Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 10 dicembre 2019 (453) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» BirrArt 2019
» Torre in Festa
» Festival dei Diritti 2019
» Ticino EcoMarathon
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» “Barocco è il mondo” Sbarco Sulla Luna
» Non solo Cupola Arnaboldi – Pavia fa!
» Festa del Ticino 2019
» Scarpadoro di Capodanno
» Giornata del Laureato
» Africando
» Palio del Ticino
» BambInFestival 2019
» Festa del Roseto
» RisvegliAmo la Relazione: Io e l'Ambiente – II edizione
» Festa di Primavera: Mostra dei Pelargoni
» Next Vintage
» L'Università diventa una palestra
» GamePV

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Lo sguardo di Maria
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
» Leonardo e la Via Francigena a Pavia
» Mercatino del Ri-Uso a Borgarello
» Tracce
» IT.A.CÀ
» Una chiesa-museo tra Rinascimento e Barocco
» Mercatino del Ri-Uso – Nuova Vita alle Cose
» A tu per tu con l’antico Egitto
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 6475 del 18 marzo 2008 (2216) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Qua e là per tradizioni pasquali
Qua e là per tradizioni pasquali
Dai riti cristiani alle feste di paese, certo non mancano le ricorrenze legate alla Pasqua. Nemmeno in provincia di Pavia.
 
Se, però, l’agnello pasquale è un noto simbolo del sacrificio di Gesù e l’uovo di cioccolato, scambiato in segno di buon augurio, pare derivi dall’usanza propiziatoria dagli antichi contadini romani di sotterrare un uovo colorato di rosso, simbolo di prosperità, nella speranza di ottenere un buon raccolto, non sono altrettanto certe le origini di alcune tradizioni locali…
 
È il caso, ad esempio, della “Processione del Crocione”, il Crusion di Tromello, portato a spalla per le vie paese da un uomo incappucciato nella sera di Giovedì Santo.
Si ipotizza – poiché non sono stati trovati documenti che indichino con certezza come sia nata – che tale tradizione religiosa affondi le proprie origini ai primi decenni del 1600, quando in Lomellina si manifestò un’epidemia di peste che portò ad una grande devozione per San Rocco, protettore degli appestati cui è intitolata la chiesa più amata dai tromellesi.
Il “protagonista” di questa manifestazione è sempre stato “misterioso” ed anche l’usanza di mantenerne celata l’identità si è tramandata fino ai giorni nostri: egli, infatti, indossa una tunica rossa con cappuccio che gli copre anche il viso. Così abbigliato, a piedi scalzi, e con catene legate alle caviglie, questo personaggio, in penitenza o per richiedere una grazie, porta la pesante croce di legno sulle spalle in processione… sempre seguita da una numerosa folla tenuta a distanza dai sanrocchini in tunica bianca.
 
A Cilavegna, nella sera di Venerdì Santo (20.45), la Parrocchia dei Santi Pietro e Paolo organizza la suggestiva e antica processione delle “Tre Marie”.
Per l’occasione, novanta figuranti accompagneranno il Cristo - le Tre Marie, vestite a lutto, le Dame, i Misteri, la Veronica, la Sindone, i Confratelli, i Bambini di 1^ Comunione e i Ministranti - e lungo il tragitto, che partirà dalla chiesa di Santa Maria e, transitando tra le case ornate a festa, arriverà alla Parrocchiale, sono previste sei soste di preghiera. 
 
Passando al religioso al ludico, ma sempre nel segno della tradizione, la ProLoco di Fortunago, per far rivivere le care vecchie usanze del mondo contadino, promuove da qualche anno una simpatica iniziativa per il Lunedì di Pasqua: la distribuzione del "Cavagno d'l'ov", ovvero il cestino dell'uovo. Il cestino è un biscotto che contiene un uovo cotto in forno e viene donato ai bambini in ricordo della tipica merenda consumata un tempo nella tradizionale scampagnata di Pasquetta.
 
Stesso giorno, e stesso sapore bucolico, per la 23^ Fiera agricola di primavera che si svolgerà ad Alagna Lomellina, dove, dalle prime ore del mattino, sarà allestita la consueta esposizione di macchine agricole e bestiame, accompagnata da un mercato di prodotti di ogni genere.
 
Simile nei contenuti, ma generalmente distribuita su due giorni – domenica e lunedì –, la Pasqua Bastidese, che coincide con la secolare Fiera Agricola, compie 157 anni.
Nella Piazza del Mercato, che in questa edizione farà spazio anceh alle bancarelle solidali della onlus pavese "S.O.S. Ospedale Bukavu" (Congo), sarà allestita la grande esposizione di macchine agricole, zootecnia, ornitologia e pesca. A questo proposito, per rinnovare l’antico legame culturale e, soprattutto, gastronomico con il fiume Po, viene proposta nel giorno di Pasquetta la tipica "pesciolata", con distribuzione di pesce fritto a tutti gli intervenuti.
 
Chiude la carrellata di eventi pasquali la Fiera dell'Angelo di Santa Maria della Versa, che offre un mercatino di antiquariato e artigianato, affiancato dall’ormai abituale esposizione di mezzi “d’epoca” - quest’anno sarà il turno delle mitiche "Vespa" -, da una mostra di collezionismo (presso Palazzo Pascoli) e da un luna park per intrattenere i giovanissimi.
 
 
 Informazioni 
 

La Redazione

Pavia, 18/03/2008 (6475)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool