Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 13 dicembre 2019 (236) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» BirrArt 2019
» Torre in Festa
» Festival dei Diritti 2019
» Ticino EcoMarathon
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» “Barocco è il mondo” Sbarco Sulla Luna
» Non solo Cupola Arnaboldi – Pavia fa!
» Festa del Ticino 2019
» Scarpadoro di Capodanno
» Giornata del Laureato
» Africando
» Palio del Ticino
» BambInFestival 2019
» Festa del Roseto
» RisvegliAmo la Relazione: Io e l'Ambiente – II edizione
» Festa di Primavera: Mostra dei Pelargoni
» Next Vintage
» L'Università diventa una palestra
» GamePV

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Lo sguardo di Maria
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
» Mercatino del Ri-Uso a Borgarello
» Leonardo e la Via Francigena a Pavia
» Tracce
» IT.A.CÀ
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 7320 del 10 dicembre 2008 (1712) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
La magia dei presepi a Rivanazzano
La magia dei presepi a Rivanazzano
Domenica prossima Rivanazzano festeggia il Natale nel rispetto della tradizione: al mercatino organizzato dalla Proloco, che si terrà nella parte più antica e caratteristica del paese, sarà presente l’associazione “Occasioni di Festa” con un banco per la vendita di corone di pane e la büsélâ.
Il termine dialettale “büsélâ” deriva dal francese “pucelle”, pulzella, ed è il nome di un dolce a forma di bambola che a Natale veniva preparato per i bambini con l’impasto del pane arricchito di zucchero e strutto, due chiodi di garofano al posto degli occhi ed il vestito di polvere di cacao.
 
L’uso di preparare dolci dalle forme umane è molto antico: la Bibbia narra che il profeta Geremia intervenne contro l’abitudine di usare forme di pane antropomorfe, che potevano richiamare gli dei pagani, quali, ad esempio, i Lari, figure della mitologia romana che rappresentavano gli spiriti protettori degli antenati defunti che, secondo le tradizioni, vegliavano sul buon andamento della famiglia, della proprietà o delle attività in generale.
L’antenato veniva raffigurato con una statuetta, di terracotta o di cera, chiamata sigillum. Introdotta da Caligola nei Saturnali, in prossimità del Solstizio d’inverno, il 20 dicembre, si svolgeva la festa detta Sigillaria, durante la quale i parenti si scambiavano in dono i sigilla dei familiari defunti durante l’anno. In attesa della celebrazione, tali statuette venivano collocate in apposite nicchie a forma di capanna e il compito dei bimbi era quello di lucidarle e disporle, secondo la loro fantasia, in un piccolo recinto nel quale si rappresentava un ambiente bucolico in miniatura.
 
Il ricavato della vendita delle corone di pane e della büsélâ sarà devoluto per il restauro della chiesa della SS. Trinità.
 
Al consueto mercatino di Natale, quest’anno si aggiungono poi una mostra ed un laboratorio per l’allestimento del presepio, organizzati dall’Associazione Occasioni di Festa in collaborazione con la sezione tortonese dell’Associazione Italiana Amici del Presepio.
Diorami, presepi aperti e presepi dal mondo faranno bella mostra di sé nelle vetrine dei negozi della vivace località termale - e dalle 10 alle 18 -, in piazza Cornaggia, i volontari della sezione di Tortona dell’associazione contribuiranno a mantenere viva questa tradizione tipicamente italiana che assomma in sé fede, religione, tradizione, arte, storia e tecnica.
 
Fondata a Roma nel 1953 con lo scopo di riunirne gli appassionati, l'Associazione Italiana Amici del Presepio conta alcune decine di sedi sparse su tutto il territorio nazionale. L’attività dell’associazione prevede anche l’organizzazione di corsi di tecnica presepistica, mostre, concorsi, conferenze e gite.
Secondo la tradizione, la prima rappresentazione di un presepe vivente nacque dal desiderio di San Francesco di far rivivere in uno scenario naturale la nascita di Betlemme coinvolgendo il popolo nella rievocazione che ebbe luogo a Greccio la notte di Natale del 1223, mentre il più antico Presepio d'Italia viene considerato l'allestimento marmoreo di Arnolfo di Cambio, realizzato intorno al 1289 e che si può ancora oggi ammirare a Roma, nella basilica di Santa Maria Maggiore.
Da allora la tradizione del presepe si è diffusa in tutt’Italia, ed in particolare la diffusione a livello popolare si è realizzata pienamente nel secolo scorso, quando ogni famiglia, in occasione del Natale, costruiva il presepe riproducendo la Natività con statuine in gesso, terracotta, cartapesta e altro. Dopo l'affievolirsi della tradizione, causata anche dall'introduzione dell'albero di Natale, il presepe è tornato a fiorire anche grazie all'impegno di associazioni come l’Associazione Italiana Amici del Presepio.
 
A Rivanazzano la tradizione continua, grazie all’associazione “Occasioni di Festa”.
 
 Informazioni 
Dove: Rivanazzano - Mercatino in piazza Cornaggia e in via Indipendenza.
Quando: domenica 14 dicembre 2008
Per informazioni: tel. 339/5379558 – 339/53 79 558 – 0383/944 720 - 0383/944 718
 

La Redazione

Pavia, 10/12/2008 (7320)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool