Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 18 novembre 2018 (718) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Merenda di fine estate
» Via degli Abati
» Week end di Farfalle...
» La birra dei Celti al castello di Stefanago
» A caccia di tartufi
» Il salame di Varzi e la corte dei Malaspina
» Aperitivo con vista: le api dei monti
» Da Varzi a Portofino
» Orchidee in Oltre
» Butterflywatching in Valle Staffora…. In cerca di rarità
» In bocca al lupo
» Tra vino e castelli
» Pane al pane
» Da Fego al rifugio Nassano
» Sentiero dei Castellani
» Tra i vigneti del Versa sul sentiero delle torri
» Passeggiata tra storia, natura e benessere....
» Le sabbie dell’Oltrepò
» Lunapiena Bike
» Quattro passi tra le foglie d'autunno

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» La terra di sotto. Il business dei rifiuti
» Quello che i semi non dicono
» Una fame mostruosa
» Sfalloween
» Sul Fiume Azzurro con i nostri amici a 4 zampe
» Mostra dei Funghi
» Eurobirdwatch
» Posidonia 2... il ritorno
» Maratona fotografica
» Corso di acquarello naturalistico
» Antiche cultivar tradizionali locali lombarde ortive
» The Big Draw
» Merenda di fine estate
» Notte dei pianeti con eclissi totale della luna
» Al Giardino delle farfalle
 
Pagina inziale » Ambiente » Articolo n. 9171 del 22 ottobre 2010 (2398) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
La valle dell'eco
La valle dell'eco
Un’altra domenica in gita con l’associazione culturale naturalistica “La Pietra Verde”, che questa volta propone un’escursione lungo l’Anello di San Ponzo, attraverso la “Valle dell’eco”.

Il percorso, di circa 8,5 chilometri, ha inizio da un caratteristico paese: San Ponzo Semola (308 m. s.l.m.), posto alle pendici del Monte Vallassa, sulla sponda sinistra del torrente Staffora. Attraversato il paese, si prosegue su strada sterrata per circa 2 Km fino a giungere alle Grotte di San Ponzo (580 m. s.l.m.), questi anfratti, scavati nei milioni di anni dalle infiltrazioni dell’acqua, hanno formato alcune cavità di notevoli dimensioni, permettendo addirittura la costruzione di una piccola chiesetta all’interno di una delle grotte, luogo dove l’omonimo Santo, scelse di vivere, tra questi boschi, come eremita.

Proseguendo lungo il percorso si costeggia, attraversando boschi di castagno secolari, il Rio Semola, dove si possono osservare le arenarie del Monte Vallassa, rocce deposte in milioni di anni che rappresentano un libro da sfogliare e scoprire. Si possono, infatti, vedere i depositi e i fossili lasciati dal mare quando era “tranquillo” e i fini sedimenti che si depositavano lentamente nel fondale, oppure cosa trasportavano a riva le tremende tempeste che, di tanto in tanto, sconvolgevano la vita degli organismi che popolavano la costa.

Procedendo in leggera salita, si giunge alla Sorgente dell’Arsazza, si devia a destra e si raggiunge in circa 20 minuti la frazione di Serra del Monte. Poco prima della frazione, si incrocia un’antica Via del Sale, denominata: “La Via del Mare”, sentiero che, scavalcando l’Appennino, collegava la Pianura Padana al Mar Ligure, unendo la città di Tortona alla splendida insenatura di Portofino (circa 4 giorni di cammino).

L’escursione rappresenta un’occasione per ammirare la morfologia delle valli che dal crinale appenninico scendono fino alla pianura padana, generando ambienti con caratteristiche spesso molto diverse. La vita animale e vegetale risponde a sua volta a questa varietà di ambienti, con appositi adattamenti e riunendosi in comunità con caratteristiche peculiari. Compiendo uno spostamento dalla pianura verso le montagne, i partecipanti potranno osservare specie arboree diverse, riunite in tipi forestali diversi. In pianura e nelle zone collinari si troveranno boschi di roverella (la quercia più diffusa nei nostri ambienti), cui spesso si uniscono il carpino nero e l’orniello, a volte formando essi stessi tipi particolari di bosco. Oltre il piano collinare, superati i mille metri di altitudine, querce, castagni, frassini e carpini lasciano spazio al faggio; quest’ultimo forma boschi puri, tipici della nostra catena appenninica.

Ai partecipanti si raccomanda di indossare scarpe da trekking e portare con sé felpa, mantellina impermeabile, pranzo al sacco ed eventuali binocolo e macchina fotografica.

 
 Informazioni 
Dove: ritrovo presso la Piazza Municipale di Ponte Nizza
Quando: domenica 31 ottobre e 14 novembre 2010, ore 8.30
Partecipazione: per i non associati 2,00 euro, per la copertura assicurativa.
Per informazione e prenotazioni: tel. 338/5291405 (Riccardo), 338/4343604 (Pierluigi), 338/4994045 (Francesco); e-mail: assopietraverde@yahoo.it.

 
 
Pavia, 22/10/2010 (9171)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool