Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 14 aprile 2021 (449) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Un anno al Fraschini
» I Fratelli Lehman
» Il Gabbiano
» Caffè Corretto
» After Miss Julie
» Se il tempo fosse un gambero?
» Ogni volta che si racconta una storia
» Teatro Fraschini: Stagione 2018/2019
» Il corpo che... avanza
» Novecento
» Spirito di Copenaghen
» Quà quà attaccati là
» Sette topi in cucina. Chi ha paura di Le Grand Miaò?
» Stelle Erranti. Perché il vento non le porti via
» Sogno di una notte di mezza sbronza
» Piccoli Crimini Coniugali
» Ed ero più mata de prima
» Fabule & Scarpule
» Il Mercante di Monologhi
» Tramp

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Nel nome del Dio Web
» Incontro al Caffè Teatro
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» Gran Consiglio (Mussolini)
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 8418 del 19 gennaio 2010 (2040) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Tre 'Giorni felici' al Fraschini
Tre 'Giorni felici' al Fraschini
Martedì sera prosegue la stagione di prosa del Teatro Fraschini con lo spettacolo Giorni Felici di Samuel Beckett, che diretto da Robert Wilson vede come interprete principale Adriana Asti.
 
Samuel Beckett (1906-1989) iniziò la stesura di questo testo con il titolo provvisorio Willie-Winnie nel 1956, ma il lavoro vero e proprio, che porterà ad un esito definitivo, vedrà la luce qualche anno dopo. Alla base di Giorni Felici c’è un’immagine potente ed inquietante: una donna conficcata nella terra fino alla cintola. Il suo nome è Winnie, conduce così la sua esistenza, dedita alla cura di sé e in un continuo dialogo petulante con l’unica presenza “altra”, il marito Willie che sopravvive in un buco poco distante, intento a leggere il giornale borbottando a tratti. Un’immagine inusuale ed impressa nella mente di Beckett, forse mutuata dai fotogrammi di “Un chien andalou” di Luis Buñuel.
 
Il testo è costruito sull’idea del contrasto: alla condizione degradata ed innaturale dei protagonisti corrisponde un parlare che riproduce le tipiche dinamiche borghesi da salotto. Winnie si dichiara felice, ma in realtà non vuole ammettere la sconfitta o peggio la consapevolezza della sua costante ed ormai definitiva aberrante condizione. Non resta che consolarsi con i pochi oggetti che ha a portata di mano, uno specchio, la spazzola, l’ombrello, lo spazzolino (la pistola non verrà usata, altrimenti si dovrebbe ammettere di essere giunti al capolinea dell’esistenza). Così corre il primo atto, dal risveglio al riposo notturno, con il tempo scandito dal trillo angosciante della sveglia.
Nel secondo atto la condizione di Winnie diventa ancora più terribile, è sprofondata fino al collo, impossibilitata ormai a compiere qualunque azione, se non il parlare, per sentirsi viva e ribadire la sua felicità, in un ostinato attaccamento alla vita.
 
Nel 1974, dopo la prima di A letter for Queen Victoria a Parigi, Samuel Beckett salì nei camerini del teatro per conoscere il regista della pièce, il trentenne Robert Wilson e complimentarsi con lui.
Solo oggi, dopo 35 anni, il regista e drammaturgo texano, superando forse un blocco psicologico, si misura con i testi beckettiani (ha firmato anche la regia di L’ultimo nastro di Krapp).
Gli spettacoli diretti da Wilson hanno fatto storia, tra i suoi lavori Deafman Glance (1971), Einstein on the Beach, con Philip Glass (1976), I La Galigo (2004) basato su un antico testo indonesiano, L’opera da tre soldi di Brecht con il Berliner Ensemble (2007).
Oltre ad essere regista ed attore, è artista visuale, laureato in architettura, ha vinto il Leone d’oro alla Biennale di Venezia e ha allestito mostre dei suoi video ritratti di personaggi celebri (da Brad Pitt a Johnny Deep).
 
Adriana Asti torna ad interpretare il personaggio di Winnie dopo averlo rappresentato per Mario Missiroli nel 1985: allora era rinchiusa in una clessidra, immersa nella sabbia, oggi è immersa in un’eruzione d’asfalto. La Asti, che riveste i panni della protagonista con la passione da grande interprete, si è affidata alla precisione geometrica e alle puntuali indicazioni gestuali del regista, è inquieta e vibrante, immersa in una luce cangiante, recita in una fissità totale, animata solamente dalla mimica facciale, con guizzi d’espressione e piccoli movimenti, parole rivolte più a se stessa che al marito, perpetrando una vita che scorre nella noia quotidiana, eternamente uguale, fintamente felice.
 
 Informazioni 
Dove: Teatro Fraschini, c.so Strada Nuova - Pavia
Quando: martedì 19 gennaio 2010, ore 21.00 In replica mercoledì 20 e giovedì 21 gennaio alle stessa ora.
Biglietti: da 30,00 euro (platea e palchi centrali) a 7,00 euro (posti in piedi).
Biglietteria del Teatro Fraschini (orari 11.00-13.00/17.00-19.00 dal lunedì al sabato).
 

Comunicato Stampa

Pavia, 19/01/2010 (8418)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool