Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 14 dicembre 2019 (155) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» BirrArt 2019
» Torre in Festa
» Festival dei Diritti 2019
» Ticino EcoMarathon
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» “Barocco è il mondo” Sbarco Sulla Luna
» Non solo Cupola Arnaboldi – Pavia fa!
» Festa del Ticino 2019
» Scarpadoro di Capodanno
» Giornata del Laureato
» Africando
» Palio del Ticino
» BambInFestival 2019
» RisvegliAmo la Relazione: Io e l'Ambiente – II edizione
» Festa del Roseto
» Festa di Primavera: Mostra dei Pelargoni
» Next Vintage
» L'Università diventa una palestra
» GamePV

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Lo sguardo di Maria
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
» Mercatino del Ri-Uso a Borgarello
» Leonardo e la Via Francigena a Pavia
» Tracce
» IT.A.CÀ
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 9124 del 5 ottobre 2010 (2563) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
XXX Palio delle Contrade
XXX Palio delle Contrade
L’allestimento di un borgo rinascimentale nel cuore della città ducale e un sontuoso banchetto alla Rocca Vecchia, ambientato nella stessa epoca, fanno da corollario alla 30^ edizione del Palio delle Contrade di Vigevano.
 
Aprono la manifestazione venerdì  8, fiaccolata dei figuranti in onore del Beato Matteo, cui il Palio è dedicato, e la Santa Messain San Pietro Martire (ore 21.00), con la partecipazione dei rappresentanti delle Corporazioni delle Arti e dei Mestieri ad animare la celebrazione eucaristica.
 
Sabato nelle vie del centro storico di Vigevano e nella Strada Sotterranea del Castello sarà possibile visitare le bancarelle del borgo rinascimentale: tanti stand che offriranno ai visitatori la possibilità di degustare prodotti tipici, acquistare cibi e bevande di gusto rinascimentale – come la cotignola e il dolce riso del Moro – e di perdersi piacevolmente tra i colori, gli oggetti e gli attrezzi delle dodici Corporazioni delle Contrade.
 
Appuntamento clou della giornata sarà la Cena nella Rocca Vecchia, alle 20.00 presso la Cavallerizza del Castello, dove, su prenotazione, sarà possibile deliziare il palato con un ricco menù di ricette storiche (Pane bruschulato al gusto del Signore Sforza, Caso et nuci in canestro de herbe vermiglie, Ova de quaglia cum mostarda et salvia fricta, Prune cum lardo, Frictelle piene di vento cum salzicchia… per citare solo il “Primo Servizio di Credenza”) in una suggestiva ambientazione rinascimentale.
Oltre al pubblico che vorrà intervenire, saranno ospiti del Duca e di Madonna Bianca Maria Visconti, sua sposa, i notabili del luogo, il Podestà Paolo Brasca, il Console Abramo degli Ardizzi, designato dal Consiglio dei Dodici Saggi quale loro portavoce, Notaro Giacomo da Policastro, Castellano di Vigevano e altri rappresentanti dei proprietari terrieri, Marcolino Barbavara e Giorgino da Gravalona… tutti agghindati con fedeli riproduzioni di abiti d’epoca. Il tutto sarà allietato dai musici di Arundel, che suoneranno spinetta, percussioni, cornamusa e bombarda, esibizioni a cura del Biancofiore, che proporrà bassadanza rinascimentale, e dei Clerici Vagantes con spettacoli di giocoleria, fuoco, rime e parodie… Inoltre, per divertire i commensali, quest’anno è stato organizzato anche uno spettacolo a sorpresa.
 
Domenica 10 ottobre, giornata ufficiale del Palio, sarà anche una domenica di grandi sfide: mentre i 400 figuranti delle contrade sfileranno con la Corte Ducale per le vie del Centro Storico (a partire dalle 15.00), nel Cortile del Castello (intorno alle 16.00), si svolgerà il Palio dei Fanciulli, che non si era potuto concludere a maggio a causa del maltempo e il cui punteggio ottenuto dai fanciulli costituirà la griglia di partenza per i giochi della 30^ edizione del Palio.
 
Il cencio – quest’anno dipinto dalla pittrice vigevanese Maria Grazia Simonetta - verrà assegnato alla contrada che totalizzerà il miglior punteggio al termine delle quattro gare disputate: il Gioco dell'Albero del Melo Cotogno, vuole ricordare le origini leggendarie della dinastia Sforza, la Corsa con le carriole e quella con il cerchio, nonché la Costruzione della Torre del Bramante.
La Strada Sotterranea (con ingresso da via XX Settembre), nel frattempo, sarà di nuovo aperta per la “Visita al borgo”.
 
Lunedì 11, Festa del Beato Matteo, verrà celebrata (ore 18.30) la  Santa Messa di ringraziamento presso la chiesa di San Pietro Martire.
In serata (ore 21.00) al Teatro Cagnoni, l’Associazione Sforzinda, organizzatrice del Palio da tempo facente parte della Federazione Italiana Giochi Storici, sarà protagonista della serata di gala per il 23° Premio Castello, che la Pro Loco di Vigevano organizza ogni anno per conferire un riconoscimento ufficiale al personaggio o all'istituzione che maggiormente ha saputo valorizzare la nostra città.
 
 Informazioni 
Dove: Vigevano
Quando
: dall’8 al 10 ottobre 2010
Partecipazione
: su prenotazione alla cena alla Rocca Vecchia, telefonando a Vigevano Promotions 0381/690370 - Costo della serata 35,00 euro. Il costo d’ingresso al Castello è, invece, di 1,00 euro.
Per informazioni: consultare il sito internet della manifestazione o scrivere a info@paliodivigevano.it
 

La Redazione

Pavia, 05/10/2010 (9124)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool