Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 12 dicembre 2019 (167) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» BirrArt 2019
» Torre in Festa
» Festival dei Diritti 2019
» Ticino EcoMarathon
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» “Barocco è il mondo” Sbarco Sulla Luna
» Non solo Cupola Arnaboldi – Pavia fa!
» Festa del Ticino 2019
» Scarpadoro di Capodanno
» Giornata del Laureato
» Africando
» Palio del Ticino
» BambInFestival 2019
» RisvegliAmo la Relazione: Io e l'Ambiente – II edizione
» Festa del Roseto
» Festa di Primavera: Mostra dei Pelargoni
» Next Vintage
» L'Università diventa una palestra
» GamePV

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
» Leonardo e la Via Francigena a Pavia
» Mercatino del Ri-Uso a Borgarello
» Tracce
» IT.A.CÀ
» Una chiesa-museo tra Rinascimento e Barocco
» Mercatino del Ri-Uso – Nuova Vita alle Cose
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 6749 del 3 giugno 2008 (2436) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Palio del Ticino 2008
Il corteo storico mentre attraversa il Ponte Coperto
Per i pavesi il Ticino non è stato solo fonte di lavoro e fatica, ma anche di svago e divertimento, ed in tal senso, uno degli eventi ancora oggi ricordato con maggior nostalgia è senza dubbio Palio dell'Oca.
 
La manifestazione, che si disputava nell’‘800, venne poi ripresa negli anni '50 e vedeva sfidarsi, proprio sulle acque del Ticino, i rappresentanti delle diverse contrade pavesi in gare di voga e nuoto, culminanti con la cattura del bianco pennuto (da cui il nome) sospeso dal Ponte sulla linea del traguardo.

Pare fosse intenzione del Palio rievocare l’antica festa del “Tirare il Collo alle Oche”, che la leggenda attribuisce al condottiero dei Galli Brenno, quale vendetta per l’allarme lanciato delle candide antenate ai difensori del Campidoglio.
La versione pavese di tale evento, non era certo vissuta come una rappresaglia contro le oche (che a onor del vero spesso “salvavano le penne”), bensì come momento di aggregazione, se pur di sana competizione, che rafforzava il senso di appartenenza al proprio quartiere…
 
Per rinverdire queste sensazioni e tradizioni, rispolverare usi e costumi e valorizzare il nostro Ticino, alcuni rappresentanti di Canottieri Ticino, Circolo La Barcela, Circolo La Lanca, Battellieri C. Colombo, Club Vogatori pavesi e Associazione Motonautica pavese, hanno costituito una nuova associazione – gli Amici del Palio del Ticino – con il solo scopo di far nascere un “nuovo” palio.

Se l’originale palio affonda, infatti, le sue origini all’epoca dei Galli, il Palio del Ticino rinato nel 2006 si ispira a un fatto risalente alla dominazione Viscontea, in particolare al giugno del 1431.
In quell’anno la flotta di Filippo Maria Visconti, capitanata dal pavese Pasino degli Eustachi, affrontò in una cruente battaglia sulle acque del Po la flotta della Serenissima Repubblica di Venezia, comandata da Nicolò Travisano in rotta su Pavia. Dopo oltre dodici ore di battaglia, la flotta ducale ebbe la meglio e fece trionfale ritorno alla darsena pavese agghindando le imbarcazioni con quanto di più vivace vi si trovasse a bordo (divise veneziane incluse): da qui pare tragga origine il “Gran Pavese” – gran gala di bandiere usata per adornare le navi in particolari occasioni – ancora oggi in uso nella marineria.
 
Più che la battaglia, la manifestazione vuol ricordare la gioia e la festa conseguenti allo scampato assedio, e lo fa con rievocazioni e convivi dal sapore storico e momenti sportivi ispirati alla tradizione, che si susseguiranno secondo questo programma:
 
 Sabato 7 giugno

Ore 20.30 - Cena medievale
Nel suggestivo contesto del cortile del castello Visconteo di Pavia, in un’atmosfera resa magica dalle musiche rinascimentali, un evento unico per poter gustare raffinati piatti medioevali rivisitati, che si rifanno ad antiche ricette.
Comodamente seduti a tavola, gustando le ricche portate del superbo convivio, danzatrici e duellanti con spade infuocate, riporteranno i presenti nell’ambiente surreale dei banchetti dell’epoca della corte Viscontea.
 

 Domenica 8 giugno

Ore 16.00 - Corteo storico con figuranti che vestiranno i sontuosi costumi dei nobili e delle dame di corte, sbandieratori e vogatori
Ore 16.30 - Dimostrazione in piazza Vittoria
Ore 17.30 - Giuramento dei vogatori in piazzale Ghinaglia
Ore 18.00 - Palio dei barcé sul fiume
Ore 18.30 - Consegna del Palio ai vincitori
Ore 19.00 - Estrazione del biglietto vincente della lotteria abbinata al Palio del Ticino
(Gli organizzatori promuovono una lotteria che mette in palio una Fiat 500. I tagliandi sono in vendita al prezzo di 2 euro)

 
 Informazioni 
Dove: Pavia
Quando: 7 e giugno 2008
Per informazioni:
Associazione "Amici del Palio del Ticino" - tel. 0382/303395, e-mail: info@paliodelticino.it
Web: www.paliodelticino.it

 

La Redazione

Pavia, 03/06/2008 (6749)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool