Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 14 aprile 2021 (449) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Un anno al Fraschini
» I Fratelli Lehman
» Il Gabbiano
» Caffè Corretto
» After Miss Julie
» Se il tempo fosse un gambero?
» Ogni volta che si racconta una storia
» Teatro Fraschini: Stagione 2018/2019
» Il corpo che... avanza
» Novecento
» Spirito di Copenaghen
» Quà quà attaccati là
» Sette topi in cucina. Chi ha paura di Le Grand Miaò?
» Stelle Erranti. Perché il vento non le porti via
» Sogno di una notte di mezza sbronza
» Piccoli Crimini Coniugali
» Ed ero più mata de prima
» Fabule & Scarpule
» Il Mercante di Monologhi
» Tramp

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Incontro al Caffè Teatro
» Nel nome del Dio Web
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Gran Consiglio (Mussolini)
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 8449 del 1 febbraio 2010 (2056) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Dove andremo a finire?
Dove andremo a finire?
Ce lo si chiede nello spettacolo di Massimo Bagliani e Enrico Vaime, che ne è anche regista, messo in scena venerdì sera al teatro civico di Mede.
 
La fortuna di questa domanda è quella di non avere una risposta possibile o, meglio, di averne mille.
 
Quando qualcuno dice questa frase che serve a riempire i vuoti di conversazione (e fa il paio con “Hai visto? Ha rinfrescato”) nessuno ti sa dire niente di preciso, nessuno indica un punto dicendo: “Andremo a finire lì”.
 
Questa frase ha un tono apocalittico se viene detta seriamente. Se, invece, è accompagnata da un sorriso sa di provocazione: è come un gioco: indovina un po’?
Provate anche voi ad indovinare dove andrà a finire il nostro protagonista, custode di un teatro, non si
sa bene se per vocazione o per caso. Amante del pianoforte e della musica moderna, chiuso nel giorno di ferragosto in uno scantinato in attesa di un segno del destino, della protezione civile, dell’amministrazione comunale, di qualcosa insomma che gli dimostri che la vita continua, che il teatro sopravvivrà e che si potrà comunicare finalmente senza paura dove siamo veramente andati a finire.
 
Enrico Vaime è un autore, oltre che teatrale, anche televisivo e radiofonico, scrittore e personaggio televisivo. È il volto noto di Anni Luce, la trasmissione di La7 che dal 2002 racconta la storia del nostro Paese attraverso i filmati d’archivio dell’Istituto Luce.
 
Massimo Bagliani - attore di teatro, cinematografico e televisivo, ma anche cabarettista, cantante e musicista - costruisce qui con il gesto, il cambiamento di voce, l’ausilio di una parrucca personaggi irresistibili…
 
Insomma uno spettacolo godibilissimo, condotto con brio da un attore che riesce, da solo, a creare un vero clima teatrale e a coinvolgere il pubblico in un ritmo scanzonato e spassoso.
 
 Informazioni 
Dove: Teatro Besostri, p.zza della Repubblica, 37 – Mede
Quando: sabato 6 febbraio 2010, ore 21.00
Per informazioni e prenotazioni: tel.0384/822203 - 822214
Ingresso: 16,00 euro, 12,00 euro over 65
 
 
Pavia, 01/02/2010 (8449)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool