Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 15 novembre 2018 (187) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Il Romanico sulla Via Francigena Pavese
» Il sentiero dei Briganti
» Pedalando in campagna
» Sulle tracce di Federico Barbarossa
» Le leggende di Oramala
» A spasso con l'imperatore
» I boschi di Oramala
» Viaggiare in Oltrepò
» Oltrepò che passione

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» 1918-2018 Pavia e la Grande Guerra- Nuova sezione
» A tutto museo - donazione Morone
» I mille sapori di una passeggiata con l'autore
» Nel 1940 con Luigi Cantù
» L'ultimo canto
» Il Duomo e le tre Piazze
» Uno:Uno. A tu per tu con Francesco Hayez
» Lo sguardo di Maria
» Quella scuola che è il nostro orgoglio
» Apertura musei per le GEP
» Mercatino del Ri-Uso
» Risorgimento a tutto museo
» Notte bianca al Museo per la Storia
» Festa del Ticino
» Storie d’acqua dolce
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 755 del 13 luglio 2000 (4964) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Dolci colli e antichi manieri
Castello di Stefanago

Da Voghera percorriamo, in direzione Piacenza, la Statale 10, che segue sostanzialmente l'andamento (anche se non proprio il tracciato) dell'antica Via Emilia; costeggiamo il pedeappennino e giungiamo dopo 10 km a Casteggio, fondata in tempi remoti dai Liguri Iriati e poi divenuta la Clastidium romana.

La cittadina, posta all'imbocco della Valle del Coppa, è dominata dalla Certosa, arroccata sul colle del Pistornile. Si tratta di un elegante palazzo settecentesco, dotato di campanile, oggi sede di un Museo Civico Archeologico e Paleontologico.

Da Casteggio ci si può recare in Val Coppa e in Valle Schizzola.

La prima è caratterizzata da mansueti colli, coltivati perlopiù a vite, e da interessanti zone calanchive (Costa Pelata). In qualsiasi posto ci si trovi, lo sguardo è catturato dall'elegante profilo del maniero di Montalto, la cui costruzione iniziò nel 1594, per volere di Filippo Belcredi, sulle rovine di un antico castello. E' uno tra i più bei manieri d'Italia, ma la bellezza del suo giardino all'italiana e degli interni non è però concessa al pubblico.

In Valle Schizzola invece possiamo compiere una piacevole escursione agli Orridi di Sant'Antonino, verticali pareti di marne argillose, alte una ventina di metri, che coronano il selvaggio alveo del Rio Fossone.

Orridi di Sant'Antonino

La natura di questo luogo è altamente suggestiva. Il fondo della valle del Fossone è occupato da un lussureggiante bosco e lungo le rive del Rio si possono incontrare massi di conglomerato, ricchi in frammenti fossili di bivalvi marini. Risalendo tutta la Valle Schizzola arriviamo al medioevale Castello di Stefanago, costruito nel XIII secolo, oggi sede di un'azienda agrituristica e vitivinicola.

Da Casteggio procediamo lungo la Statale 10 e giungiamo, dopo 13 km, a Broni, graziosa cittadina pedecollinare, adagiata alle porte della Valle Scuropasso, nella cui parrocchiale sono conservati preziosi arazzi del XVI o XVII secolo e una biblioteca con incunaboli e manoscritti pavesi.

Percorrendo la Valle Scuropasso possiamo ammirare il profilo di tre castelli: quello di Cigognola, quello di Pietra de' Giorgi e infine, posto nel mezzo della valle, su di un cucuzzolo, quello di Rocca de' Giorgi, tutti dalle antiche origini.

Da Broni, continuando ancora lungo la S.S. 10, in breve si giunge a Stradella, famosa per le sue fisarmoniche, oltre che per i vini della Val Versa. Al centro della cittadina si innalza una torre, ciò che rimane della antica rocca medioevale, mentre lungo la strada che porta a Canneto, si trova la preziosa basilica di S. Marcello in Montalino, di origini antichissime (X o XI sec.), importante testimonianza architettonica romanico-lombarda.

Alle spalle di Stradella si apre la Val Versa, rinomata per i pregiati vini che vi si producono. Ma la valle è caratterizzata anche da bellissimi borghi medioevali, alcuni dei quali conservano ancora parte delle antiche strutture di difesa, come Soriasco, con la sua poderosa torre di avvistamento e la torretta dell'antica cinta muraria.

 
 Informazioni 
 

Piermaria Greppi

Pavia, 13/07/2000 (755)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool