Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 18 ottobre 2019 (550) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» I transgender nello sport tra mito e realtà
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Luca Mercalli e la crisi climatica
» Walking the Line
» Pillole di... fake news
» Scienza e bugie: il virologo Roberto Burioni al Borromeo
» Marcella Milani si racconta al Pavia Foto Festival
» Colloquio sull'Europa
» Scoprire il teatro: Carlos María Alsina a Pavia
» Salvatore Silvano Nigro e il "fantastico" Manganelli
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» A tu per tu con Massimo Tammaro
» Mino Milani - Di stelle e di Misteri
» Conversazione Pavese
» Circolo di lettura
» Gek Tessaro e il suo Pinocchio
» Alda Merini la poetessa dei Navigli
» Nicola Attadio racconta Nellie Bly

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Scienziati in prova
» Notte dei Ricercatori - Settimana della Scienza
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Porte Aperte
» Giornata del Laureato
» Bloomsday
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Scienziati in Prova
» SHARPER: il volto umano della ricerca
» Fiera delle Organizzazioni Non Governative e della Società Civile
» Giornata del Laureato
» Letizia Moratti ospite al Nuovo
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 7615 del 26 marzo 2009 (1756) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Gli italiani la sanno lunga... O no!?
La copertina del libro
Collegio Nuovo, nuovo incontro con Antonio Caprarica e nuovo libro. Il direttore dei Giornali Radio RAI e di RadioUno torna a Pavia lunedì per presentare la sua ultima fatica letteraria “Gli italiani la sanno lunga … O no!? Chi siamo e perché parliamo tanto male di noi”.
 
Grazie all’esperienza come corrispondente estero della RAI per tanti anni, la sa lunga, Antonio Caprarica, in fatto di usi e costumi stranieri. Ma anche di raccontare gli italiani, e non solo attraverso la lente “estera”, l’attuale direttore dei Giornali Radio RAI è capace. Lo dimostrano le riflessioni a partire dalla famosa frase di Massimo D’Azeglio, non l’attribuita “L’Italia è fatta, ora bisogna fare gli Italiani”, ma: “Si è fatta l’Italia, ma non si fanno gli italiani”.
 
Alla ricerca della radice comune degli abitanti del Bel Paese vanno le pagine del nuovo libro Gli italiani la sanno lunga, anche questo, come i titoli di altri volumi di Caprarica, seguito dall’esclamativo dubbio “o no!?”. Lo presenterà al Collegio Nuovo l’autore stesso, insieme a Sandro Rizzi, giornalista e docente di Metodologie e tecniche del giornalismo.
 
Antonio Caprarica, italiano, “italian” dichiaratamente anglofilo e orgogliosamente leccese di origine, una laurea in Filosofia con Lucio Colletti, dopo un’esperienza come redattore sindacale, passa nel periodo degli “anni di piombo” alla direzione della cronaca romana dell’“Unità”, testata per la quale scrive poi come commentatore di politica interna, prima di diventare condirettore a “Paese Sera”.
Nel 1988, anno in cui pubblica il secondo dei suoi due romanzi, avviene il passaggio dal giornalismo “di carta” a quello televisivo. Entra in RAI a occuparsi di politica estera, altra sua grande passione, all’inizio inviato, poi corrispondente stabile del Tg1 dal Medio Oriente. In Afghanistan è l’unico giornalista italiano ammesso sul primo convoglio di carri armati sovietici che si ritirano sotto l'offensiva dei mujaheddin. Quando scoppia la prima guerra del Golfo si trova a Gerusalemme. Come capo dell'ufficio di corrispondenza RAI da Mosca, per quattro anni assicura il resoconto quotidiano della transizione post-sovietica sotto Eltsin; incontra quindi Mashkadov, il presidente eletto ceceno (eliminato poi dai russi con un attentato) e Bassayev, il capo dei guerriglieri islamici (autore del massacro di Beslan).
 
Negli ultimi dodici anni Caprarica passa a dirigere prima l'ufficio di corrispondenza della Rai da Londra, poi la Sede RAI a Parigi. Da queste esperienze nascono i primi due long seller della trilogia di Sperling & Kupfer: Dio ci salvi dagli inglesi… o no!? e Com'è dolce Parigi…O no ?!
 
Numerosi e prestigiosi i riconoscimenti ricevuti, tra cui il Premio Italiani nel Mondo, il Val di Sole – Per un giornalismo trasparente, il Premio Barocco, il Premio Ischia di giornalismo internazionale, il Fregene, il Tigullio, il Premio Frajese, il Bocconi per le eccellenze italiane. Dal novembre 2006 è Direttore di RadioUno e dei Giornali Radio Rai.
 
 Informazioni 
Dove: Collegio Nuovo, via Abbiategrasso, 404 – Pavia
Quando: lunedì 30 marzo 2009, ore 21.00
Per informazioni: tel. 0382/547337 - 5471

 
 
Pavia, 26/03/2009 (7615)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool