Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 24 settembre 2019 (375) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il gioco di Santa Oca
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» Il romanzo di Baslot
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» Prima che le foglie cadano
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 6143 del 30 novembre 2007 (1731) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Arte moderna a confronto
Pianta grassa sulla spiaggia 2005, 40x50 olio su tela
Un altro incontro con l’arte contemporanea in libreria. Si aprirà sabato la mostra “L’urgenza del cambiamento nell’arte contemporanea”, esposizione che vuole offrire al visitatore spunti su espressioni artistiche tra le più significative del nostro tempo.
 
Il serrato confronto tra diversi linguaggi inizia con Mauro Reggiani che, firmando nel 1933 il manifesto dell’Astrattismo, ha contribuito alla nascita di un’espressione tipica ed esclusiva del XX secolo come coraggiosa e netta rottura con l’arte ufficiale degli anni ’30.

Si prosegue con Banchieri, Ferroni, Cappelli e Cazzaniga, esponenti del “realismo esistenziale”, espressione artistica nata nel 1956 che trova ispirazione dalle osservazioni delle cose più umili del quotidiano. L’ambiente sconvolto di Ferroni coglie, anche attraverso la pressoché assenza di colore, il grigiore dell’esistere odierno che percorre i testi di Camus e di Sartre. Le spiagge deserte invase da una luce spettrale, le brughiere di sterpi ai margini della città nella rappresentazione oggettiva di Cappelli colgono il tema generale della sua pittura: l’esistenza come difficile prova dell’uomo nell’urto con le circostanze della realtà. L’opera esposta di Banchieri – “Ricordo” olio su tela del 1960 – testimonia la conversione del geniale artista all’astrazione. Prepotente è la tensione alla ricerca di nuovi valori e di nuove espressioni. Più d’ogni altra opera esprime l’“urgenza” dell’arte contemporanea.
 
Ampio risalto viene dato ai rappresentanti de “La Metacosa” (Luino, Luporini, Tonelli), movimento nato nel 1979. Pur dipingendo apparentemente il reale secondo le sue reali dimensioni ed apparenze, questa pittura crea un’immagine il cui significato va al di là delle apparenze.
La “realtà” descritta nei minimi dettagli degli interni di Luino, dello stabilimento balneare chiuso diLuporini, delle periferie di Tonelli, sta nel suo doppio, dietro la cosa rappresentata.

In un momento come l’attuale, in cui l’arte astratta viene data da più parti per “defunta”, irrompe l’invenzione di un’astrazione lirica attraverso le opere di Abbozzo e di Beneventi. Un’esplosione vulcanica di gesti, colori, materia cromatica, porta in superficie il magma interiore del dramma esistenziale, visto non più attraverso le cose ma esplorato dal “di dentro”.  
 
La pittura post-surrealista di Mottinelli si libera dal peso dell’entità materiale delle cose estraneandole dal loro contesto naturale. Attraverso virtuosismi pittorici interamente giocati sulle luci, sui colori e sulle ombre crea  visioni oniriche di rara suggestione legate alla sua terra vissuta con grande intensità.
 
Di stampo apparentemente accademico la pittura di Cinzia Bevilacqua è un “ritorno all’ordine” o, se vogliamo, al punto di partenza. Scava profondamente nell’intimo rivelando la superiore sensibilità femminile nel cogliere il significato delle cose. Nei morbidi panneggi, nella trasparenza delle ceramiche, nei colori rassicuranti c’è l’armonia autunnale, la serenità estiva.
La pittura di Daniele Giovanardi, intensa e poetica, è una lettura personale dell’immagine che si ispira a Segantini, Carrà, Morandi ma che si impone con propria personalità. L’arte non ha mai un punto di arrivo e un punto di partenza: questo è il bello dell’arte.
 
All’inaugurazione di sabato pomeriggio interverranno, tra gli altri, Renata Crotti, assessore provinciale al Turismo e Attività Termali, Rina Cianassi e Giuseppe Stafforini, rispettivamente coordinatrice responsabile delle relazioni esterne ADAC (Ass. Diffusione Arte e Cultura), con la cui collaborazione è stata organizzata la mostra.
 
 Informazioni 
Dove: c/o Libreria Cardano di via Cardano, 48 –  Pavia
Quando: da sabato 8 dicembre (inaugurazione ore 17.00) al martedì 15 gennaio 2007, festivi compresi, nei seguenti orari: 9.00-13.00 / 16.00-19.30. Chiuso lunedì.
Per informazioni: tel. 0382/23377
 

Comunicato Stampa

Pavia, 30/11/2007 (6143)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool