Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 15 novembre 2019 (324) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Oltrepò Pavese. L'Appennino Lombardo
» Marco Bianchi e "La cucina delle mie emozioni"
» Napoleone anche a Pavia
» Semplicemente Sacher
» Oltrepò infinitamente grande, infinitamente piccolo, infinitamente complesso
» Un nodo al fazzoletto
» Vigevano tra cronache e memorie
» Il Futuro dell’Immagine
» L' Eredità di Corrado Stajano
» "Sorella Morte. La dignità del vivere e del morire”
» Il pentagramma relazionale
» Ghislieri 450. Un laboratorio d’ Intelligenze
» Progettare gli spazi del sapere: il caso Ghislieri
» La Viola dei venti
» Solo noi. Storia sentimentale e partigiana della Juventus
» L'estate non perdona
» Il manoscritto di Dante
» Per una guida letteraria della provincia di Pavia
» Il naso della Sfinge
» A Londra con mia figlia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Lectio magistralis di Vittorio Sgarbi
» Scienziati in prova
» Notte dei Ricercatori - Settimana della Scienza
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Porte Aperte
» Giornata del Laureato
» Bloomsday
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Scienziati in Prova
» SHARPER: il volto umano della ricerca
» Fiera delle Organizzazioni Non Governative e della Società Civile
» Giornata del Laureato
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 877 del 10 marzo 2003 (1824) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Il sistema caritativo-assistenziale...
Il sistema caritativo-assistenziale...

L'attualità del messaggio che "Il sistema caritativo-assistenziale nella Lombardia medievale. Il caso pavese" restituisce al lettore rappresenta un capitolo inesplorato della storia della carità e della spiritualità in un momento in cui il cittadino non solo è utente dei servizi erogati, ma diventa erogatore egli stesso e protagonista con il volontariato e con donazioni pro anima.

Il concetto di sussidiarietà, oggi più volte richiamato, trova la sua più piena applicazione già in epoca medievale e, come ha fatto notare il Commissario del Policlinico Giovanni Azzaretti in sede di presentazione, molte pagine del libro trattano un tema di straordinaria attualità: "La storia si ripete: nel passato si sono fatte le stesse cose, tant'è che nel testo si parla di malagestione della sanità, di fondazioni ospedaliere, di processo di unificazione degli ospedali, di contese sull'appropriazione delle donazioni...".

Viene indagata la variegata realtà pavese dell'assistenza, della accoglienza e della cura in epoca medievale, messa a confronto con il sistema lombardo, dando conto dei protagonisti più significativi, dei punti di forza di maggior rilievo e delle specificità più evidenti. Ne emerge un quadro complesso e multiforme nel quale Pavia e il suo territorio, per alcuni aspetti, si collocano, rispetto alle città dell'Italia settentrionale, in modo del tutto originale.

Momento cardine del sistema assistenziale-sanitario pavese è rappresentato dalla fondazione dell'ospedale San Matteo (1449) voluta da una confraternita laicale e sollecitata dall'intraprendente frate domenicano Domenico da Catalogna, in sintonia con le linee della riforma ospedaliera della metà del Quattrocento che imponeva, tra l'altro, l'accorpamento di molti piccoli ospedali, ospedaletti, ospizi in un unico hospitale grande. Fenomeno che Pavia conosce solo marginalmente poiché il San Matteo si pone da subito come ospedale di cura per malati, anziché come ospizio per l'assistenza ai bisognosi, rifiutando addirittura l'accoglienza dei bambini abbandonati e dei poveri.

"Era nato l'ospedale moderno", come ha evidenziato il professor Antonio Rigon, ordinario di Storia medievale all'Università di Padova, il quale ha messo in luce un'altra peculiarità pavese: la città godeva di una forte iniziativa privata (poco dipendente dai poteri laici ed ecclesiastici), lo dimostrano le oltre 80 fondazioni ospedaliere distribuite sul territorio provinciale.

 
 Informazioni 
Il sistema caritativo-assistenziale nella Lombardia medievale. Il caso pavese

Di Renata Crotti
Collana del Dipartimento di Scienze storiche e geografiche "C. Mario Cipolla"
Università degli Studi di Pavia
Edizioni Cardano, Settembre 2002
282 pagine + abbreviazioni, sigle e indici (a cura di Fabio Bargigia)
 

La Redazione

Pavia, 10/03/2003 (877)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool