Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 2 marzo 2021 (345) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Pesce di mare a Spessa Po!
» La 44^ Sagra dell'asparago
» Cena di Natale di Slow Food
» Venerdì gustosi…
» A cena con la poesia!
» Bruschette a Carbonara
» Giornata della mela a Bagnaria
» Salame e Bata Lavar
» Breme: ricordare con gusto!
» Birra e Musica a Cava Manara
» Chef per una notte
» Una misteriosa schiscia...
» I kiwi di Pizzale
» Carbonara la golosa...
» A cena con i Malaspina...
» Sicilia: un'isola di sole!
» Pasquetta a Romagnese
» Varzi d’autore
» Festa di San Colombano
» Tornano gli gnocchi d'estate!

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Apre in Varzi Bottega Oltrepò
» BirrArt 2019
» Birrifici in Borgo
» Musei divini
» "Dilecta Papia, civitas imperialis"
» Cioccovillage
» Birre Vive sotto la Torre Chrismas Edition
» Il buon cibo parla sano
» Autunno Pavese: tante novità
» Zuppa alla Pavese 2.0
» 18^ edizione Salami d’Autore
» Sagra della cipolla bionda
» Pop al top - terza tappa
» Sagra della ciliegia
» Birre Vive Sotto la Torre
 
Pagina inziale » Tavola » Articolo n. 6195 del 17 dicembre 2007 (3168) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Lâ senâ di sèt sén
Lâ senâ di sèt sén
Lâ senâ di sèt sén, dietro quello che sembra uno scioglilingua in vernacolo, si cela, un rito antico che ogni anno, a Rivanazzano, viene riproposto nel periodo natalizio: “la cena delle sette cene”.
 
Sette erano le portate che componevano il menù, come i peccati capitali, i giorni della creazione, le ore di luce in inverno.
Questa cena era un codice, dov’erano mescolati gastronomia, religiosità, ritualità della tradizione.
Con la cena delle sette cene si riprende, inoltre, l’antico rito dei saturnali, che festeggiavano la fine della fase discendente del sole sull’orizzonte e l’inizio di quella ascendente, che culmina con il solstizio d’estate.
 
La società contadina, a contatto ogni giorno con problemi di sopravvivenza quotidiana, sfruttava la circostanza della “cena delle sette cene” per rimpinzarsi.
Ogni oggetto o elemento legati a questo momento conviviale acquista un immenso potere che li trasforma in strumenti terapeutici validi per tutto l’anno; tutto è magico e significativo.

Un esempio su tutti, il pane, che diveniva oggetto di grande attenzione…
Fu tramandata per secoli in conventi e monasteri, la leggenda secondo la quale durante la fuga in Egitto, Gesù Bambino, in un momento di pericolo, venne nascosto in un contenitore con della pasta di pane, che per gli ebrei era senza lievito. Questa pasta però lievitò fino ad avvolgere e nascondere il Bambino. Da qui la considerazione quasi sacra del processo di fermentazione.
Si aveva, infatti, una cura speciale per conservare “âl cârsént”, l’unico modo per poter fare il pane la volta successiva.
 
Il capo famiglia, all’inizio della cena, deponeva sulla tavola un grosso miccone, contraddistinto da un bastoncino, e a fine pasto ne distribuiva dei pezzetti allo scopo di preservare dalle malattie. L’avanzo veniva tenuto da parte fino a Sant’Antonio (17 gennaio), per darne dei bocconi agli animali della stalla, così da essere protetti tutto l’anno dalle malattie.
La sacralità del pane, nella tradizione, era data anche dal segno di croce tracciato con la lama del coltello sull’impasto prima della lievitazione.
 
Altro piatto ricco di simbologia era la torta di zucca, che, con il suo colore, rappresentava il sole, che sembra essersi materializzato rendendola ricca di energia e capace di nutrire non solo il corpo.
 
Questa cena, che veniva preparata all’antivigilia di Natale, era (ed è) “di magro” (di tipo monacale per non avere rimorsi) ed era comunque un intreccio di simbologie pagane.

L’aglio e la cipolla, che avevano lo scopo di allontanare gli spiriti malefici, sono presenti nell’insalata preparata per l’occasione, nelle cipolle ripiene e nel sugo dell’“âjà” (agliata) che veniva usato per condire le tagliatelle. E queste ultime dovevano essere tagliate larghe per poterle chiamare “fasce del Bambino”.
Le noci, ingredienti di base del loro sugo, indicano prosperità e fecondità, mentre l’uvetta, presente nel merluzzo, è simbolo di abbondanza e rende importante un piatto povero… Ecco il menu completo:
 
Insâlàtâ âd bidràv, püvrón e inciùd
(Insalata di barbabietole, peperoni e acciughe)
 
Turtâ d’sücâ
(Torta di zucca)
Sigùl cul pen
(Cipolle ripiene)
 
Fas dâ Bâmbén cun l’âjà
(Fasce del Bambino con l’agliata)
 
Mârlüs cun l’üvâtâ
(Merluzzo con l’uvetta)
 
Furmâgiâtâ cun mustàrdâ
(Formaggetta con mostarda)
 
Per giâsö cöt cun i câstégn
(Pere ghiacciolo cotte con le castagne)
 
 
 Informazioni 
Dove: c/o ristorante Selvatico - Rivanazzano
Quando: domenica 23 dicembre 2007
Per informazioni e prenotazioni: tel. 0383/944720

 
 
Pavia, 17/12/2007 (6195)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool