Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 29 ottobre 2020 (189) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Natale in crociera
» The Village
» Son de mar
» Hulk
» La nave fantasma
» L'acchiappasogni
» Il Libro della Giungla 2
» Hunted
» A proposito di Schmidt
» Hypercube-Cubo 2
» Gangs of New York
» Il Signore degli anelli-Le due torri
» Darkness
» L'uomo del treno
» xXx
» Pinocchio

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Nel nome del Dio Web
» Incontro al Caffè Teatro
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» Gran Consiglio (Mussolini)
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 66 del 15 ottobre 2002 (2391) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Minority Report
Minority Report

Calor bianco, un giudizio a caldo direttamente dalla sala.
Si inaugura oggi una nuova rubrica di giudizi a caldo dalla sala cinematografica.
Si sacrifica un po' al ripensamento misurato, si guadagna in immediatezza.
Se volete l'impressione vera, quella dell'istante, se desiderate un giudizio appellabilissimo ma tempestivo, se cercate l'ultima dritta prima di scegliere il film della serata non potete perdere su miapavia:
calor bianco, il commento a caldo dalla tua sala!!!

Minority Report - Steven Spielberg

Colori acidi, freddissimi, sovraesposizioni creative, azione e quiete estreme affiancate per un maggiore risultato.
Ottiche grandangolari, dinamiche di ripresa stroboscopiche, innaturalezza elevata al rango di arte.
Per abbracciare la luce a volte è necessario rischiare l'oscurità.
Notevole Peter Stormare come ex chirurgo plastico datosi ai trapianti illegali di occhi.
Film potente anzi straordinario a tratti
ma solo a tratti

Macchina a mano onirico mnemonica, il sogno di John è su suo figlio perché lui si sente in colpa, ma si sentirà in colpa anche Steven per questo film-figlio fantastico e "minorato", da minority report, al tempo stesso?
Tecnologia sconvolgente (e dio sa quanto è difficile sentirsi sconvolti ai giorno nostri da un "banale" film) e semplicità/confusione estrema nella trama/sceneggiatura/intreccio.
difficilissimo rendere un racconto come quello di Philip Dick.

"questo è adesso?"- dice la Precog, lei è incredibilmente brava a fare cose che nessuno sa fare ma non sa fare ciò che tutti fanno, anche "sapere" rende bene.
Lei sa ciò che tutti ignorano e ignora ciò che tutti sanno.
Ma allora siamo tutti precog noi che stiamo guardando questo film???

Avanzamento veloce e veloce arretramento, il cinema come nastro trasportatore di emozioni girato in alta definizione?
La pubblicità alla ricerca del proprio cliente, lo riconosce dall'iride, all'ingresso dello store!!
Ma gli sponsor sono felici o scontenti del servizio?
E la gente capirà la crudeltà della tesi?
Bulgari regola/regala il tempo a John per pensare di non uccidere l'assassino di suo figlio.

Il frammento elevato a prova che il cinema/emozione esiste sempre e nonostante tutto.
Avanguardia sovietica rimasterizzata modello MTV?
No, sono troppo crudele... nei momenti tristi, in quelli d'azione, in questi momenti il film funziona...

Lamarr si fa fare il nodo alla cravatta dalla moglie di John, ma è dalla morte (v. il settimo sigillo e l'immortale Max von Sidow) echi anche lì...
Si torna al surrealismo, all'espressionismo tedesco anni venti.
La festa finta come un funerale, al chiuso, guarda le facce! La morte al contrario vera e all'aperto, sul tetto.

Janusz Kaminskij, un direttore della fotografia notevole!
Inquietante, disturbante, non omologato, senz'altro un film da vedere, e rivedere...
Da l'impressione comunque di celare più di quello che rivela...

(dalla sala Corso di Pavia, ore 22.45 del 30/09/02)
 
 Informazioni 
 

Roberto Figazzolo

Pavia, 15/10/2002 (66)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool