Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 29 ottobre 2020 (186) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Natale in crociera
» The Village
» Son de mar
» Hulk
» La nave fantasma
» L'acchiappasogni
» Il Libro della Giungla 2
» Hunted
» Hypercube-Cubo 2
» Gangs of New York
» Il Signore degli anelli-Le due torri
» Darkness
» L'uomo del treno
» xXx
» Pinocchio
» Minority Report

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Incontro al Caffè Teatro
» Nel nome del Dio Web
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Gran Consiglio (Mussolini)
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 812 del 19 febbraio 2003 (3758) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
A proposito di Schmidt
A proposito di Schmidt

Inizio folgorante, esterni rumorosi, mdp fisse su città, quartieri commerciali, un edificio industriale, Woodmen, poi gli interni, un ufficio smobilitato. Le casse, una poltrona, un uomo, un orologio che sta contando gli ultimi quindici secondi prima delle cinque, gli ultimi istanti prima della pensione. I secondi passano, le cinque arrivano, l'uomo si alza e se ne va, abbandona l'inquadratura, presto si consegnerà con tutta la sua storia a noi... siamo pronti ad accoglierlo?

Un grande film si prepara davanti ai nostri occhi. Bella e realistica la scena della cena d'addio, la foto del festeggiato accanto alle immagini di tori festeggiati prima del macello, c'è differenza! le foto degli animali sono più belle, in B/N e raffinate di quella a colori che ritrae Schmidt, lo sguardo però, di Schmidt e dei tori, è uguale, mostra una muta rassegnazione.

Finta la prima prolusione del giovane successore in ufficio, più vera almeno apparentemente la seconda... capiremo poi quanto!? Poi il ritorno a casa, chiama la figlia che si sta per sposare con un tizio che lui non sopporta, ottimi gli inserti, praticamente muti, che si aprono spontanei alla stesura della lettera al figlio adottivo di Schmidt poi il colpo di scena, dopo la leggerezza, il peso di una morte improvvisa.

Ma non è il volto perplesso di Nicholson a colpirci al funerale, non è la faccia di sua figlia o del suo fidanzato, è la soggettiva di Schmidt delle fronde secche dell'albero che si protende nel cielo plumbeo a folgorarci, è il tipo che lava il camion di trasporto bestiame mentre gli amici salutano che ci fa pensare ad un "eventuale, anche se non certo, senso della vita": come un non-modificabile "andare verso la morte"

Le cose da fare, il matrimonio, un lavoro a tempo pieno, e chi si occuperà di me, Schmidt è egoista, ha studiato economia e statistica, che dovrebbero aiutare a capire la vita ma, a giudicare dall'esperienza che vediamo... forse non è proprio così facile.

Warren saluta la figlia all'aeroporto, la mdp indugia un po' più del dovuto sul corridoio vuoto, ora Warren è solo e l'unico con cui parlare è Ndugu, il suo figlioccio africano adottato a distanza.

Bello poi come la voce si interrompa alla scoperta delle lettere all'amante di Helen 25 anni prima, il compagno di lavoro e miglior amico di Warren... ma allora era tutto finto, l'amicizia, l'amore, allora proprio nulla valeva la pena?!

E quando tutte le vie sembrano chiudersi l'americano medio si reinventa la sua uscita di sicurezza: il viaggio, le usate cortesie, la commistione forzata della vita da campeggio, i vezzi dell'atteggiamento forzatamente positivo, la rabbia, la paura, la solitudine che promana da Warren poi è alla base di uno "spassoso" frainteso sul camper dell'amico di piazzola...

Warren comunque scappa sempre, soltanto nella fuga continua riesce a respirare, eppoi quando finalmente ci ripensa e cerca di essere sincero anche la tecnologia gli si rivolge contro, v. la segreteria telefonica digitale di Ray l'amico che gli scopava la moglie che gli cancella inopinatamente il messaggio di scuse, poi la sdraio ed il fiume, il fiume è movimento, panta rei, tutto scorre, bello come lui faccia tutto quello che non ha fatto a vent'anni oggi... a sessantasette!

...la notte col sacco a pelo e le candele sul tetto del camper... però non è soltanto banalmente new age!

Sincero il suo pentimento e la sua richiesta di perdono per non aver mai saputo ascoltare davvero Helen quando era in vita.

Le chiacchiere sulle strade da fare ed il percorso... Warren è talmente alienato dal resto del genere umano che gli è facile "giudicare" il prossimo, lui è un topolino cavia maschio che teme i rivali (l'altro uomo in casa da Rberta, il vicino di campeggio gioviale), ha paura della femmina (Rroberta nella vasca da bagno), vorrebbe salvaguardare la sua prole (il matrimonio di Jeanne e Rendall)

Spassoso "l'incriccamento" di Warren, per non parlare dei metodi per guarirlo.

Eppoi la scena della vasca in giardino...

E allora che cosa ci aspettiamo dal discorso di Schmidt al matrimonio? Ma è semplice, più crudele di tutto è la conservazione dell'ipocrisia.

Nell'epilogo la cupezza prevale: debolezza, fallimento, sono più evidenti dopo il viaggio, la morte come annullamento totale, o peggio ancora, come non essere mai esistiti... morire adesso o tra vent'anni, che differenza c'è? ma Schmidt si sbaglia, non sarà mai esistito per la sua compagnia d'assicurazioni, che butta i suoi file attivi alla sua uscita, non per la moglie, che lo ha tradito col suo migliore amico, non per la figlia, che fa ciò che il padre più odia sposando Randall, però è senz'altro esistito per Ndugu

Per lui ha fatto la differenza!

Ps: ma sarà davvero piaciuto tanto a pic e luca, che vedono il film accanto a me o lo dicono per farmi piacere?

 
 Informazioni 
 

Roberto Figazzolo

Pavia, 19/02/2003 (812)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool