Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 18 novembre 2017 (445) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» PaviaPhone: le uscite di marzo
» Natale Pavese in Musica
» La Follia sale in cattedra
» Il lupo a Pavia
» Nati con la Cultura
» GustArti: si scelgono i giovani artisti
» Pavia vive Expo
» Salviamo gli Angeli
» Cast - Collezioni d’Arte Scultorea del Territorio
» Cantieri d’Autunno 2013
» Un Fiocco in Azienda
» Nati per leggere a Pavia
» Legalità e codici comunicativi
» La memoria del Po: dalle immagini alle storie
» Perle d’Oltrepò
» Luoghi (comuni) d’Oltrepò
» Teatro e Cinema Europei s’incontrano a Pavia
» Luoghi (comuni) d'Oltrepò
» SH.A.R.P.
» Le Regole della Libertà

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Africa da immaginario e realtà
» The Dead City Project
» Informazione e disinformazione tra Rete e realtà
» Incontro con Mino Milani
» Conversazioni pavesi con Daniele Novara
» Il Futuro dell’Immagine
» Studi sull'alto medioevo pavese
» Abitare la bellezza
» Da Ninive a Mosul
» "Sorella Morte. La dignità del vivere e del morire”
» Design e Arte per la Ricerca Scientifica
» Dondi e Petrarca: un'amicizia tra Padova e Pavia
» L' Eredità di Corrado Stajano
» Limyè
» DNA: un affare che scotta
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 8497 del 16 febbraio 2010 (2573) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Toccare e non guardare
Toccare e non guardare
È stato presentato questa mattina “Toccare e non guardare - progetto didattico per l’accessibilità ai beni culturali”, iniziativa sostenuta dall’Assessorato alla Solidarietà sociale e parità della Provincia di Pavia e da Pavia Musei - Sistema Museale di Pavia del suo Ateneo e della sua Certosa in collaborazione con l’Istituto di istruzione superiore A. Volta di Pavia e con il patrocino dell’Ufficio Scolastico Provinciale e dell’Unione Italiana Ciechi – sezione di Pavia.
 
Come spiega l’assessore provinciale Annita Daglial’idea progettuale, sviluppata dalla società cooperativa Progetti, nasce dalla volontà di sensibilizzare i giovani alla problematica dell’accessibilità dei disabili al patrimonio culturale, puntando l’attenzione in modo particolare sul come poter rendere fruibile tale patrimonio per coloro che presentano una minorazione visiva”.
 
Conferisce un valore aggiunto al progetto il coinvolgimento degli studenti e dei docenti dell’istituto Volta di Pavia, la cui collaborazione sarà davvero fondamentale per raggiungere gli obiettivi prefissati.
I ragazzi di tre classi della sezione artistica e di due classi della sezione geometri stanno, infatti, partecipando a lezioni sul tema dell’accessibilità ai beni culturali da parte dei non vedenti.
Tali incontri sono condotti dalla dottoressa Eleonora Ferrari della cooperativa Progetti, esperta di accessibilità al patrimonio culturale da parte di persone con minorazioni visive, formatasi presso il museo Omero di Ancona.
Le lezioni prevedono una parte di spiegazione frontale sui temi d’interesse e una parte “pratica” dove attraverso semplici e divertenti esercizi gli studenti apprendono i principi basilari dell’esplorazione tattile.
La formazione dei ragazzi si completerà con la partecipazione a un interessante laboratorio di scultura condotto dall’artista non vedente Felice Tagliaferri.
 
Nei prossimi mesi quindi, sotto la guida di un team di bravi insegnanti – il professor Santagostini per la sezione artistica e i professori Peroni e Arecchi per la sezione geometri – gli studenti lavoreranno alla realizzazione di riproduzioni in creta di alcune opere appartenenti al Sistema Museale e di alcuni bassorilievi in materiale plastico e in legno di beni architettonici della nostra città.
Il Castello Visconteo e la chiesa di San Michele saranno probabilmente oggetto del lavoro dei futuri geometri.
 
Pavia Musei – il Sistema Museale di Pavia del suo Ateneo e della Sua Certosa– è composto dai musei del territorio che hanno sottoscritto una convenzione. L'intento è di attuare comuni strategie di valorizzazione, anche attraverso ricerche interdisciplinari, corrispondenti alle diverse tipologie storiche, storico artistiche, scientifiche, tecniche delle singole collezioni.

In quest’ottica già da tempo PaviaMusei lavora al tema della multisensorialità nell’approccio ai beni culturali, con il supporto anche dell'Unione Ciechi, e ha già promosso in passato iniziative in questo senso.
Il progetto di quest'anno prevede la realizzazione di materiali per l'allestimento di una “sezione tattile” stabile presso i Musei Civici, l’Orto Botanico e il Museo di Storia Naturale di Pavia.
Le opere realizzate dagli studenti dell’Istituto Volta verranno allestite in una mostra nel mese di maggio, per confluire quindi, nella suddetta sezione, punto di partenza, nelle intenzioni dei responsabili del Sistema Museale, per l’avvio di iniziative quali, ad esempio, un ciclo di visite guidate tattili. 
Fondamentale la collaborazione con l’Unione Italiana Ciechi – sezione di Pavia che patrocina l’iniziativa e supervisiona l’intero processo, al fine di garantire che le opere prodotte e i percorsi avviati rispondano agli effettivi requisiti di accessibilità, richiesti da persone con minorazioni visive.
 
Il progetto “Toccare e non Guardare”, prevede altresì l’organizzazione nel mese di aprile di un seminario aperto alla cittadinanza sul tema del turismo accessibile, con la partecipazione di esperti del museo Anteros di Bologna.
 
 Informazioni 
 

Comunicato Stampa

Pavia, 16/02/2010 (8497)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool