Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 19 luglio 2018 (544) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» La Chiesa di San Lanfranco tra Medioevo e Rinascimento
» Dopo la Brexit, quale futuro per l’Europa
» Il Giubileo del Concilio e di Papa Francesco
» Una serata per il Sì
» Cambiamo per il cambiamento climatico
» Quo Lux Ducit
» Operare nell’emergenza Ebola
» I Giovedì del Collegio Cairoli
» La Ricerca della Felicità
» Mario Pavan, 40 anni di studi e ricerche in giro per il mondo.
» Babilonia: archeologia e mito
» Tutti i segreti dell’energia elettrica
» Abitare nell'antichità: forme e modelli
» Charles Dickens e la trascrizione del parlato
» Dalle mummie a Caravaggio
» Arte e guerra
» Leggere il pensiero non è più fantascienza
» Pericolo asteroidi
» ArkeoLogicaMente
» Progetto e costruzione

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Copia dal vero e fotografia
» Roberto Kusterle: Cronache da un altro mondo
» Concorso fotografico "Ci siamo!"
» Incontri d’Arte: Stefano Zacconi
» Vox Animae
» Nicola Attadio racconta Nellie Bly
» Bloomsday
» Siro Comics
» Incatenarsi all'oro e al vento
» Italiani, al voto!
» La Fratelli Toso: i vetri storici dal 1930 al 1980
» Incontri d’Arte: Tomoko Nagao
» Nel segno di Olivetti
» Moro. L'inchiesta senza finale
» Il mito della Nazione
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 9592 del 24 marzo 2011 (2945) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Donne e Pubblicità
Donne e Pubblicità
Lunedì sera Mario Dossoni e Letizia Blini, del Corso Interfacoltà in Comunicazione Innovazione e Multimedialità dell’Università di Pavia, proporranno un dialogo su “Donne e Pubblicità: il (non) senso di una presenza”.
 
Da sempre figure femminili sono state presenti nella promozione di prodotti di largo consumo. La donna spesso è stata ritenuta la consigliera degli acquisti. Sono passati solo alcuni decenni e immagini di donne sono presenti in qualsiasi pubblicità, indipendentemente, sembrerebbe, dall’oggetto di consumo che viene proposto. Ma è proprio così? Le immagini di donna che gli spot propongono accompagnano i beni o servizi illustrati non per presentare un valore d’uso, ma per sottolineare un possibile, presunto stile di vita in cui gli oggetti possono essere inseriti.
 
La presenza della donna che viene proposta, indipendentemente dall’essere più o meno vestita, è in molti casi una presenza ancillare direttamente o indirettamente attraverso l’esaltazione del corpo. È una forma di comunicazione che si basa su chiari e radicati stereotipi che coinvolgono congiuntamente donne ed uomini.
Diverse analisi, video che hanno avuto un’ampia diffusione hanno stimolato una riflessione critica sulla necessità di uscire per la comunicazione pubblicitaria e per molta programmazione televisiva da questi stereotipi. Ma la pubblicità, la televisione e gli altri media possono proporre un’altra definizione del femminile?
 
Sono questi i temi che verranno affrontati e il dialogo che si potrà sviluppare nella serata proposta dal Collegio Senatore. Con il supporto di video e con l’analisi di spot e immagini si cercherà di individuare le molteplici motivazioni che stanno alla base di questa continua proposta di immagini femminili per individuare strumenti di lettura per i messaggi che vengono veicolati. 
 
L’incontro si svolge nel quadro de “I Dialoghi del Collegio Senatore”, con cui vengono proposti ai giovani, in particolare, e a tutta la città, una serie di approfondimenti su tematiche di carattere culturale ed ecclesiale.
 
 Informazioni 
Dove: Sala conferenze del Collegio Senatore, via Menocchio, 1 - Pavia
Quando: lunedì 28 marzo 2011, ore 21.00

 
 
Pavia, 24/03/2011 (9592)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool