Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 24 settembre 2019 (366) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il gioco di Santa Oca
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Il romanzo di Baslot
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Prima che le foglie cadano
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 9475 del 17 febbraio 2011 (2420) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Lina, Giovanni e Bruno Alt
Particolare della locandina della mostra
Dopo i saluti della Direttrice, Maria Emanuela Salvione, verrà inaugurata da Marco Galandra, Assessore alle Biblioteche Civiche del Comune Pavia, la mostra Lina, Giovanni e Bruno Alt, una famiglia pavese colpita dalle leggi razziali fasciste, 1938-1945, curata da Gina e Paola Pisano.
 
I documenti originali conservati in parte nel Fondo Questura dell’Archivio di Stato di Pavia e in parte negli archivi del Comune di Pavia saranno esposti per raccontare una storia passata, ma ancora viva e presente.
Una storia della nostra città.
Una storia raccontata attraverso quei documenti che condannarono la famiglia Alt e che, per la celebrazione della Giornata della Memoria, vengono esposti da questo sabato al prossimo 20 marzo.
 
Giovedì 10 marzo (alle 15.00), Liliana Picciotto, responsabile di ricerca presso la Fondazione CDEC presenta il suo ultimo libro L’alba ci colse come un tradimento. Gli ebrei nel campo di Fossoli, 1943-1944.
 
Liliana Picciotto è nata nel 1947 al Cairo d'Egitto da antica famiglia sefardita di origini siriane di Aleppo.
Un anno dopo la nascita, a causa dei rivolgimenti politici in Egitto, la sua famiglia si trasferì in Italia, da dove era partita nel 1936 quando il fascismo era stato all'apice della sua affermazione.
E' cresciuta a Milano, dove si è laureata in Scienze Politiche e dove ha sempre vissuto.
Curiosa di terre, paesi, culture, è da sempre impegnata negli studi sull'ebraismo, sia laico, sia religioso.
Dal 1969 lavora presso il Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea di Milano (CDEC), avendo ricoperto varie mansioni, da bibliotecaria a conservatrice di archivio, da ricercatrice a storica.
Dal 1986 è responsabile del progetto di ricostruzione dei nomi degli ebrei arrestati in Italia durante l'occupazione tedesca e la Repubblica di Salò (1943-1945).
Ha ricevuto diversi premi e riconoscimenti.
 
 Informazioni 
Dove: presso l’Archivio di Stato, via Cardano, 45 - Pavia
Quando: da sabato 19 febbraio (inaugurazione alle ore 16.00) a domenica 20 marzo 2011; da lunedì a venerdì: 9.00 - 13.00, sabato e domenica: 11.00 - 19.00.
Ingresso: libero e gratuito, ma per gruppi e scolaresche è obbligatoria la prenotazione (tel. 0382/ 539078).
 

Comunicato Stampa

Pavia, 17/02/2011 (9475)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool