Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 31 ottobre 2020 (174) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Giornata Internazionale delle Bambine e delle Ragazze
» Comune che vai, fisco che trovi
» Cyberbullismo: il male sottile
» Cities for Life - Città per la Vita/Città contro la Pena di Morte
» Evviva la Repubblica
» Ecco la carta dei servizi e dei diritti per i Musei di Pavia
» Nasce Radio Local
» Treno Verde 2016
» Pavia ad HappyCube
» Un altro Sanremo alle spalle
» Minerva d'Artista
» Appesi a un filo, ma senza rassegnazione
» I Beatles in edicola
» Madagascar 3: Ricercati in Europa. Ma anche a Pavia...
» Chiusura dei cinema Corallo e Ritz
» InfoMatricole 2012
» Pavia-Innsbruck: un gemellaggio possibile?
» Buio in sala? Prima che i cinema chiudano anche a Pavia
» Una fiaccolata per sensibilizzare sull’autismo
» Oscar 2012!

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 9143 del 13 ottobre 2010 (2597) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
E adesso, povero… suonatore ?
E adesso, povero… suonatore ?
Parafrasando il titolo di un famoso romanzo di Hans Fallada, inizio queste dolenti note riferite ai musicisti pavesi.
 
Finita l’estate, le feste della birra, le feste di piazza, i concerti benefici, i locali improvvisati su un’aia o su una spiaggia, inizia un inverno molto buio per chi cerca un posto in cui suonare davanti ad un pubblico.
A Pavia la situazione è al collasso totale: ormai resta un solo palcoscenico cittadino: quello di Spaziomusica e, con tutta la più buona volontà da parte dei gestori, non è possibile offrire più di una (massimo due, per alcuni) occasione per esibirsi.
Pensate forse che a Pavia non ci siano più musicisti?
Errore!
 
La città è piena di ragazzi che suonano (e anche bene) che hanno un assoluto bisogno di pubblico per verificare il loro sound, la loro musica, la bontà delle loro composizioni, per “crescere” (musicalmente parlando) anche a costo di scontrarsi con fischi e pubblici avversi.
Ma se se ne restano rinchiusi in una sala prove (ammesso che la trovino, ma -per fortuna ed iniziativa privata- ultimamente ne stanno sorgendo di nuove) a continuare a provare e non riescono mai a salire sul palco, sono destinati ad una fine ingloriosa.
 
E poi ci sono gli ex-ragazzi, quelli che suonano da una vita, che non hanno nessuna intenzione di mollare il mazzo e sgomitano come pazzi per avere anche loro un’opportunità di incontrare il loro pubblico.
Un dissennato desiderio di assoluta tranquillità da “in ciabatte davanti alla televisione…e che nessuno mi rompa le balle”, ha portato i cittadini pavesi (non certo contrastati dalle autorità locali) con la loro intolleranza a far sì che i locali chiudessero (o venissero chiusi).
 
Non basta l’iniziativa di Orquestra, che si danna l’anima a scovare locali in provincia e a convincere gestori demotivati a provare a far suonare dal vivo le nuove band. Ne tantomeno sono sufficienti i tentativi sporadici (e a volte maldestri) di trasformare piccoli bar in sale da concerto.
E allora?
Da anni (direi ormai decenni) sostengo la necessità di un impegno diretto della municipalità nel risolvere il problema dello spazio per i giovani e la musica a Pavia: non servono progetti faraonici (che svanirebbero nel nulla o sarebbero di difficile gestione), basterebbe un capannone attrezzato, in regola con le norme, senza inutili concessioni alla “forma”.
E, si badi bene, non sto facendo accuse all’attuale amministrazione (sono appena arrivati e sarebbero ancora in tempo a fare qualche cosa), ma a tutte quelle che l’hanno preceduta che di parole ne hanno spese tante, ma di fatti….pochi.
 
E poi di accuse ne faccio ai genitori di questi ragazzi che suonano e che vogliono divertirsi. Questi “nuovi grandi”, quelli che oggi contano in città, quelli che vogliono la pace e il silenzio, troppo presto si sono dimenticati di essere stati ragazzi anche loro (scusate la retorica); o forse lo sono stati ed erano tutti “indormenti e impabiati”?
Non credo proprio!
E poi vorrei che meditassero una volta per tutte su questo fatto: se di locali da musica o da ballo in città non ce ne sono più (e non se ne vogliono più), i loro figli sono costretti a percorrere chilometri per raggiungere quelli aperti in provincia; di notte, con il buio, spesso con la nebbia o il ghiaccio, quasi sempre rintronati (al ritorno) da tutto quello che comporta una nottata con gli amici.
Non vorrei essere cinico, ma poi non ci si deve disperare per gli incidenti.
Non si può avere “la botte piena e la moglie ubriaca” (anche questa è una figura retorica ma, quando ci vuole, ci vuole).
 
Meditate gente, meditate.
 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 13/10/2010 (9143)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool