Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 22 novembre 2019 (312) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» L'altro Leonardo
» Oltrepò Pavese. L'Appennino Lombardo
» Napoleone anche a Pavia
» Marco Bianchi e "La cucina delle mie emozioni"
» Semplicemente Sacher
» Oltrepò infinitamente grande, infinitamente piccolo, infinitamente complesso
» Un nodo al fazzoletto
» Vigevano tra cronache e memorie
» Il Futuro dell’Immagine
» "Sorella Morte. La dignità del vivere e del morire”
» L' Eredità di Corrado Stajano
» Il pentagramma relazionale
» Ghislieri 450. Un laboratorio d’ Intelligenze
» Progettare gli spazi del sapere: il caso Ghislieri
» La Viola dei venti
» Solo noi. Storia sentimentale e partigiana della Juventus
» L'estate non perdona
» Il manoscritto di Dante
» Per una guida letteraria della provincia di Pavia
» A Londra con mia figlia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» L'altro Leonardo
» Looking for Monna Lisa
» Pavia Art Talent: una fiera per l'arte accessibile
» Incontro con Giorgio Scianna
» Custodire la memoria. Incontro con Giovanni Paparcuri
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Arianna Arisi Rota, Risorgimento. Un viaggio politico e sentimentale
» Libri al Fraccaro: Street philosophy Saggezza quotidiana
» Francesco Melzi e i codici di Leonardo
» Essenzialità dell'inessenziale
» Un oceano di silenzio
» Al Borromeo il ricordo del teologo Karl Barth
» La grande bellezza dei libri
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 8378 del 28 dicembre 2009 (2360) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
I ricord jèn mé i sires...
I ricord jèn mé i sires...
Inserendosi nel filone dei precedenti “Tecnica e sentimento” e “Un saluto da Pavia, anche questo volume vuole contribuire a ricostruire l’identità del nostro territorio: s’intitola “I ricord jèn mé i sires… adré vüna na vegnan dèš” ed l’ultimo prodotto dall’Assessorato ai Beni e Attività Culturali della Provincia di Pavia che, come sempre nelle vicinanze del Natale, ha voluto dare continuità alla tradizione della pubblicazione di un libro che promuova la conoscenza della nostra storia, delle nostre tradizioni, degli usi e dei costumi che costituiscono il patrimonio culturale pavese.
 
Visto l’apprezzamento riscontrato dal Festival provinciale del teatro dialettale – ha commentato il presidente Vittorio Poma in sede di presentazione – abbiamo pensato che fossero maturi i tempi per una pubblicazione in dialetto. A lungo considerato, a torto, una “lingua minore”, il dialetto è capace di un’immediatezza espressiva che l’italiano non rende…”.
 
“Le pagine e chi le sfoglia diventano custodi di storia, suoni e filastrocche – ha aggiunto Marco Facchinotti, vice presidente e assessore ai Beni e Attività Culturali –. È un altro passo verso rivalutazione del dialetto, che si unisce ad attività di promozione e salvaguardia come la suddetta rassegna teatrale e l’archivio orale della memoria sostenuti dall’Ente”.
 
L’idea del volume è venuta alla signora Rossella Bottani, collezionista di aneddoti, proverbi, modi di dire dialettali, così come la Lina Grandini: i loro ricordi sono stati rilegati insieme alle cartoline raccolte da Pietro Ferrari e Giulio Assorbi e alle poesie di Mario Grazioli che, con Gianfranco Manenti, grande conoscitore della materia, ha lavorato alla traduzione dialettale dei testi.
 
Il libro che ne è nato è una sorta di almanacco che non contempla un calendario ma, di mese in mese, racconta le festività e i santi del periodo, propone versi in rima, ricette e rimedi “della nonna”. Per febbraio, ad esempio, riporta il proverbio del mese, la ricetta degli Sfarsö - le tipiche frittelle di carnevale -, la poesia San Valentine “i Rimedi pär l’ucašión” dedicati al raffreddore. Il tutto accompagnato da suggestive cartoline e foto d’epoca, tra cui quella del “Gamba de Legn” il tram a vapore che collegava Pavia e Milano che cessò la sua attività nel 1936, proprio nel mese di febbraio.
 
Ma questa non è davvero che una “ciliegina”, un piccolo assaggio di un volume da assaporare pagina per pagina, gustando il suono di ogni parola, la scoperta di ogni piccola curiosità, il ricordo di festa o di una vecchia usanza ritrovate magari in uno scatto ingiallito dal tempo…
Un’emozione per chi ha vissuto quanto narrato, una storia da conoscere per chi ancora non c’era, per tutti una ricchezza da custodire affinché non cada nell’oblio.
 
 Informazioni 
 

Sara Pezzati

Pavia, 28/12/2009 (8378)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool