Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 22 settembre 2019 (313) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» Il romanzo di Baslot
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Prima che le foglie cadano
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» La bellezza della scienza
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 9673 del 15 aprile 2011 (1985) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
La nostra bandiera
La nostra bandiera
Quest’anno ricorre l’anniversario del 150° dell’Unità d’Italia, occasione per ripercorrere questi anni appassionanti, per rivivere il clima, lo spessore culturale, gli eventi ed il significato delle battaglie storiche che hanno caratterizzato questo periodo. Proprio questo spirito, questi ideali di libertà e d’indipendenza avevano già animato i primi patrioti reggiani e portato alla proclamazione della Repubblica Cispadana ed alla nascita della bandiera italiana.
 
A Reggio Emilia, il 7 gennaio 1797, il Parlamento della Repubblica Cispadana adotta la combinazione dei tre colori come proprio vessillo. La bandiera assume un nuovo significato: non più segno dinastico e militare ma simbolo del popolo e della libertà.
 
Proprio da Reggio Emilia e dalla nascita del Tricolore prende avvio il percorso la mostra "La nostra Bandiera - Dalla nascita del Tricolore all'Unità d’Italia Storie di passioni e di libertà" allestita, da sabato prossimo fino all’11 maggio, nel Cantinone del Comune di Pietra de’ Giorgi, che racconta, in venti grandi pannelli (formato 2 metri x 1), recanti immagini e didascalie ufficiali del Museo del Tricolore reggiano, la storia della nostra bandiera, seguendone cambiamenti e trasformazioni.
 
Dall’età napoleonica alla Restaurazione, quando il vessillo Tricolore viene soffocato ma, per gli italiani in lotta, continua ad essere un emblema di libertà e speranza e viene innalzato durante i moti e le rivolte che videro protagoniste tante città d’Italia.
Nel 1848, con la concessione di Costituzioni in tante parti d’Italia, la bandiera diventa il simbolo della riscossa nazionale e Carlo Alberto, annunciando la Prima Guerra d’Indipendenza, dichiara che, per dimostrare il “sentimento dell’unione italiana”, le sue truppe combatteranno con appuntato sull’uniforme lo scudo dei Savoia sovrapposto al Tricolore.
Quando nel 1861 venne proclamato il Regno d’Italia, la sua bandiera continuò ad essere il Tricolore con lo stemma dei Savoia.
 
Ripercorrere i 150 anni attraverso il vessillo nazionale diventa, quindi, un’occasione e uno spunto per ripercorrere le tappe fondamentali del nostro Paese, un osservatorio privilegiato attraverso cui scorrere la storia d’Italia, i fatti e le passioni che animarono il nostro Risorgimento.
 
La mostra è realizzata in collaborazione con l’Associazione Reggio Iniziative Culturali e il Comune di Reggio Emilia.
 
 Informazioni 
Dove: Cantinone Medievale, Piazza Don V. Arpesella, 2 - Pietra de’ Giorgi
Quando: da sabato 23 aprile (inaugurazione ore 17.00) a mercoledì 11 maggio 2001, sabato e festivi dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 18.00. La mostra potrà essere visitata anche nei giorni feriali previa prenotazione presso gli uffici Comunali (tel. 0385/85110 - e mail: info@comune.pietradegiorgi.pv.it)
 
 
Pavia, 15/04/2011 (9673)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool