Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 23 settembre 2019 (348) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il gioco di Santa Oca
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» Il romanzo di Baslot
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Prima che le foglie cadano
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 8436 del 26 gennaio 2010 (2303) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Matite per la memoria 2010
Matite per la memoria 2010
Non più illustratori e vignettisti famosi. Ad impugnare il lapis per la VI edizione della mostra Matite per la memoria sono stati i bambini del campo di concentramento di Theresienstadt.
 
Promossa l'Assessorato alla Cultura della Provincia di Pavia, per la ricorrenza del Giorno della Memoria, la mostra, curata da Andrea Valente, offrendo di anno in anno punti di vista differenti – citazioni tradotte in illustrazioni, vie di fuga degli ebrei tracciate su tavole, pagine dell’epoca nazista diventate vignette e oggetti che raccontano la vita all’interno dei lager –, “La Provincia – ripropone gli orrori di uno dei capitoli più drammatici della storia, in una chiave adatta alla lettura anche da parte di un pubblico giovane che, per non dimenticare, deve prima conoscere.
 
L’esposizione di quest’anno, costituita da una decina di pannelli,- ha commentato l’assessore ai Beni e alle Attività Culturali Marco Facchinottiverte soprattutto su disegni e poesie realizzati dai bambini che sono stati deportati  a Terezin, un campo di concentramento “di passaggio”, che fungeva da collettore per le operazioni di deportazione e “ospitava”, per così dire, soprattutto bambini”.
 
Da uno dei pannelli esposti, a partire da domani presso l’Istituto Cairoli di Pavia, estrapoliamo la storia di questo campo di concentramento:
 
“Nata come fortezza, la cittadina di Terezin (in tedesco, Theresienstadt), situata a sessanta chilometri da Praga e sede di caserme e prigioni nella Prima Guerra Mondiale, dalla fine del 1941 fu trasformata dai nazisti in ghetto e campo di transito per gli ebrei di quella zona dell’allora Cecoslovacchia annessa al Reich. Nel campo di Theresienstadt confluirono in seguito gli ebrei tedeschi, in particolare gli anziani, gli austriaci, gli olandesi e i danesi. In un luogo dove abitavano settemila persone furono stipati più di cinquantamila ebrei. Il loro destino era segnato: essere trasportati verso i campi di sterminio e rimpiazzati da altri ebrei.
 
Tra le testimonianze raccolte in seguito, qualcuno definiva il ghetto con la frase «balliamo sotto il patibolo». Nell’ambito della cosiddetta “Soluzione finale”, la propaganda nazista voleva tenere attivo un luogo che, nella finzione, dimostrasse all’opinione pubblica che la condizione degli ebrei nei lager non fosse dura e definitiva. Un luogo da mostrare attraverso un film, che fu girato all’interno del ghetto dai nazisti stessi, e da far ispezionare ai rappresentanti della Croce Rossa internazionale. Tale luogo fu Terezin.
 
Dalla fine del 1941 alla liberazione, nel ghetto di Terezin soggiornarono più o meno a lungo gli ebrei cecoslovacchi destinati al campo di sterminio di Auschwitz. Tra di loro quindicimila tra bambini e ragazzi, dei quali ne sopravvissero novantuno. Del loro passaggio a Terezin è rimasta una commovente testimonianza, rappresentata da alcune migliaia di disegni e centinaia di scritti e decine di poesie”.
 
Ad essi, nella mostra visitabile fino al 19 febbraio nel capoluogo e poi trasferita a mede, si accompagnano immagini fotografiche originali dell’epoca.
 
 Informazioni 
Dove: presso l’Istituto Superiore Adelaide Cairoli in Corso Mazzini, 7 - Pavia
Quando: dal 27 gennaio al 19 febbraio 2010, dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 17.30, sabato dalle 9.00 alle 13.00
Ingresso: libero

 

Sara Pezzati

Pavia, 26/01/2010 (8436)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool