Maniscalco
» Sguardi Puri
» Le piratesse della Jugar aprono Piccoli Argini
» Il cinema è servito!
» Ultrapadum agostano

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Nel nome del Dio Web
» Incontro al Caffè Teatro
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Gran Consiglio (Mussolini)
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 9848 del 13 giugno 2011 (3585) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Up-to-Penice
Up-to-Penice
Torna “Up-to-Penice”, il festival musicale itinerante del Pavese orientale, promosso ed organizzato dall’Associazione Culturale Tetracordo di Stradella in collaborazione con la Provincia di Pavia.
 
Diretto artisticamente da Livio Bollani, esso si sviluppa lungo la ex-Strada Statale 412 della Val Tidone, dal Basso Pavese all'Alto Oltrepò, e rientra nel progetto-contenitore interprovinciale “Musica 412” della Fondazione Val Tidone Musica e della stessa Associazione Culturale Tetracordo.
L’edizione 2011 di “Up-to-Penice”, di cui La Provincia Pavese è media partner, toccherà e verrà realizzata in collaborazione con i Comuni di Villanterio, Inverno e Monteleone, Miradolo Terme, Zavattarello e Romagnese, oltre a Sarmayo.
 
"Up-to-Penice" sarà collegato anche al circuito regionale de "Il Ritmo delle Città", rete per la divulgazione del jazz e della musica colta contemporanea in Lombardia sviluppata dall’Associazione Arti e Corti di Milano in partenariato con l’Associazione Culturale Tetracordo, patrocinata dalla Regione Lombardia e sostenuta da Fondazione Cariplo.
 
Suddiviso in due filoni tematici ("Up-to-Penice Classica" e "Up-to-Penice Etnica/Jazz"), il cartellone sarà caratterizzato dalla compresenza di artisti celebrati e giovani promesse del panorama musicale internazionale.
Il filone etno/jazzistico sarà nobilitato dalla presenza di artisti del calibro dei Manomanouche, il più importante gruppo italiano di gispy-swing i cui membri costituiscono la colonna portante dell’orchestra di Paolo Conte(i Manomanouche tributeranno un omaggio al genio di Django Reinhardt nella cornice mozzafiato del castello di Zavattarello); del pianista austro-tedesco Ratko Delorko, collezionista di pianoforti ed artista eclettico capace di passare dai “Quadri” di Mussorgsky alla Filarmonica di Berlino alle proprie musiche in una cava di ghiaccio in Austria, da un recital davanti a 2000 persone a Pechino ad un “Gershwin Party” sotto al sole della Florida, dall’orchestra sinfonica di St. Martin in the Fields ad un poker di concerti a Kuala Lumpur (Delorko proporrà  il suo progetto a cavallo tra classica e jazz, da Haendel a Gershwin e Chick Corea); della Magicaboola Brass Band, scatenatissima band itinerante e da palco premiata ed invitata ad esibirsi nei più importanti festival d’Europa; di Canto Antico, gruppo che propone i ritmi ipnotici della pizzica e degli altri ritmi dell’Italia del Sud, miscelando il linguaggio della tradizione a suggestioni musicali nuove e dando vita ad un panorama sonoro contaminato, più aperto alla world music.
 
In ambito classico l’evento clou sarà rappresentato dal concerto inaugurale del Moscow Rachmaninov Trio, ensemble cameristico tra i più quotati a livello internazionale capitanatoda MIkhail Tsinman, konzertmeister del Teatro Bolshoi di Mosca. Tornerà poi a grande richiesta il Quintetto Voltagabbana con il suo progetto sulle tradizioni popolari nella musica colta, ispirato all’opera di Bela Bartok e rappresentato per la prima volta proprio lo scorso anno in occasione della prima edizione di “Up-to-Penice”
 
C’è infine da segnalare il grandissimo evento di mercoledì 6 luglio, co-produzione straordinaria che realizzerà il punto di convergenza di Val Tidone Festival e “Up-to-Penice”, con i Manhattan Transfer al confine tra le province di Piacenza e Pavia, sotto alle mura del Castello di Sarmato (Piacenza, Spazio Rotative in caso di maltempo).
Lo spettacolo dei Manhattan Transfer sarà l’unico a pagamento (informazioni su www.valtidone-competitions.com/biglietti); per tutti gli altri è previsto l’ingresso gratuito o ad offerta.
 
Consulta il programma completo.

 Informazioni 
 
 
Pavia, 13/06/2011 (9848)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool