Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 18 settembre 2019 (273) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» Il romanzo di Baslot
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» Prima che le foglie cadano
» Presentazione inutile
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 7635 del 31 marzo 2009 (2621) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
1909-2009. L’eresia futurista
Giacomo Balla, Mootivo con la parola Balla
Nel centenario della nascita del Futurismo, l’importante movimento artistico fondato da Filippo Tommaso Marinetti che ha influenzato il panorama culturale mondiale per tutto il secolo XX, l’Associazione Progetto Voghera organizza una mostra per documentare la variegata creatività dei numerosissimi artisti, fra questi alcuni pavesi, che hanno militato sotto le bandiere del Futurismo e che hanno esplorato, con spirito innovativo, i diversi campi dell’arte, dalla pittura alla scultura, dall’editoria alla moda, all’architettura, alla musica.
 
Fra gli artisti che saranno presentati nell’esposizione "1909-2009. L’eresia futurista. Da Voghera all’universo" si ricordano Balla, Depero, Boccioni, Prampolini, Severini e, fra i pavesi, Regina e Rognoni, Masnata. Una sezione particolarmente interessante è costituito dai futuristi siciliani Varvaro, D’Anna, Corona e Rizzo.  
 
L’esposizione, che conta sulla collaborazione del Comune di Voghera e di un certo numero di sponsor, verrà inaugurata sabato prossimo e si protrarrà fino a fine mese.
A metà mese, invece, sempre nell’ambito delle manifestazioni dedicate al Futurismo, Progetto Voghera propone anche un convegno durante il quale brillanti studiosi esperti di Futurismo analizzeranno il fondamentale contributo del movimento all’evoluzione dell’arte.  
Vi prenderanno, infatti, parte: la dott.ssa Paola Pettanella, responsabile archivi storici Mart, che esporrà la relazione “Il Mart per il Futurismo: conservazione, ricerca, divulgazione”; la prof.ssa Anna Modena, docente di letteratura italiana contemporanea Università di Pavia, che parlerà di “Onde, eliche e turbine: la drammaturgia dei sentimenti di Pino Masnata”; la dott.ssa Silvia Ferrari, storico dell’arte che interverrà sul tema “Pavia confluenza di futurismi” e la dott.ssa Anna Zelaschi, del Museo Regina di Mede e docente storia dell’arte, a proposito di “Regina e il suo museo”.
 
Come scrive Leonardo Gallina nell’introduzione al catalogo “la grande peculiarità del Futurismo fu quella di nascere nel momento in cui le scienze, la tecnica, il modo di concepire il lavoro erano più avanzati della società borghese che indugiava nelle abitudini passate e che si muoveva ad un ritmo molto più lento di come invece si stava muovendo il mondo produttivo. L’impeto futurista, la sua aggressività e la sua voglia di distruggere i vecchi miti “passatisti” sconvolsero tutto il mondo artistico ma non solo quello”.
 
 Informazioni 
Dove: presso la Sala Pagano in Piazza Cesare Battisti - Voghera
Quando: 4 al 26 aprile 2009, feriali: 17.00- 19.00; sabato e festivi: 10.00- 12.00 / 16.00- 19.00.
(Inaugurazione mostra: 4 aprile 2009, ore 17.15, presso il Circolo “Il Ritrovo”, Piazza Cesare Battisti – Convegno: sabato 18 aprile 2009, dalle 9.00 alle 13.00, presso l’Aeroporto di Rivanazzano)
Per informazioni: Leonardo Gallina, cell. 329/9516764
 
 
Pavia, 31/03/2009 (7635)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool