Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 22 novembre 2019 (323) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Il galateo a tavola
» Il servizio a tavola
» Ed i padroni di casa?
» Buone maniere a tavola: Le posate

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» BirrArt 2019
» Birrifici in Borgo
» Musei divini
» "Dilecta Papia, civitas imperialis"
» Cioccovillage
» Birre Vive sotto la Torre Chrismas Edition
» Il buon cibo parla sano
» Zuppa alla Pavese 2.0
» Autunno Pavese: tante novità
» 18^ edizione Salami d’Autore
» Sagra della cipolla bionda
» Sagra della ciliegia
» Pop al top - terza tappa
» Birre Vive Sotto la Torre
» Campagna Amica: tutti i giovedì a Pavia
 
Pagina inziale » Tavola » Articolo n. 706 del 24 ottobre 2000 (2795) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Come si mangia la frutta?
Come si mangia la frutta?

La frutta sia essa fresca o in macedonia, è l'ultimo piatto a giungere in tavola ed il commensale non ha l'obbligo di consumarla, essa deve essere portata in tavola già lavata e per mangiarla occorre utilizzare coltello e forchetta appositi, eccezione fatta per cachi, frutta secca e uva.

Mele, pere e pesche, tenendole sul piatto ed aiutandosi con le dita dell'altra mano, vanno tagliate in quattro con il coltello, ciascun pezzetto va infilato con la forchetta e sbucciato con il coltello; quindi lo si taglia nella misura desiderata, con entrambe le posate.

Gli agrumi si tengono con la mano sinistra e si sbucciano con il coltello nella destra: prima si tagliano ai due poli, poi si incide la buccia a strisce verticali, che si staccheranno facilmente con il coltello avendo cura di tenere fermo il frutto aiutandosi con la forchetta. Gli spicchi si portano alla bocca con le dita. I semi vanno discretamente sputati nella mano chiusa a pugno, e deposti sul bordo del piatto.

La banana si tiene con la mano sinistra, si sbuccia con il coltello nella destra. Poi, con entrambe le posate, si fanno i pezzetti da portare alla bocca con la forchetta.

L'uva, servita in piccoli grappoli, si tiene con la mano sinistra mentre la destra stacca gli acini che vengono portati alla bocca.

I cachi si tagliano a metà e si mangiano con il cucchiaio.

Le ciliege e le amarene si tengono per il picciolo, sputando con discrezione il nocciolo nella mano per depositarlo sul bordo del piatto.

Il cocomero si mangia utilizzando la forchetta e il coltello, prima liberandolo dai semi, poi tagliandolo a pezzetti che si portano alla bocca.

I fichi, prima si tagliano in quattro spicchi, poi si mangiano con la forchetta.

Fragole e lamponi, serviti con il picciolo, si portano alla bocca con la mano, oppure se posti in una coppa, vanno serviti il cucchiaino.

 
 Informazioni 
 

Davide Mattei

Pavia, 24/10/2000 (706)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool