Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 18 novembre 2019 (445) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Lectio magistralis di Vittorio Sgarbi
» Scienziati in prova
» Notte dei Ricercatori - Settimana della Scienza
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Porte Aperte
» Giornata del Laureato
» Bloomsday
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Scienziati in Prova
» SHARPER: il volto umano della ricerca
» Fiera delle Organizzazioni Non Governative e della Società Civile
» Giornata del Laureato
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 9723 del 3 maggio 2011 (3491) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Acrobazie 12345
Set estratto da performance, 2006. © Marcello Maloberti
La mostra itinerante Acrobazie 12345 è una selezione di circa 80 opere nate dall’incontro di cinque artisti italiani (Sandrine Nicoletta, Marcello Maloberti, Sara Rossi, Francesco Simeti e Flavio Favelli) con gli autori dell’Atelier di Pittura Adriano e Michele, fondato nel 1996 e ospitato presso il Centro di Riabilitazione Psichiatrica Sacro Cuore di Gesù - Fatebenefratelli di San Colombano al Lambro, che, dopo la prima esperienza internazionale a Monaco di Baviera, approda domani a Pavia.
 
Il progetto Acrobazie, a cura di Elisa Fulco, prende il via nel 2004 e conta sul sostegno del Gruppo UniCredit, che ha condiviso l’importanza del valore terapeutico e sociale dell’arte in una “contaminazione” di grande originalità.
Acrobazie è un lavoro di ricerca che da cinque anni mette a confronto e in relazione l’arte contemporanea e l’arte outsider. Un’iniziativa che si è sviluppata attraverso appuntamenti annuali in cui gli artisti hanno proposto un tema agli autori dell’Atelier e li hanno affiancati nel lavoro di produzione, condividendone la ricerca.
 
Per raccontare l’esperienza del ciclo Acrobazie si è scelto come motivo concettuale e allestitivo della mostra di Pavia quello delle cinque scatole da imballaggio da cui fuoriescono le storie e le opere prodotte dai cinque artisti e dagli autori dell’Atelier, raccontate attraverso cinque parole chiave: Equilibrio, Condivisione, Liquidità, Utopia e Identità.
 
Equilibrio, come metafora della difficoltà di mantenere un ordine mentale che può sfociare in una caduta intesa come malattia; condivisione, per lottare contro la ghettizzazione di chi sembra diverso; liquidità, per evidenziare la labilità del confine tra salute e malattia; utopia, per l’importanza che rivestono i sogni e la fantasia nei processi cognitivi umani ed infine identità, come riconoscimento della propria specificità/diversità
che deve essere sempre valorizzata.

Il titolo del ciclo Acrobazie è stato suggerito dal lavoro dell’artista bolognese Sandrine Nicoletta, ospite della prima edizione del 2004, che ha declinato il tema dell’equilibrio mettendo in scena una performance di due acrobati, ispirando così il titolo dell’intero progetto, nonché della mostra.
 
La seconda edizione del 2006 si è distinta per il lavoro di Marcello Maloberti, che ha realizzato con gli artisti outsider del Centro il tema della condivisione. In mostra due disegni realizzati con la tecnica del collage e il video Set.

Sara Rossi, artista della terza edizione del 2007, ha esplorato il concetto di liquidità che, attraverso fotografie, testi, disegni, video e video installazioni, evoca il confine sottile tra realtà e finzione, tra salute e malattia. In mostra la video installazione W, o l’isola del Fuoco, e il collage di cartoline dal titolo Carosello: un’opera che vuole trasmettere l’idea che realtà diverse possono coincidere.
 
Francesco Simeti, per la quarta edizione del 2008, ha scelto come soggetto d’indagine l’utopia con un’installazione composta da carta da parati i cui disegni derivano dalle opere degli artisti outsider. L’opera interpreta i loro desideri: una casa e una vita normale.

Nella quinta e ultima edizione del 2009 il protagonista è stato Flavio Favelli, che ha scelto come tema del workshop l’identità, resa attraverso il significato ambivalente del marchio: lasciare il proprio segno o piuttosto subire l’imposizione di un’etichetta. In mostra lavori su marchi come Martini o Alessi. Significativo il lavoro fatto su Itavia, che richiama un evento doloroso: la tragedia di Ustica in cui è stato coinvolto il DC9 della compagnia
aerea.

Volatili 2008 Carta da parati © Francesco SimetiDopo la prima tappa a Monaco di Baviera, UniCredit ha voluto presentare Acrobazie 12345 a Pavia, in collaborazione con la Residenza Universitaria Biomedica della Fondazione Collegio Universitario S. Caterina da Siena. Questa realtà è dedicata ai giovani impegnati nella ricerca (dottorandi, specializzandi ed allievi meritevoli degli ultimi anni delle facoltà biomediche). Oltre a organizzare corsi interni per gli allievi, promuove
iniziative volte alla comunità accademica e a tutta la Città di Pavia: Acrobazie è una di queste.
 
La Residenza Universitaria Biomedica, che si distingue per il proprio ruolo innovativo nell’ambito del panorama prestigioso e di grande tradizione dei Collegi di merito pavesi, ha organizzato, in occasione delle mostra Acrobazie 12345, un ciclo di incontri intitolato “Acrobatica…mente” che vede la partecipazione di illustri relatori: neuroscienziati, psichiatri, psicoterapeuti e artisti, esperti di tematiche relative ai rapporti arte-cervello, per analizzare da punti di vista diversi le implicazioni di questa importante relazione.
 
 Mercoledì 4 maggio
L’esperienza dell’atelier di pittura Adriano e Michele di San Colombano al Lambro
Tavola rotonda con la partecipazione dell’artista Flavio Favelli, della curatrice Elisa Fulco, dello psichiatra Giovanni Foresti e della psichiatra Rosangela Scioli.
A seguire l’inaugurazione della mostra.
 
 Giovedì 19 maggio
Grammatica dell’Arte Visiva
Lectio magistralis tenuta dal Professor Lamberto Maffei, Presidente dell’Accademia Nazionale dei Lincei e Professore emerito presso la Scuola Normale Superiore di Pisa.
 
 Giovedì 26 maggio
L’alleanza terapeutica fra arte e psichiatria
Tavola rotonda con la partecipazione della critica d’arte Laura Tonani e degli psichiatri Francesco Barale, Giorgio Bedoni e Fabrizio Pavone. Nell’occasione di questo incontro sarà proiettato il video di presentazione del progetto Carte Poetiche, laboratorio sperimentale di Terapeutica Artistica presso il Reparto di Psichiatria del Policlinico San Matteo di Pavia.
 

 

 
 
 Informazioni 
Dove: Residenza Biomedica Santa Caterina da Siena, via Giulotto - Pavia
Quando: dal 4 maggio al 4 giugno 2011, dal lunedì al sabato: 16.00-19.00, domenica: 10.30-12.30 / 16.00-19.00. Incontri in Aula Magna “Maria Antonietta Sairani”, nelle date indicate alle ore 18.00.
 

 

Comunicato Stampa

Pavia, 03/05/2011 (9723)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool