Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 27 settembre 2020 (1012) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Passeggiate di Quartiere
» Merenda di fine estate
» Via degli Abati
» Week end di Farfalle...
» La birra dei Celti al castello di Stefanago
» A caccia di tartufi
» Il salame di Varzi e la corte dei Malaspina
» Aperitivo con vista: le api dei monti
» Da Varzi a Portofino
» Orchidee in Oltre
» Butterflywatching in Valle Staffora…. In cerca di rarità
» In bocca al lupo
» Tra vino e castelli
» Pane al pane
» Da Fego al rifugio Nassano
» Tra i vigneti del Versa sul sentiero delle torri
» Sentiero dei Castellani
» Passeggiata tra storia, natura e benessere....
» Le sabbie dell’Oltrepò
» Lunapiena Bike

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Università
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Lo sguardo di Maria
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 7652 del 7 aprile 2009 (1814) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Seconda tappa lungo la Via Francigena
Seconda tappa lungo la Via Francigena
Per “Camminare lungo la storia, la cultura, la natura e le tipicità di Pavia e le Terre Francigene” la Provincia di Pavia e l’organizzazione di volontariato “L’Arte del Vivere con Lentezza” propongono la seconda tappa che, come le altre escursioni, toccherà alcuni tra i luoghi più noti che in Lombardia costellano la Via Francigena.

L’invito, lanciato per il lunedì 13 aprile, unisce l’antica tradizione della gita fuori porta il giorno di Pasquetta con un turismo di prossimità, che rispetta il portafoglio e l’ambiente, favorendo la coesione sociale e un contatto diretto con la cultura dei luoghi visitati. 
In programma una camminata che, partendo dalla Chiesa di Santa Maria in Betlem in Borgo Ticino, porterà i partecipanti lungo le rive del Ticino fino all’osteria de “I Mal Tra Insema” e, dopo una sosta, attraverso il Ponte Vecchio e transitando per San Giovanni Nepomuceno, di nuovo in Pavia per raggiungere la Basilica di San Michele.
 
Renata Crotti, docente di Storia Medioevale dell’Università di Pavia e Assessore Provinciale al Turismo e alle Attività Termali, guiderà i partecipanti lungo questo viaggio.
 
La tappa privilegia il legame tra il fiume e la città ma, soprattutto, la bellezza del paesaggio fluviale in questo avvio di primavera. La sosta sul ponte del Ticino dà conto anche del fatto che per il pellegrino/viandante del medioevo l’attraversamento di un corso d’acqua non sempre era agevole e proprio per venire incontro alle esigenze dei pellegrini si costruirono i cosiddetti Ospitali di ponte.
La dedicazione a San Giovanni Nepomuceno della chiesetta che si trova a metà del Ponte Coperto conferma l’esistenza a Pavia del culto di questo santo boemo, protettore contro le alluvioni, le cui statue sono presenti su molti ponti, in Italia e in Europa (famoso quello sulla Moldava, a Praga).
Il rientro in Pavia consente di raggiungere la basilica di San Michele che tra i tanti tesori d’arte conserva un labirinto pavimentale di grande significato, non solo artistico. Il labirinto, così come il raggiungimento delle grandi mete di pellegrinaggio (Roma, Santiago, Gerusalemme), rappresentava il lungo viaggio dell’uomo alla ricerca di se stesso, attraverso i profondi misteri della vita.
 
La Via Francigena, di cui 130 km attraversano la Lombardia (125 km solo nella Provincia di Pavia), citata per la prima volta nell´876 d.C., è conosciuta come la lunga via che parte da Canterbury e giunge fino a Roma (tomba di San Pietro). A partire dal IX secolo, la strada comincia a essere nominata Via Francigena, ovvero strada che proviene dal regno dei Franchi. Strada millenaria, fu percorsa nei secoli da mercanti, sovrani, religiosi e pellegrini che si recavano a Roma e poi proseguivano per la Terra Santa o che, in un percorso inverso, risalivano verso Santiago de Compostela. La Via Francigena non è una via, ma un sistema viario con molte alternative e varianti che trovano unitarietà e ufficialità nel diario di viaggio di Sigerico, arcivescovo di Canterbury.

 

 
 Informazioni 
Dove: partenza c/o la Chiesa di Santa Maria in Betlem (quartiere Borgo Ticino), via dei Mille - Pavia
Quando: lunedì 13 aprile 2009, partenza ore 14.00 (durata (andata e ritorno) circa 3.00/3.30 ore)
Partecipazione: libera a tutti.
Per ulteriori informazioni: tel. 0382/597001-007, e-mail: turismo@provincia.pv.it oppure info@vivereconlentezza.it
 
 
Pavia, 07/04/2009 (7652)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool