Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 24 ottobre 2019 (249) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» I transgender nello sport tra mito e realtà
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Luca Mercalli e la crisi climatica
» Walking the Line
» Pillole di... fake news
» Scienza e bugie: il virologo Roberto Burioni al Borromeo
» Marcella Milani si racconta al Pavia Foto Festival
» Colloquio sull'Europa
» Scoprire il teatro: Carlos María Alsina a Pavia
» Salvatore Silvano Nigro e il "fantastico" Manganelli
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» A tu per tu con Massimo Tammaro
» Mino Milani - Di stelle e di Misteri
» Conversazione Pavese
» Circolo di lettura
» Gek Tessaro e il suo Pinocchio
» Alda Merini la poetessa dei Navigli
» Nicola Attadio racconta Nellie Bly

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Scienziati in prova
» Notte dei Ricercatori - Settimana della Scienza
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Porte Aperte
» Giornata del Laureato
» Bloomsday
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Scienziati in Prova
» SHARPER: il volto umano della ricerca
» Fiera delle Organizzazioni Non Governative e della Società Civile
» Giornata del Laureato
» Letizia Moratti ospite al Nuovo
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 6498 del 26 marzo 2008 (1589) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Il tempo che fa
La copertina del libro
Alluvioni e siccità, nevicate eccezionali e disgelo dei ghiacciai, uragani e tsunami, la minaccia della Nuvola nera dalla “Cindia” sino alla Valle Padana: l’interesse che oggi si manifesta sul clima e sulla salute del Pianeta è determinato certo dal timore che le attività umane cambino il clima, ma anche dalla paura che il clima comporti cambiamenti e soluzioni drastiche per le attività umane.
 
Difficile cambiare abitudini, ma sempre più emerge la necessità di trovare le strategie per ridurre la vulnerabilità del pianeta Terra, cercando di prevedere “dove va la Terra”, per richiamare il titolo di un’opera di Guido Visconti, climatologo italiano, invitato dal Collegio Nuovo per un nuovo appuntamento del ciclo "Emergenze planetarie: la scienza ci salverà? Energia, Clima, Malattie emergenti, Ambiente".

Guido Visconti, fisico di formazione presso l’Università dell’Aquila dove attualmente è ordinario di Fisica dell’atmosfera, ha studiato e insegnato all’Università del Maryland, al Massachusetts Institute of Technology e al National Center for Atmospheric Research (NCAR).
Oltre a essere stato principal investigator per diversi progetti della NASA, ora è associate investigator per il progetto Venus-Express, la prima missione di esplorazione scientifica del pianeta Venere curata dall’Agenzia Spaziale Europea.
Nel 2005 è stato nominato membro dell’Accademia dei Lincei; due anni dopo è entrato a far parte del Consiglio Tecnico Scientifico dell’Agenzia Spaziale Italiana.
Nel 2001 ha fondato e poi diretto il Centro di Eccellenza per la Previsione di Eventi Meteorologici Severi (CETEMPS). Il CETEMPS, centro di competenza per il Dipartimento della Protezione Civile, vanta numerose realizzazioni sperimentali fra cui diversi radar ottici, misuratori di composizione atmosferica ad alta sensibilità e strumentazione meteo avanzata.
Per l’Agenzia Spaziale Italiana partecipa al progetto triennale Quitsat, per un sistema di monitoraggio, previsione e pianificazione della Qualità dell’Aria.
Oltre a testi di carattere accademico, Visconti ha pubblicato più di un centinaio di articoli scientifici su riviste internazionali. Collabora fra l’altro al Corriere della Sera e Le Scienze e ha pubblicato testi di divulgazione scientifica come "Clima estremo" per l’editore Boroli, titolo per il quale è risultato finalista del Premio Galileo della Città di Padova.
 
Guido Visconti sarà a Pavia lunedì sera per parlare di “Il tempo che fa. Previsioni scientifiche e implicazioni sociali”. A presentarlo il giornalista scientifico Marco Cagnotti, docente del Laboratorio di Comunicazione Scientifica Divulgativa al Collegio Nuovo.
 
 Informazioni 
Dove: Collegio Nuovo,Via Abbiategrasso,  404 - Pavia
Quando: lunedì 31 marzo 2008, ore 21.00

 

Comunicato Stampa

Pavia, 26/03/2008 (6498)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool