Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 22 settembre 2019 (331) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» Il romanzo di Baslot
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» Prima che le foglie cadano
» Presentazione inutile
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 8352 del 14 dicembre 2009 (2234) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Arte di confine
Arte di confine
Ci sono momenti in cui tutti sono uomini e solo uomini, e non dovrebbero essere nulla di più: ma quell’artista che, quando ha finito il suo lavoro quotidiano, ripone con i suoi attrezzi anche le meditazioni, è al livello di un meccanico”. (cit. Johann Heinrich Füssli, Aforismi sull’arte)
 
Gli “artisti” dell’AR.VI.MA sono stati coinvolti nella realizzazione di questa mostra sviluppando il tema del rapporto fra l’“arte” con la sua creatività e l’“artigianato” con la sua ricerca dei materiali e delle nuove tecniche. Dove il divario non è più così netto, ma si contaminano a vicenda e la creatività entra con sempre più peso nell’arte del fare.
 
Avvalendosi della ricerca e della sperimentazione, utilizzando materiali di uso comune che, persa la propria identità, rivivono in manufatti con caratteristiche ed utilità diverse, hanno saputo rivalutare oggetti con un innovativo utilizzo nel tempo e nel significato in suppellettili, materiali elaborati in chiave decorativa ed ornamentale: posate di plastica che compongono una sorta di immagini quasi in movimento; ferro e corde che si intrecciano a formare delle reti; marmo che diventa morbido nel rappresentare un manufatto; bottoni che si animano nel riempire la tela e subito dopo si disperdono; ingredienti vari che, uniti, formano una delicata campitura; foglie d’oro che applicate sulla tela ricoprono la superficie emanando una nuova luce; nodi finemente elaborati che formano misteriose figure; lampade che emanano strani bagliori; ricami che stracciano e coprono la tela rivelando trame nuove…
 
La mostra, curata da Franco Duranti, con la collaborazione di Ennio Milani e patrocinata dal comune di Pavia, Settore Cultura, verrà inaugurata nel tardo pomeriggio di mercoledì e rimarrà aperta fino all’antivigilia di Natale.
 
 Informazioni 
Dove: Spazio per le Arti Contemporanee, Palazzo del Broletto, piazza della Vittoria – Pavia
Quando: da mercoledì 16 dicembre (inaugurazione alle 18.00) a mercoledì 23 dicembre 2009, tutti i giorni dalle 17.00 alle 19.00; sabato 19 e domenica 20 dalle 10.30 alle 12.30.
 

Comunicato Stampa

Pavia, 14/12/2009 (8352)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool