Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 22 aprile 2021 (512) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Un anno al Fraschini
» I Fratelli Lehman
» Il Gabbiano
» Caffè Corretto
» After Miss Julie
» Se il tempo fosse un gambero?
» Ogni volta che si racconta una storia
» Teatro Fraschini: Stagione 2018/2019
» Il corpo che... avanza
» Novecento
» Spirito di Copenaghen
» Quà quà attaccati là
» Sette topi in cucina. Chi ha paura di Le Grand Miaò?
» Stelle Erranti. Perché il vento non le porti via
» Sogno di una notte di mezza sbronza
» Piccoli Crimini Coniugali
» Ed ero più mata de prima
» Fabule & Scarpule
» Il Mercante di Monologhi
» Tramp

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Nel nome del Dio Web
» Incontro al Caffè Teatro
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Gran Consiglio (Mussolini)
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 8689 del 15 aprile 2010 (2509) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Un bacio a mezzanotte
Un bacio a mezzanotte
Gigi Franchini, accompagnato al pianoforte da Marco Paderni, sarà ospite sabato sera al teatro Besostri di Mede, con lo spettacolo interamente dedicato alle canzoni degli anni ’40, dal titolo “Un bacio a mezzanotte”.
 
Si passa dai maliziosi sorrisi delle canzoni d’anteguerra (Adagio Biagio, Sulla carrozzella, Ma le gambe) misti ai languori di Violino tzigano e Parlami d’amore Mariù, all’allegria imposta forzatamente dal regime nei tempi bui della guerra (Baciami piccina, Voglio vivere così, Ho un sassolino nella scarpa) temperata però da pensose allusioni all’uomo lontano (Ma l’amore no) e al disastro imminente (Signora illusione, quest’ultima camuffata come canzone d’amore).
Cocktail di allegria e di sentimentalismo anche nei brani del dopoguerra: dalle accorate Nostalgia de Milan e La signora di trent'anni fa si passa alle spensierate Camminando sotto la pioggia, A zonzo e C'è un uomo in mezzo al mare.
 
E così via in questa divertente e al tempo stesso commovente galoppata attraverso le canzoni che nell'arco di tre decenni fecero divertire e sospirare gli italiani: dalle agognate Mille lire al mese al ridicolo Pippo non lo sa, per passare alle confidenziali Sono tre parole, Silenzioso
slow e Bambina innamorata.
 
Due ore con Gigi Franchini all'insegna dell'amarcord e del buonumore, accompagnato dagli arrangiamenti musicali a volte scherzosi, a volte languidi, del Maestro Marco Paderni.
 
 Informazioni 
Quando: sabato, 24 aprile, ore 21.00
Dove: Teatro Besostri, Mede
Biglietti: interi euro 16,00 – ridotti euro 12,00
 
 
Pavia, 15/04/2010 (8689)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool