Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 1 aprile 2020 (977) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Passeggiate di Quartiere
» Merenda di fine estate
» Via degli Abati
» Week end di Farfalle...
» La birra dei Celti al castello di Stefanago
» A caccia di tartufi
» Il salame di Varzi e la corte dei Malaspina
» Aperitivo con vista: le api dei monti
» Da Varzi a Portofino
» Orchidee in Oltre
» Butterflywatching in Valle Staffora…. In cerca di rarità
» In bocca al lupo
» Tra vino e castelli
» Pane al pane
» Da Fego al rifugio Nassano
» Tra i vigneti del Versa sul sentiero delle torri
» Sentiero dei Castellani
» Passeggiata tra storia, natura e benessere....
» Le sabbie dell’Oltrepò
» Lunapiena Bike

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Biodiversità degli animali
» Riabitare l'Italia & Appennino atto d'amore
» Festa dell'Albero 2019
» Lotte biologica, l'importanza dell'impollinazione da parte delle api
» Come moltiplicare le piante in casa: tecniche e consigli
» Corso sulla biodiversità urbana
» Passeggiata naturalistica
» Corso base di acquarello naturalistico
» La Margherita di Adele
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» BiodiverCittà - passeggiata al Parco della Sora
» Biodivercittà - passeggiata al Parco della Vernavola
 
Pagina inziale » Ambiente » Articolo n. 6583 del 21 aprile 2008 (2138) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
I ponti del Gea
I ponti del Gea
Due le proposte del Gruppo Escursionistico Appennino di Pavia per le imminenti festività: entrambe le escursioni si sviluppano in territorio piemontese e si svolgeranno la prima, il 25 aprile, al Parco naturale delle Capanne di Marcarolo, la seconda, il 1° maggio, al Parco Nazionale di Val Grande.
 
Il vasto altopiano di Marcarolo è situato nell'area montuosa dell'Appennino Ligure-Piemontese, all'estremo sud della provincia alessandrina, collocato geologicamente nel sistema noto come "Gruppo di Voltri". L'area del Parco, dominata dalla piramide massiccia del Monte Tobbio, ha la peculiarità di godere la vista del Golfo Ligure, posto a meno di dieci chilometri in linea d'aria, e di essere interessata da numerosi corsi d'acqua e zone umide, nonché frequenti affioramenti di microtorbiere.
Tale ambiente si riflette sulla fauna, caratterizzata dalla notevole presenza di rettili ed anfibi, quali la salamandra pezzata, il rospo comune, la rana rossa e il tritone alpestre e quello crestato. All'interno delle miniere abbandonate, numerose sul territorio, si può trovare il geotritone italiano (Hydromantes italicus) e nei ruscelli del parco nuota l’ormai rarissimo gambero d'acqua dolce.
 
Il programma di venerdì prevede una camminata lungo il sentiero naturalistico che congiunge Passo della Bocchetta a Passo del Gatto. Il primo, posto ad una quota di 800 metri s.l.m., costituisce il naturale collegamento tra la Val Polcevera e la Val Lemme, e rappresenta un valico storico poiché da queste parti passava la romana Via Postumia, fatta costruire nel 148 a.C. dal console romano Postumio Albino.
 
Per il prossimo giovedì, invece, è in calendario un trekking a due passi dal Lago Maggiore, nell'area selvaggia più vasta delle Alpi. La Val Grande è una vallata unica, dove la natura regna sovrana e dove frammenti della civiltà alpina, che testimoniano attività di alpeggio, si affiancano a resti dalla "Linea Cadorna", cioè fortificazioni militari realizzate durante la prima guerra mondiale nel timore di un attacco austrotedesco attraverso la Svizzera.
 
La varietà della vegetazione è una delle maggiori attrattive del Parco: il faggio, che rappresenta la specie arborea più diffusa, dà vita a boscaglie impenetrabili, che si alternano a piccole abetaie e a coloratissime “macchie fiorite”; mentre salendo di quota, si passa rapidamente dal bosco alla prateria alpina. Numerosi e limpidissimi torrenti attraversano la valle e si gettano in gole con pareti a strapiombo, creando suggestivi scenari e l'habitat ideale per camosci, caprioli e, sporadicamente, cervi. Molto frequente anche la volpe, soprattutto alle quote basse, e sono sicuramente presenti anche il tasso, la martora, la faina, il riccio, il ghiro e lo scoiattolo. Grazie alla purezza delle acque non mancano trote, rane temporaria e salamandre. Tra i rettili si segnalano le tanto temute vipere.
Molto ricca anche l'avifauna con specie montane e alpine degni di nota come il gallo forcello, il merlo acquaiolo e la maestosa aquila reale.
 
L’escursione inizia dal piccolo centro abitato di Mergozzo che si affaccia sulle rive del lago omonimo, un piccolo specchio lacustre che risulta essere uno dei più puliti d'Italia.
Si proseguirà poi verso il Monte Faiè, uno dei punti panoramici più belli e facilmente raggiungibili: in giornate limpide da qui è possibile ammirare il Lago Maggiore, il Lago di Mergozzo, il Lago d'Orta, il Lago di Monate ed il Lago di Varese.
Una curiosità: sulla vetta del Faié un cippo di pietra segna il confine del versante montuoso in concessione alla "Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano" che ancora oggi provvede al restauro e alla manutenzione del Duomo. La concessione risale al 1387 quando Gian Galeazzo Visconti, conte di Virtù, decise di avviarne l'edificazione utilizzando il marmo del vicino filone di Candoglia. Da allora queste montagne hanno fornito il marmo per le 3300 statue del Duomo.
A Erfo, punto di arrivo del trekking, c'è una cappelletta che ricorda l’origine del nome del luogo - "E nel Ricordo un Fiore Offrite (ERFO)" – che si rifà alla leggenda di un rapimento di un fanciullo da parte di un’aquila reale, fatto in realtà mai verificatosi e legato a un timore ancestrale nelle genti di montagna, affascinate dal suo volo maestoso, ma impaurite dalla preda di agnelli e capretti.
 
 Informazioni 
Dove: ritrovo c/o Piazzale Stazione FS – Pavia
Quando: venerdì 25 aprile e giovedì 1 maggio 2008, ritrovo 6.45, partenza alle 7.00.
Partecipazione: non sono ammesse persone non assicurate contro infortuni. Prezzo trasferimento pullman: 15,00 euro; quota iscrizione non soci: 5,00 euro
Per informazioni e iscrizioni:
al venerdì sera c/o Consiglio Circoscrizionale Pavia Storica, Piazza della Vittoria, 21 - Pavia
Tel: 338/4746754 (Giuseppe Pireddu, presidente del GEA)

 
 
Pavia, 21/04/2008 (6583)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool