Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 21 novembre 2019 (274) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Lectio magistralis di Vittorio Sgarbi
» Scienziati in prova
» Notte dei Ricercatori - Settimana della Scienza
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Porte Aperte
» Giornata del Laureato
» Bloomsday
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Scienziati in Prova
» SHARPER: il volto umano della ricerca
» Fiera delle Organizzazioni Non Governative e della Società Civile
» Giornata del Laureato
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 8104 del 25 settembre 2009 (3516) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Marconi09
Marconi09
In occasione delle celebrazioni per il centenario del conferimento del Premio Nobel per la Fisica a Guglielmo Marconi (1874-1937) e Karl Ferdinand Braun (1850-1918) per il loro contributo allo sviluppo della telegrafia senza fili, l’Università di Pavia propone una mostra celebrativa ed una serie di conferenze ad esse collegate.
 
La mostra “Comunicare senza fili: dai segnali ai suoni”, che verrà inaugurata venerdì al Museo della Tecnica elettrica, si rivolge al largo pubblico, con particolare attenzione alle scuole di diverso grado, con l’intento di mettere a fuoco la grande rivoluzione della comunicazione senza fili. 

Scaturita dalla scoperta delle onde elettromagnetiche di Heinrich R. Hertz intorno al 1887-88, questa rivoluzione venne portata avanti tra Ottocento e Novecento da diversi inventori. Marconi diede il contributo fondamentale, trasformando in breve tempo la telegrafia senza fili in un mezzo efficace di comunicazione di segnali a breve e lunga distanza.
 
La nuova tecnologia delle comunicazioni, che ben presto fu applicata anche alla trasmissione di suoni e della voce, fu anche uno straordinario successo commerciale. Nel 1897 Marconi fondò in Inghilterra la Marconi Wireless Telegraph Company, che si affermò come leader nella produzione di impianti e attrezzature per radiocomunicazioni. Si avviò allora l’era della radio e il suo impiego si diffuse dal settore commerciale a quello militare e civile. Con la trasmissione dei suoni la radio entrò nelle case private, inizialmente come mezzo di lusso di intrattenimento e poi via via di uso più comune.
Rievocata la figura di Marconi e messo in luce il suo contributo allo sviluppo della telegrafia senza fili riconosciuto con il premio Nobel, l’esposizione, allestita da Enrico Valeriani, delineerà un breve percorso storico della telegrafia senza fili e poi della radio, cercando, attraverso dimostrazioni, di far comprendere l’idea della comunicazione senza fili.
 
Il centro della mostra sarà costituito da una pregevole collezione di radio ricevitori civili prodotti da Marconiphone a partire dal 1922 e poi, con lo stesso marchio Marconiphone, da Gramophone (La Voce del Padrone) a partire dal 1929 e da EMI (Electric and Musical Industries) dopo il 1931.
 
I visitatori meno giovani potranno riconoscere i ricevitori presenti nei salotti dei loro nonni, mentre quelli più giovani vedranno per la prima volta i progenitori degli attuali ricevitori quasi microscopici o addirittura integrati in complesse apparecchiature multifunzionali.
 
Nel periodo di apertura della mostra, presso la stessa sede, saranno organizzate giornate con conferenze ed altri eventi con la partecipazione di qualificati esperti italiani e stranieri, chiamati a illustrare la figura di Marconi e vari aspetti della complessa storia della radio, oltre che mostrare diverse applicazioni della radio.
Verranno inoltre organizzate dimostrazioni pratiche di trasmissioni direttamente del Museo.
 
 Informazioni 
Dove: presso il Museo della Tecnica elettrica dell’Università - via Ferrata, 3 - Pavia
Quando: dal 2 ottobre (inaugurazione alle 17.00) al 20 dicembre 2009, lun. - sab.: 9.00-13.00 / 14.00-18.00, dom. e festivi: 10.00-19.00.
Ingresso: 5,00 euro intero, 3,00 euro ridotto incluso ingresso al Museo
Per informazioni: Prof. Antonio Savini, direttore, Museo della Tecnica Elettrica, tel 0382/984104, e-mail: antonio.savini@unipv.it
 

Comunicato Stampa

Pavia, 25/09/2009 (8104)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool