Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 25 ottobre 2020 (217) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Il Mio Film. III edizione
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Carnevale al Museo della Storia
» Incontro al Caffè Teatro
» Nel nome del Dio Web
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» La Principessa Capriccio
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» Francesca Dego in concerto
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Gran Consiglio (Mussolini)
» Christian Meyer Show
» La Storia organaria di Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Incontro al Caffè Teatro
» Nel nome del Dio Web
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Gran Consiglio (Mussolini)
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 9418 del 27 gennaio 2011 (2338) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
La Shoah a Pavia, al cinema, per ora...
La Shoah a Pavia, al cinema, per ora...
Sguardi Puri risveglia nella città la voglia di uscire di casa.
Incredibile ma vero.
Nonostante il freddo, fisico e psicologico, di queste serate.
Almeno era quello che pensavano le quasi duecento persone che gremivano la sale giovedì scorso per Somewhere di Sofia Coppola.
 
Questo giovedì la proposta si triplica: alle 18.30 sempre al Corallo Ritz per SGUARDI PURI SPECIALE SHOAH si proietta Hotel Meina di Carlo Lizzani. "...splendida villa in stile fine Ottocento affacciata direttamente sul lago e immersa in un parco secolare. Situato sulla riva piemontese del lago Maggiore a pochi chilometri da Stresa e Arona, l'albergo offre una spiaggia privata con attracco per motoscafi e piscina". Così recita il sito dell'hotel su internet oggi. Purtroppo nemmeno una parola su quella terribile storia di ebrei uccisi e gettati nel lago raccontata nel libro del giornalista Marco Nozza.
Perché "Italiani, brava gente" rischia di non essere proprio sempre così vero. Un film basato su fatti realmente accaduti, sedici ebrei italiani, provenienti dalla Grecia, viene ospitato nell'Hotel Meina di proprietà di Giorgio Benar, ebreo anche lui, ma con passaporto turco e quindi cittadino di un paese neutrale.
In seguito all'8 settembre, giorno dell'armistizio fra l'Italia e gli Alleati„ un reparto di SS capitanato dal comandante Krassler giunge a Meina. Una settimana di attesa, terrore e speranza. È una convivenza strana tra ebrei, ospiti dell'albergo non ebrei ed SS. Se esistesse un Oscar per i film sulla shoah questo film avrebbe più di una nomination, ed è difficile uscire dalla sala senza sentirsi montare dentro una fiera rabbia antifascista e tanta voglia di piangere.
 
Poi alle 8 e mezza 20.30 Senza destino – Fateless di Lajos Koltai.
Per moltissimi anni Imre Kertész, lo scrittore ungherese premiato con il Nobel per la letteratura, si era rifiutato di cedere i diritti di trasposizione del suo romanzo più famoso: Essere senza destino. Non solo di attaccamento a una propria creatura. Quel romanzo scaturiva dalle viscere, era il racconto autobiografico della sua storia. La storia di un giovane ragazzino di Budapest, quindicenne, ebreo che vede deportare nei campi di lavoro, che poi diventano di sterminio, molti dei suoi parenti. Infine tocca anche a lui. Auschwitz e Buchenwald. La sua testa riccioluta è rasata, il suo corpo subisce il degrado. Un ginocchio gli si infetta. Arriva anche la scabbia. Le angherie di un kapò ungherese. Ma Gyuri, miracolosamente, sopravvive. E mantiene anche la sua lucidità. Quando ritorna a Budapest, la sua città, tutti lo inviteranno a dimenticare l'orrore. Lui però non ha alcuna intenzione di farlo. "L'unica cosa sulla quale dobbiamo riflettere è che cosa fare in futuro. Il problema Auschwitz non è tanto quello di metterci una pietra sopra, di conservare la sua memoria o di relegarlo nei meandri della storia; di costruire un monumento per commemorare i milioni di morti o cose simili. Il vero problema di Auschwitz è il fatto stesso che sia successo, che sia esistito e questo è un fatto che non può essere in alcun modo modificato, neanche con la migliore o peggiore volontà del mondo". Poichè nei due anni passati questo film davvero importante viene visto in tutto il mondo, in tutt'Italia, ma non è MAI uscito a Pavia ecco la decisione di programmarlo in questa edizione di Sguardi Puri '011.
 
Poi arrivano le undici ed ecco la chicca più preziosa:
Il signor Morte - Mr. Death di Errol Morris, la storia incredibile ma vera di un esperto in costruzione e riparazioni di camere a gas, sedie elettriche, iniezioni letali e altri sistemi usati negli USA per somministrare la pena capitale, l'ing. Leuchter accetta nel 1988 di fare il consulente di Ernst Zündel, neonazista canadese, che vuole dimostrare in tribunale che nei lager tedeschi del Terzo Reich non furono mai usate le camere a gas.
Il noto documentarista Errol Morris ricorre a tecniche da fiction per disegnare il ritratto imparziale e asettico di questo puntiglioso e ineccepibile burocrate della morte.
Autentico saggio audiovisivo sulla “banalità del male” (quanti Eichmann esistono ancora al mondo?) il film è stato citato dal prof. Luca Gasparini, venuto a tenere per Sguardi Puri un seminario qui a Pavia dal Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma. Un film epocale che non dovrebbe mancare non solo al cinefilo, ma semplicemente al comune spettatore informato. E voi potete perdervelo? Spero proprio di no. Anche perché se chiudono anch equeste ultime tre dove andrete a vedervelo? In multisala accanto a Boldi e De Sica?
 
 Informazioni 
 

Roberto Figazzolo

Pavia, 27/01/2011 (9418)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool