Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 22 ottobre 2018 (721) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Sfalloween
» Il rischio di educare
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Mistero Buffo
» Sul Fiume Azzurro con i nostri amici a 4 zampe
» Uno Stradivari al Castello Visconteo di Pavia
» Il mantello di Don Giovanni
» La Giustizia del Buonsenso
» I manoscritti datati
» Il buon cibo parla sano
» Eurobirdwatch
» Posidonia 2... il ritorno
» Una cesa, un pivion e du Malnat
» Ma com'eri vestita?
» Zuppa alla Pavese 2.0
» Come la Luna dal cannocchiale
» Insieme per la cattedrale
» Ibridazioni sul Mito di Frankenstein
» Madama Butterfly
» Terra Pavese

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Mistero Buffo
» Il mantello di Don Giovanni
» Una cesa, un pivion e du Malnat
» Ibridazioni sul Mito di Frankenstein
» Insieme per la cattedrale
» Terra Pavese
» l'EX|ART Film Festival
» Cinema Odeon. Si riparte
» Il Personaggio
» Teatro Fraschini: Stagione 2018/2019
» Bach alla Festa della Musica....
» Video Slam: gara di sequel
» Barocco Fuori
» L’Ora Illegale
» Random
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 9370 del 10 gennaio 2011 (1704) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Quel “Gian Burrasca” di Elio…
Quel “Gian Burrasca” di Elio…
Giannino Stoppani, alias Gian Burrasca, lo scatenato protagonista del romanzo di Vamba scritto nel 1907, cantato e interpretato nei momenti salienti della sua storia dal Gian Burrasca dei giorni nostri, Elio.
Lina Wertmuller, già autrice del celeberrimo sceneggiato televisivo, nel 1964 dirigeva le otto puntate dello sceneggiato Rai “Il giornalino di Gian Burrasca”, tratto dal libro di Luigi Bertelli, in arte Vamba, pubblicato tra il 1907 e il 1908, cadenzate sulle musiche di Nino Rota, dirette da Luis Bacalov. Fu uno dei maggiori successi televisivi dell’epoca e rese immortali canzoni come “viva la pappa col pomodoro” e le buffe intemperanze del ragazzino impertinente, interpretato da una giovane Rita Pavone.
 
A quarantasei anni di distanza, in occasione del centenario della nascita del maestro Nino Rota (3 dicembre 1911 – Roma, 10 aprile 1979), Lina Wertmuller ritorna curando lo spettacolo teatrale con ensemble strumentale composto da musicisti di livello internazionale quali Corrado Giuffredi al clarinetto, Cesare Chiacchiaretta alla fisarmonica, Giampaolo Bandini alla chitarra, Enrico Fagone al contrabbasso, Danilo Grassi alle percussioni.
 
La storia, scritta in forma di diario, racconta le irriverenti incursioni di un pestifero ragazzino, dall’aspetto divertente e animo irrequieto, nel mondo conformista dell’Italia umbertina, dove le rigide regole del collegio e le ipocrisie della famiglia cadono sotto l’ironia del protagonista che si diverte a sferzare un mondo inamidato.
 
Elio cant-attore inscena delle canzoni più celebri dello sceneggiato televisivo composte dal grande Nino Rota, imprevedibile e irresistibile giocherellone, parrucca con i riccioloni e pantaloni alla zuava, conferisce allo spettacolo quella iconoclastia futurista, presente in molti passi del testo, contrapposizione critica alla borghesia del primo Novecento.
 
 Informazioni 
Quando: giovedì 13 gennaio, ore, 21.00
Dove: Teatro San Rocco, Voghera

 
 
Pavia, 10/01/2011 (9370)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool