Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 1 giugno 2020 (972) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Vittadini Jazz Festival 2019
» l'EX|ART Film Festival
» Maggio in musica
» Da settembre la nuova stagione del Cirro
» Da Mozart a Glenn Miller
» Nkem Favour Blues Band
» Altissima Luce
» Ultrapadum 2016
» Serenata Kv 375
» 4 Cortili in Musica
» Maggio in musica
» Con Affetto
» Mirra-Mitelli chiudono Dialoghi
» La Risonanza a Pavia Barocca
» Dialoghi: Guidi-Maniscalco
» Sguardi Puri
» Le piratesse della Jugar aprono Piccoli Argini
» Il cinema è servito!
» Ultrapadum agostano

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Incontro al Caffè Teatro
» Nel nome del Dio Web
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» Gran Consiglio (Mussolini)
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 8895 del 14 giugno 2010 (4314) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
DEPARTURES: il cinema tra seduzione ed inganno
DEPARTURES: il cinema tra seduzione ed inganno
“Immaginare un linguaggio” è ciò che ci piacerebbe fare, per dirla col grande Wittgenstein.
Se infatti rappresentare, immaginare hanno a che fare, come dimostrano le parole, con la “visione” che cosa di meglio di una rassegna estiva viva, varia, il più possibile intelligente, che, ancora una volta l'etimo, sta cioè dentro alle cose, per vivificare l'estate a Pavia?
 
Il Comune di Pavia, settore cultura, turismo e promozione della città, la Provincia di Pavia settore beni e attività culturali, la Regione Lombardia, CIE Attività Culturali e l'associazione cinematografica riconosciuta dal ministero Cinetica Film Club presentano la rassegna cinematografica estiva: DEPARTURES: il cinema tra seduzione ed inganno, 31 film all'aperto per cinema sotto le stelle 2010, una rassegna a cura diRoberto Figazzolo.
 
L'iniziativa che prenderà il via (presso il Chiostro dell'Istituto Vittadini, via Volta 31 a Pavia) martedì 29 giugno con il film di Paolo Virzì La prima cosa bella, intende recuperare per un pubblico attento e consapevole molte delle prime visioni importanti, che non hanno purtroppo trovato spazio nella consueta programmazione cinematografica commerciale in città.
Ed è proprio il tema della rassegna, il viaggio, le “partenze” coniugato alla sempre viva seduzione, al costante e ricercato inganno, che si accompagna alla visione di ogni buon film, ad indicare la via, il modo scelto per raccontare questa storia.
 
Ma Departures è anche il titolo di uno dei film proposti, vincitore, tra l'altro, dell'Oscar come Miglior Film Straniero del 2009. E al suo centro sono le “dipartite”, più che gli spostamenti. Il “Viaggio” piuttosto che “i viaggi”.
Non dimentichiamo poi che l'attraversamento di spazio, di tempo, l'incontro, le relazioni sociali e personali, costituiscono il nostro vero viaggio su questa terra, ecco dunque film come La prima cosa bella, uno dei successi italiani più importanti dell'anno, ma ancora inedito a Pavia, se si esclude una sola proiezione in rassegna a INDIE 14.
Tra tragedie compassionevoli (Shutter Island, Amabili resti, Welcome) ed umorismo grottesco (Il concerto, Soul Kitchen, Capitalism a love story), rinascite spirituali (Avatar, Lourdes) e superamento delle convenzioni sociali (Mine vaganti, Alice in Wonderland) il programma di Departures offre anche alcune chicche assolute come gli ultimi film di Alain Resnais Gli amori folli e di Ken Loach Il mio amico Eric, due metaforici viaggi anche questi nel caos assurdo delle nostre esistenze, e tra l'altro con la caratteristica di non essere mai stati mostrati nemmeno in rassegna in città.
 
Una particolare attenzione infine è stata mostrata nei confronti di un cinema più appartato, colto e raffinato, che non rinunci a parlare di temi importanti, da sempre in testa alle classifiche di gradimento per l'attento quanto consapevole e cinefilo pubblico estivo cittadino: film come il tunisino Il canto delle spose, con la sua vicenda di amicizia femminile e tradita dalla Storia degli uomini o l'italiano L'uomo che verrà, con il dramma personale di una bambina, che si ibrida di quello generale della guerra, rispondono proprio a questa esigenza.
 
Come si vede un programma ampio, vasto, variegato, che conferma lo stato di ottima salute di un medium, quello cinematografico, che non rinuncia a dire la sua in ogni campo e su ogni tema, psicologico, politico, economico o sociale che sia. Evidentemente Ludwig Wittgenstein ha ancora ragione, ed il suo motto: “Non pensare, guarda!” può diventare quello di questa, lo speriamo davvero, interessante quanto coinvolgente iniziativa.

Buone visioni, da un irriducibile “visionario”
 
Consulta il programma completo.

 Informazioni 
 

Roberto Figazzolo

Pavia, 14/06/2010 (8895)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool