Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 28 novembre 2020 (328) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Passeggiata tra storia e natura
» Il Romanico sulla Via Francigena Pavese
» Il sentiero dei Briganti
» Pedalando in campagna
» Sulle tracce di Federico Barbarossa
» Le leggende di Oramala
» A spasso con l'imperatore
» I boschi di Oramala
» Oltrepò che passione
» Dolci colli e antichi manieri

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Universit√†
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 757 del 23 settembre 2000 (4480) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Viaggiare in Oltrepò
© Piermaria Greppi - Vietata la Riproduzione

Prosegue il nostro viaggio in Oltrepo pavese. Dopo essere stati fra le dolci ondulazioni della bassa collina oltrepadana, dopo aver visitato alcuni graziosi borghi e castelli medioevali, che dominano le vallate dall'alto di poggi o crinali, dopo aver scoperto i caratteri naturalistici, spesso sorprendenti e curiosi, dei rilievi più bassi dell'Appennino pavese, ora ci accingiamo ad addentrarci nella Valle Staffora e nelle sue principali valli laterali, per giungere sino alle quote montane più elevate dell'Oltrepo.

Torniamo a Voghera e avviamoci ora verso sud, in direzione della Val Staffora. All'imbocco della valle incontriamo Rivanazzano prima e, subito dopo, Salice Terme. Ambedue le località sono note per le loro tradizioni termali, in particolare Salice. A proposito di quest'ultima cittadina, la poetessa Ada Negri diceva "a Salice si sogna e si guarisce".

Si sogna grazie all'incanto e alla pace del suo splendido parco di oltre 15 ettari, con più di 700 specie di alberi, e si guarisce grazie alle virtù terapeutiche, riconosciute già dai Romani, delle sue acque salso-bromo-iodiche e solforose, particolarmente adatte alle cure dell'apparato respiratorio e ai suoi fanghi argillosi, benefici contro i mali reumatici.

A Rivanazzano come non lasciarsi incuriosire dalla particolarissima torre? Un edificio a pianta pentagonale irregolare, risalente al XIV-XV secolo.

Imbocchiamo quindi la Valle Staffora, proseguendo lungo la S.S. 461. Poco dopo Godiasco, voltiamo a sinistra ed entriamo in Valle Ardivestra, una delle due maggiori vallate laterali della Valle Staffora.

In breve giungiamo alla Pieve romanica di San Zaccaria, costruita probabilmente dai maestri comacini, tra il 1100 e il 1150. Bella la facciata, pur mostrando i segni del tempo, e l'interno, con singolari bassorilievi romanici. Ritorniamo sulla S.S. 461 e proseguiamo verso Varzi. Raggiungiamo il caratteristico borgo medioevale di San Ponzo, che conserva ancora il suo originario impianto urbanistico e le sue case in pietra locale.

Dal paese è possibile risalire una sterrata che conduce, in mezzora di cammino, alle Grotte di San Ponzo, immerse in un vasto bosco di roveri, roverelle, castagni, noccioli, aceri.

Più che di vere grotte si tratta di due caverne, ovvero degli antri scavati nell'arenaria, comunicanti con l'esterno tramite grandi aperture. Dalle grotte, proseguendo lungo un sentiero, si può compiere l'escursione al monte Vallassa, sulla cui sommità si trova un importante sito archeologico, il Castelliere di Guardamonte, dove in tempi relativamente recenti sono stati scoperti numerosi e preziosi reperti, all'interno di un villaggio fortificato, abitato dall'uomo a partire dall'età del ferro. La località è altamente panoramica.

 
 Informazioni 
 

Piermaria Greppi

Pavia, 23/09/2000 (757)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool