Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 22 ottobre 2019 (323) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Oltrepò Pavese. L'Appennino Lombardo
» Napoleone anche a Pavia
» Marco Bianchi e "La cucina delle mie emozioni"
» Semplicemente Sacher
» Oltrepò infinitamente grande, infinitamente piccolo, infinitamente complesso
» Un nodo al fazzoletto
» Vigevano tra cronache e memorie
» Il Futuro dell’Immagine
» "Sorella Morte. La dignità del vivere e del morire”
» L' Eredità di Corrado Stajano
» Il pentagramma relazionale
» Ghislieri 450. Un laboratorio d’ Intelligenze
» Progettare gli spazi del sapere: il caso Ghislieri
» La Viola dei venti
» Solo noi. Storia sentimentale e partigiana della Juventus
» L'estate non perdona
» Il manoscritto di Dante
» Per una guida letteraria della provincia di Pavia
» A Londra con mia figlia
» Il naso della Sfinge

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Note d'acqua
» Swing and Jazz
» River Love Festival
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Concerto di pianoforte
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra
» Un capolavoro ritrovato
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 6867 del 9 luglio 2008 (1814) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Rock Around Pavia 2008
Rock Around Pavia 2008

Questa volta è fatta! (o quasi). Sto infatti ultimando le ultime schede della nuova edizione di Rock Around Pavia, il cui sottotitolo sarà “5 Decadi di Musica Rock (ed altro) in Provincia di Pavia”. E’ stato un massacro: dalle 5 alle 11 ore al giorno attaccato al computer per mesi, più di 400 pagine di libro, migliaia di fotografie, notti insonni, litri di caffè, tonnellate di sigarette e…non chiedetemi mai più di rifarlo!

Ho dovuto riscrivere tutto, a partire dagli anni ‘40/’50 sino al 2008. Se da un lato Internet e i vari MySpace mi sono stati d’aiuto, dall’altro mi sono preso delle arrabbiature (per usare un termine “pulito”) solenni quando trovavo, al posto dei nomi dei componenti delle bands cose tipo “Zac”,”Grinch”,”Ely”, “Van”, “Mic” e altre amenità del genere. Ma a cosa diavolo serve nascondersi dietro dei nick-name? Se si è già famosi (come Bono) è un vezzo che ci si può permettere, altrimenti si crea “il nulla”, perché senza un nome un musicista non ha storia, non si riesce a risalire alle sue radici, alle sue esperienze. E così, inviperito, molti li ho “cassati”; altri, che mi dispiaceva lasciar fuori, li ho contattati sgridandoli e chiedendo dati più attendibili. Alcuni mi hanno risposto gentilissimi e superveloci nel fornire notizie (e li ringrazio), altri proprio se ne sono fregati. Ho cercato di mettere anche più immagini di copertine, perché le discografie sono importanti. Anche i capitoli tematici iniziali hanno raddoppiato il loro volume.
 
Per la copertina, poi, devo ringraziare Marco Lodola (che cito nel libro come “l’artista che è stato più vicino all’ambiente musicale pavese”) che mi ha concesso di usare un’immagine tratta da un suo lavoro. Devo ringraziare MiaPavia, La Provincia Pavese e i vari fotografi dai cui archivi ho pescato a piene mani, così come l’Amministrazione Provinciale di Pavia (e il suo vicepresidente Marco Facchinotti) che mi ha supportato e stimolato in questo mio lavoro, il mio editore che, con il solito entusiasmo (ed incoscienza) ha continuato a dire “Facciamolo! Facciamolo!” e ha ben incassato il continuo aumentare del numero delle pagine. Ed infine devo ringraziare mia moglie e mia figlia che, da mesi, devono vivere in una casa trasformata in un deposito-archivio, con fogli, giornali e fotografie accumulati dappertutto (negli ultimi mesi siamo stati costretti a mangiare sul divano, perché tutti i tavoli erano sommersi dal materiale che stavo consultando).
 
E’ superfluo dire che devo ringraziare tutti i musicisti, giovani e meno giovani, quelli che mi hanno fornito notizie e materiale, ma anche tutti gli altri, per il solo fatto di suonare e mantenere in vita il mondo musicale pavese che (ve ne accorgerete sfogliando il libro) è sempre stato vivace, in fermento e ricco di stimoli (sebbene l’ambiente circostante e la città stessa abbiano sempre “remato contro”).
 
Il libro dovrebbe essere pronto e presentato (con un concerto) verso la metà di settembre). Ci sarà anche un CD (non so ancora se in serie limitata o no) con alcune registrazioni dei gruppi degli anni ‘60/70 provenienti dal mio sterminato archivio.
 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 09/07/2008 (6867)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool