Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 6 dicembre 2019 (433) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
» Leonardo e la Via Francigena a Pavia
» Tracce
» Una chiesa-museo tra Rinascimento e Barocco
» A tu per tu con l’antico Egitto
» Loggetta Sforzesca
» Kosmos - nuovo polo museale dell'Università di Pavia
» A tu per tu con Atleti e Veneri
» 117 Visite Guidate al Museo della Certosa di Pavia
» Dai fondi oro ai leonardeschi
» Andiamo in cripta
» I giorni di Ugo Foscolo a Pavia
» Serate d'estate in Castello
» "Gli Archeologi: De Chirico e la riscoperta dell'Antico"

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
» Mercatino del Ri-Uso a Borgarello
» Leonardo e la Via Francigena a Pavia
» Tracce
» IT.A.CÀ
» Una chiesa-museo tra Rinascimento e Barocco
» Mercatino del Ri-Uso – Nuova Vita alle Cose
» A tu per tu con l’antico Egitto
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 5870 del 13 settembre 2007 (2546) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Aprono i castelli rurali lomellini
Particolare della locandina dell'iniziativa
L’Istituto Italiano dei Castelli, con il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, organizza, per l’ultimo fine settimana di settembre, la nona edizione delle Giornate Nazionali dei Castelli.
 
La manifestazione propone ogni anno un ventaglio d’iniziative lungo tutto lo Stivale: visite a castelli solitamente chiusi al pubblico, convegni, tavole rotonde, mostre, concerti, celebrazioni di restauri di edifici fortificati o di interi complessi.
Scopo dell’iniziativa è quello di avvicinare il pubblico a questo settore dell’architettura di enorme importanza per il nostro Paese sul piano ambientale, storico, culturale e artistico, che con le sue oltre 20.000 strutture fortificate è, dopo le chiese, il maggior patrimonio architettonico italiano.
Per l’occasione, domenica prossima in Lomellina, gli esperti dell'istituto insieme ai proprietari delle dimore fortificate apriranno i portoni dei castelli di Cozzo e di Celpenchio per accogliere il pubblico nei cortili e nelle sale.
 
Un castello di un borgo”, così viene definito il castello di Cozzo nel titolo delle visite guidate.
Situato alla periferia nord-occidentale del centro abitato, questo maniero risale probabilmente all'XI secolo – come suggeriscono le poderose mura e la pianta quadrata – ma subì numerosi rimaneggiamenti nel corso dei secoli, tra i quali il più consistente è sicuramente quello ascrivibile all’epoca viscontea, di cui si scorgono i "denti di sega" della triplice cornice che decora la torre all'angolo sud-est. I muri perimetrali sono, invece, coronati da merlature ghibellini.
Attraversando un robusto rivellino, un tempo munito di ponte levatoio, si accede cortile interno, dal quale, tramite un ponte in muratura, si entra - passando per un ulteriore rivellino addossato al corpo principale del castello - nel maschio.
Nella parte sinistra della torre angolare, trasformato in residenza di campagna dai Duchi Gallarati- Scotti (cui è intitolato il castello) è osservabile un primo affresco che raffigura le armi dei signori del luogo.
Insieme a tele di grande valore, altri affreschi e decorazioni di notevole interesse storico e artistico sono stati recuperati all’interno dell’edificio e tra questi, spicca una raffigurazione del passaggio nel castello di Luigi XII re di Francia, che vi si fermò nel 1499.
 
Attualmente, il castello di Cozzo è sede della comunità Mondo X, che ha eseguito gli ultimi restauri e ne cura la conservazione, e ospita, nelle cantine, un ristorante presso il quale sarà possibile pranzare a un prezzo “speciale” concordato per i visitatori.
 
Poco distante, in frazione Celpenchio, sorge l’omonimo castello, cui vengono dedicate le visite dal titolo “Una cascina fortificata”.
Incerta l’origine dell’edificio, che rimaneggiato in più occasioni e ricostruito nel XIV secolo.
Il complesso, che per le sue caratteristiche generali è più simile alle costruzioni fortificate novaresi e vercellesi, piuttosto che ai castelli lomellini della stessa epoca, è costituito da tre corpi di fabbrica disposti ad "U" che si aprono verso il vicino Sesia. La facciata principale conserva tracce di tre archi a tutto sesto, attualmente murati, che un tempo dovevano far parte di un loggiato, e, ai due angoli superiori, due piccole torri pensili a base quadrata, mozzate in corrispondenza del tetto che poggia sull'antica merlatura (anch’essa murata).
Adibito ad abitazione e a magazzino rurale, questo maniero è in condizioni meno buone del precedente, ma non per questo meno suggestivo.
 
In conclusione alle visite, guidate dall’architetto Paola Spaltini e da altri esperti, è previsto un itinerario musicale castellano, eseguito da AMIS (Antiquae Musicae Italicae Studiosi) di Piacenza, in collaborazione con la delegazione di Milano.
 
 Informazioni 
Dove: Cozzo Lomellina
Quando: 23 settembre 2007, ore 10.00 e 17.00 castello di cascina Celpenchio, ore 11.00 e 16.00 castello di Cozzo
Partecipazione: completamente gratuita, pranzo in castello 20,00-25,00 euro
Per informazioni e prenotazioni: tel. 0382/3238; 0382/33329; 0381/969389
Web: altre iniziative sul sito dell'Istituto Italiano dei Castelli
 

La Redazione

Pavia, 13/09/2007 (5870)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool