Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 13 novembre 2019 (328) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Giornata per il Museo di Archeologia
» Per simulare i terremoti
» Nasce Pavia Live U
» Giovani Geologi a Pavia
» Shop UP in Centrale
» Ammissione senza debiti formativi alle lauree specialistiche in Economia
» Pausa caffé con shopping
» Multimedia Campus
» Curiosando all'erbario
» Centro di Ingegneria Sismica
» L'ateneo e i suoi musei
» Polo strategico in Cascina
» Ritratto di un Ateneo
» Gli studenti
» La riforma
» Aula Cad
» Servizi pubblici in 3 anni

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Lectio magistralis di Vittorio Sgarbi
» Scienziati in prova
» Notte dei Ricercatori - Settimana della Scienza
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Porte Aperte
» Giornata del Laureato
» Bloomsday
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Scienziati in Prova
» SHARPER: il volto umano della ricerca
» Fiera delle Organizzazioni Non Governative e della Società Civile
» Giornata del Laureato
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 609 del 15 aprile 2001 (6148) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
La ricerca

La ricerca è il presupposto irrinunciabile di una vera didattica universitaria: le conoscenze dei docenti dipendono dalla qualità delle loro ricerche e le conoscenze acquisite dagli studenti dipendono dalla qualità dei docenti.

Ma la ricerca è soprattutto un bene primario in una società moderna ed i paesi che dimostreranno di non sapere promuovere la ricerca e diffonderne ed utilizzarne i risultati saranno rapidamente emarginati. E' arcinoto che in Italia viene destinato alla ricerca una quota del PIL (prodotto interno lordo) di gran lunga inferiore a quella dei Paesi europei con i quali siamo costretti a competere e con i quali vogliamo confrontarci.

La ricerca nell'Università di Pavia: dal 1994 al 2000 il finanziamento concesso per i progetti di interesse nazionale presentati dall'Università di Pavia è passato da 1 a 5,6 miliardi di Lire. I ricercatori dell'Ateneo pavese hanno dimostrato grandi capacità nell'acquisire risorse proprio quando i criteri di valutazione sono diventati rigorosi.

La partecipazione a progetti comunitari: nel quadriennio 1995/1998 l'Università aveva ottenuto finanziamenti per 6,1 miliardi di Lire. Nel biennio 1999/2000 i finanziamenti concessi all'Università sono stati di 6,5 miliardi di Lire. Segno di un'accresciuta consapevolezza delle opportunità offerte dai programmi comunitari.

Contratti stipulati per attività conto terzi, consulenze ed attività di ricerca commissionata da Enti pubblici o privati.

Nel 1998 sono stati stipulati 142 contratti per un ammontare di circa 4,6 miliardi di Lire. Nel 1999 sono stati stipulati 214 contratti per un ammontare di circa 7,5 miliardi di lire.

"Purtroppo solo un numero modesto di questi contratti riguarda rapporti con Enti o imprese della provincia di Pavia". La percentuale di contratti che sono di ricerca commissionata è inferire al 30%. Questo dato è la spia più eloquente della scarsa interazione (che non è specifica di Pavia) tra Università e mondo delle imprese sotto il profilo della Ricerca&Sviluppo.

Pavia però è stata fortemente penalizzata dal fallimento del progetto di Parco tecnologico bloccato quando la domanda di insediamenti nell'area del Cravino era addirittura superiore alla capacità di offerta di spazi attrezzati.

L'Università può e vuole contribuire allo sviluppo dell'economia del territorio.

Il rettore non si ferma alla denuncia e non si arrende.

E' pronto a rilanciare e invita a raccogliere la sfida che comunque attende la comunità locale sui temi dello sviluppo economico.

"Il Parco Tecnologico - afferma - può rappresentare ancora oggi uno strumento appropriato per concretizzare l'inizio di una nuova specifica, qualificata industrializzazione possibile per Pavia, quella delle new companies operanti nel settore dell'alta tecnologia legata alla ricerca universitaria"

Come?

Innanzi tutto nel favorire l'avvio di una industrializzazione selezionata e basata sulle nuove tecnologie, facendo riferimento ai settori in cui la ricerca universitaria è più matura sotto il profilo delle applicazioni. Tra questi settori vi sono certamente quelli della microelettronica e dell'informatica.

L'università, l'Istituto di Genetica del CNR ed i tre IRCCS pavesi possono dare un contributo determinante ai fini della nascita e della crescita di un tessuto di piccole imprese ad alta tecnologia, nel settore della biologia applicata che comprende la biologia molecolare, la genomica, la proteomica, le biotecnologie e l'ingegneria genetica. Lo sviluppo di queste applicazioni darebbe un sostegno straordinario ad un pilastro dell'economia pavese: la sanità.

Il rapido trasferimento dei risultati della ricerca in questi settori porrebbe la sanità pavese decisamente all'avanguardia, proprio mentre sta nascendo una nuova medicina. Si rafforzerebbero i legami tra le diverse istituzioni che operano nella sanità e tra esse e l'Università. Si realizzerebbe un sistema di eccellenza dove l'enorme potenzialità della facoltà medica troverebbe piena espressione.

Le realtà vicine a Pavia si sono mosse. L'università da sola non può sostenere tale sforzo.

Se non c'è coesione tra contesto e l'istituzione universitaria si viene esclusi da questo gioco in modo definitivo.

La stessa politica della qualità perseguita dall'Ateneo potrebbe risultare debole e fare fatica ad affermarsi se il contesto non fosse motivato a contribuire a creare le condizioni migliori per cui si possa parlare di "qualità totale della sede universitaria" che riguarda la città di Pavia ma anche il territorio circostante, cioè di un sistema di servizi integrati in un modello di sistema, con un alto valore aggiunto su altre realtà che sono in competizione con Pavia.

 
 Informazioni 
Approfondimenti

Ritratto di un Ateneo
Gli studenti
La riforma
La ricerca
 

Adriano Brusco

Pavia, 15/04/2001 (609)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool