Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 23 settembre 2019 (315) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Il romanzo di Baslot
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» Prima che le foglie cadano
» Presentazione inutile
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 6362 del 15 febbraio 2008 (4562) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Impronte d'aria
Particolare di una delle fotografie in mostra
Il Ridotto del Teatro Fraschini di Pavia sta assumendo sempre più la connotazione di spazio espositivo. Martedì si aprirà, infatti, una nuova mostra che il direttore della sua Fondazione ha riassunto con l’espressione “Guardare la musica: l’idea geniale che sottende all’esposizione – ha commentato Antonio Sacchi  –  è che le foto che compongono il percorso dimostrano che anche attraverso il silenzio dell’immagine si perpetua il suono”.
 
Nata in seno a Oltrefoto – Laboratorio Permanente di Fotografia di Voghera –, non nuovo ad iniziative culturali nel capoluogo, la mostra è frutto del lavoro svolto da una dozzina di iscritti (Stefano Boschiroli, Nicoletta Casoni, Franco Castellari, Marco Cipullo, Giorgio Ghersani, Patrizia Lanfranchi, Nadia Marino, Michelle Marrone, Enrico Prada, Stefano Rondina, Paolo Valassi e Cristiano Zizza) nell’estate 2007 a Pella (Lago d’Orta), in occasione della stagione concertistica “Armonie sul lago” organizzata dall’Associazione Ensamble “Isabella Leonadra” di Novara, sotto la direzione artistica dal Maestro pavese Maurizio Schiavo.
 
Un’esperienza interessante, curiosa e stimolante – l’ha definita il presidente di Oltrefoto Giorgio Ghersaniper noi che ci muoviamo secondo tradizione, guardandoci sempre intorno con attenzione, ma cercando anche di svolgere un’indagine creativa, ciò cercando di cogliere, di ciò che ci circonda, un lato particolare che possa tradursi in messaggio”.
 
A spiegare il messaggio delle 35 foto esposte, selezionate tra le diverse migliaia scattate, e raccolte nel titolo Impronte d’aria, è il direttore artistico del Laboratorio Enrico Prada.
Fotografia e Musica: strana coppia, all’apparenza senza connessioni. Eppure, questo binomio improbabile, è stato vissuto come principio creativo di questa mostra, con la complicità di Gianni Rodari (anche lui del Lago d’Orta, di Omegna, appena sopra Pella) e della sua idea di binomio fantastico.
 
Sette concerti e un balletto eseguiti nelle chiese del paese e nella piazzetta del lungolago, non lontano dai tavoli all’aperto di un ristorante e sotto l’insegna dell’Ufficio Postale.
Fotografie di prove e concerti in luoghi dove suoni musicali si mescolavano a quelli vitali del paese e della stagione - le chiacchiere, la risacca delle onde, il fruscio degli alberi, la sirena del vaporetto, un bagnante che torna a casa -, in uno strano impasto di luci: riflettori, bagliori di tramonto, lampioni, riflessi di luna sul lago. Un contesto straniante, un’invenzione naturale: uno stimolo eccitante. È stato in uno di quei momenti, mentre l’orchestra suonava immersa nel ritmo delle cose, che improvvisamente sono riemerse le parole di Rodari: “Occorre una certa distanza tra due parole, occorre che l’una sia sufficientemente estranea all’altra, e il loro accostamento discretamente insolito, perché l’immaginazione sia costretta a mettersi in moto per istituire tra loro una parentela, per costruire un insieme (un binomio fantastico) in cui i due elementi estranei possono convivere
”.
 
Sono parole della Grammatica della fantasia che hanno aperto la porta allo sguardo, per vedere le impronte sonore lasciate dalla musica: per vederle nell’aria, ma soprattutto in mezzo alle case, sul pelo dell’acqua, nelle navate, nei giardini, sulle panchine e dentro i portoni. O nello sguardo di chi ascolta. Parole per fotografare la musica. Per vederla come fosse vento, perché, come il vento, la musica è visibile solo nelle cose che avvolge e sulle quali si deposita. Una strana caccia visiva, in cerca di tracce impalpabili lasciate dai suoni di strumenti antichi, mischiati ai suoni della vita quotidiana (come le posate di un ristorante poco distante dal luogo delle prove)”.
 
Un archetto vibrante, un corpo che danza rivolto al lago, lo sforzo gonfio della guancia che soffia nel corno o le mani commosse che applaudono, i piedi delle ballerine illuminati da una luna artificiale e il ricciolo di un violoncello che assomiglia ad un orecchio… Sono solo alcune delle foto ospitate nell’ideale cornice del Fraschini, dove può rivivere l’eco dalla quale queste immagini sono nate.
 
 Informazioni 
Dove: Ridotto del Teatro “G. Fraschini”, corso Strada Nuova, 136 - Pavia
Quando: dal 19 febbraio (inaugurazione ore 18.00) al 28 marzo 2008, solo durante gli spettacoli della Stagione del Fraschini
Per informazioni:
OltreFoto – Laboratorio Permanente di Fotografia, e-mail: oltrefoto@libero.it
Fondazione Teatro “G. Fraschini”, tel. 0382/371214-02
 

La Redazione

Pavia, 15/02/2008 (6362)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool