Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 29 ottobre 2020 (175) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Ultrasound Piccola Grande Etichetta
» Suoni dell'altro mondo al Passo Penice
» Il muto dall'accia al collo
» Puliamo il mondo 2003
» I Back to the Beatles per Marco Pazzi
» Il catalogo dell'800
» Ludovico Sinistrari e la demonialità
» Sirene
» Orologi solari & meridiane
» La Torre Civica - Galleria Fotografica
» La Torre che non c'è più
» La Torre Civica
» Vino e cibo al top!
» La salsiccia del Ponte
» Non è mai troppo tardi
» Natale Pop Live 2001
» Siamo ancora "in alto mare", ma va un pò meglio
» La mostra della laguna colpisce ancora
» Il vino nei secoli
» Palazzo o grotta?

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Squali, predatori perfetti"
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Libri al Fraccaro
» Il "Duchetto" di Pavia
» La cospirazione dei tarli
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 685 del 11 ottobre 2000 (3627) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Cibo dell'anima e cibo del corpo
Cibo dell'anima e cibo del corpo

La Certosa di Pavia, come tutti gli edifici certosini, si ispira ad un modello unico: la Grande Chartreuse fondata da S. Bruno nei pressi di Grenoble e consacrata da Ugo, Vescovo di quella città, nel 1085. La nota dominante di questo modello è che gli edifici che compongono il monastero vengono distribuiti in modo da permettere al monaco un graduale distacco dal mondo esterno ed un'alternanza fra i luoghi deputati alla preghiera personale (la cella) e quelli dedicati all'incontro con la comunità monastica (la chiesa, il refettorio).

Entro questo modello base, il refettorio ha una funzione paragonabile a quella della chiesa stessa, poiché è uno dei luoghi deputati all'aggregazione della comunità monastica. In esso, i monaci si radunano la domenica e in particolari festività, mentre nei giorni feriali pranzano in solitudine nella propria cella. Il momento del pasto collettivo non significa solo incontrare i propri compagni di monastero, ma anche entrare a contatto con il Verbum, la Parola di Dio, spesso rappresentato metaforicamente come 'latte', nutrimento materiale e anche spirituale. Il refettorio della Certosa di Pavia esplicita l'importanza di tale momento attraverso la raffigurazione, in un tondo sul soffitto, della Vergine che allatta il Bambino: l'opera è metafora dell'adozione del fedele da parte della Madre Divina e, attraverso di essa, dell'accesso alla conoscenza suprema.

Altro elemento cardine in ogni refettorio certosino, e che si ritrova in quello di Pavia, è il pulpito. Da esso, un lector rendeva nota a tutta la comunità la Parola divina. La posizione del pulpito è strettamente definita dagli Antiqua Statuta: esso si trova lungo la parete opposta al Chiostro piccolo e il viso del monaco che legge deve essere rivolto a est (cioé verso la chiesa). Il testo divino deve essere accolto in silenzio, poiché solo attraverso il Silenzio si rivela il Verbum. Infine, si deve notare che questa lettura è distinta e, contemporaneamente, complementare, alla lettura dei testi sacri che avviene durante la Messa. Ne è prova il fatto che, spesso, nelle Bibbie certosine, ai margini del testo, sono segnalate le letture da farsi in refectorio, ben distinte da quelle da farsi in chiesa.

 
 Informazioni 
 

Anna Montani

Pavia, 11/10/2000 (685)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool