Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 9 agosto 2020 (910) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Passeggiate di Quartiere
» Merenda di fine estate
» Via degli Abati
» Week end di Farfalle...
» La birra dei Celti al castello di Stefanago
» A caccia di tartufi
» Il salame di Varzi e la corte dei Malaspina
» Aperitivo con vista: le api dei monti
» Da Varzi a Portofino
» Orchidee in Oltre
» Butterflywatching in Valle Staffora…. In cerca di rarità
» In bocca al lupo
» Tra vino e castelli
» Pane al pane
» Da Fego al rifugio Nassano
» Sentiero dei Castellani
» Tra i vigneti del Versa sul sentiero delle torri
» Passeggiata tra storia, natura e benessere....
» Le sabbie dell’Oltrepò
» Lunapiena Bike

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Biodiversità degli animali
» Riabitare l'Italia & Appennino atto d'amore
» Festa dell'Albero 2019
» Lotte biologica, l'importanza dell'impollinazione da parte delle api
» Come moltiplicare le piante in casa: tecniche e consigli
» Corso sulla biodiversità urbana
» Passeggiata naturalistica
» Corso base di acquarello naturalistico
» La Margherita di Adele
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» BiodiverCittà - passeggiata al Parco della Sora
» Biodivercittà - passeggiata al Parco della Vernavola
 
Pagina inziale » Ambiente » Articolo n. 9238 del 16 novembre 2010 (2692) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Lungo il Sentiero Verdazzurro
Lungo il Sentiero Verdazzurro
Con questo trek, il Gruppo Escursionistico Appennino Pavia conclude l’attività 2010. Come ultima escursione dell’anno si è scelto un tratto del Sentiero Verdazzurro, nella Riviera di Levante.
 
Questo lungo percorso che unisce Genova a Portovenere attraverso le città e i borghi della Riviera di
Levante, è nato con il proposito di presentare l'immagine di una parte di Liguria che descriva il suo passato, le sue tradizioni, la sua gente. Il sentiero, interamente pedonale e a breve distanza dalla costa, regala vedute di rara bellezza.
Il titolo Verdazzurro non a caso rappresenta la sintesi delle due anime di questa regione: da una parte il mare sconfinato e dall’altra il territorio severo della Liguria che arriva ad altezze impensabili a pochi chilometri dalla costa.
 
Il trekking inizia da Deiva Marina in provincia della Spezia, situata nella vallata dei torrenti Deiva e Castagnola, in prossimità della foce, sulla Riviera di Levante, rinomata e frequentata località balneare. La cittadina è divisa in due parti principali: il paese vecchio, che si sviluppa attorno alla piazza antistante la chiesa di Sant’Antonio Abate, e la Marina, un’area più recente che si affaccia sul mare.
Deiva Marina è circondata da rilievi, tra cui il più elevato è il monte San Nicolao (847 metri s.l.m.) (facilmente riconoscibile perché sormontato da antenne e ripetitori televisivi), che alternano
strapiombi a picco sul mare e tratti immersi nei boschi di castagno, particolarmente suggestivi in autunno.
Il territorio è costituito da elementi antropici caratteristici, dai borghi marinari delle Cinque Terre ai piccoli paesi inerpicati sulle pendici delle scogliere, ai caratteristici terrazzamenti, che scendono a picco dalla sommità delle colline fino a lambire il mare, tenuti insieme da monumentali muretti a secco, veri e propri capolavori costituiti da solo pietre abilmente incastrate tra di loro, e coltivati a vigneto.
 
Altra località rinomata che s’incontra lungo il percorso del trek, è Moneglia che, situato allo sbocco della Val Petronio, è l’ultimo comune orientale della provincia di Genova.
Il paese si trova all'interno di una baia delimitata da due promontori, entrambi ricchi di vegetazione
mediterranea: ad ovest si estende il promontorio di Punta Moneglia e ad est quello di Punta Rospo. Mentre il primo è interamente selvaggio, il secondo presenta diverse zone residenziali fino all'abitato di Lemeglio.
Moneglia forse grazie alla sua posizione geografica che la vede incastonata come una gemma tra l'azzurro del mare e il verde dei suoi monti a ridosso, o ancor più per i suoi uliveti e vigneti che in tempi lontani dovevano essere molto più estesi e produttivi di quanto non lo siano ai giorni nostri, fin dall’antichità il borgo di Moneglia si era meritato l'appellativo latino di “monilia”, cioè gioiello, da cui con ogni probabilità trae origine il suo nome.
 
Il trekking si conclude a Riva Trigoso frazione del comune di Sestri Levante, formata da due parti distinte, all’interno Trigoso la più antica e sul mare anticamente nominata la Ripa da cui Riva di Trigoso, poi Riva Trigoso. Riva si affaccia su un ampio golfo delimitato da Punta Manara verso ovest, dietro la quale si trova Sestri Levante e da Punta Baffeverso est, dietro la quale si trova Moneglia.
Nel centro del golfo sfocia il torrente Petronio, spesso in secca, che divide la frazione in due
parti; la zona di Ponente è infatti un tipico borgo di pescatori che da pochi anni ha notevolmente rinnovato le sue infrastrutture turistiche mentre a Levante sorgono i cantieri navali.
Una passeggiata a mare costeggia l'ampia spiaggia. La zona di Levante, invece, è costituita da abitazioni risalenti al 1900 circa ed ospita il cantiere navale di Riva Trigoso della Fincantieri e i principali stabilimenti balneari.
 
 Informazioni 
Dove: ritrovo presso il Piazzale della Stazione Ferroviaria - Pavia
Quando: domenica 21 novembre 2010, ritrovo ore 06.45, partenza ore 7.00
Partecipazione: non sono ammesse persone non assicurate contro infortuni.
Per informazioni e iscrizioni: entro il venerdì sera precedente c/o Consiglio Circoscrizionale Pavia Storica, Piazza della Vittoria, 21 - Pavia. Tel: 338/4746754 (Giuseppe Pireddu, presidente del GEA)
 
 
Pavia, 16/11/2010 (9238)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool