Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 15 luglio 2019 (290) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Un capolavoro ritrovato
» Festival di Musica Sacra
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» "La nuit profonde"
» Contrasti nel Classicismo viennese
» Storia di un violino
» Fiori musicali per voce e pianoforte
» Festival del Ridotto
» I regali di Natale
» Una sola musica per Pavia e Russia
» La Vita che si Ama Tour
» Mario Biondi "Best of Soul Tour 2017"
» Edoardo Bennato al Vigevano Summer Festival
» Steve Hackett in tour a Vigevano
» Paola Turci a Estate in Castello
» Punti Critici in Concerto
» Messa di Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart
» Il Coro della Scala in duomo a Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Note d'acqua
» River Love Festival
» Concerto di pianoforte
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra
» Un capolavoro ritrovato
» Sentieri selvaggi, musica d'oggi al Borromeo
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» Festival di Musica Sacra
» Open Day al Vittadini
» "La nuit profonde"
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 5782 del 30 luglio 2007 (1621) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Grande Fausto
Grande Fausto
Ci sono momenti (per un musicista, un musicologo, un critico, un fan) di grande soddisfazioe; e sono quelli in cui, finalmente, si riesce ad ascoltare un’artista di cui si ha stima al suo meglio.
E’ quello che mi è accaduto sabato sera quando, durante una “zingarata” estiva sono arrivato sino a Gremiasco, un paesino della Valle Curone (tra Alessandria e Tortona) in cui si teneva un concerto di Fausto Leali.
 
Ho sempre seguito questo artista con simpatia, sin da quando (con i suoi Novelty) cantava le cover italiane delle canzoni dei Beatles e brani come “La Montagna in città”. Insieme agli altri mi ero stupito della sua grande interpretazione di “A Chi” e poi ne ho sempre seguito gli alti e i bassi che ne hanno costellato la carriera.
 
Cantante dalle doti vocali incredibili, spesso si è “buttato via” optando per scelte musicali di dubbio livello, alternandole però con punte altissime. La sua discografia, in più di quarant’anni, ha accumulato una serie di canzoni indimenticabili (e non sto neanche ad elencarle tutte) però la sua figura musicale, pur riconoscendogli i pregi indiscutibili, è rimasta spesso in secondo piano, a volte confusa con figure di secondo ordine, blindate nel ruolo di cantanti da revival.
 
Sabato sera Fausto era in forma smagliante. Pur non essendo accompagnato da musicisti particolarmente virtuosi (ma che hanno fatto il loro dovere sino in fondo) ha offerto una carrellata di interpretazioni strepitose, condite con aneddoti e battute, e uno spettacolo degno del migliore dei teatri italiani. Si è divertito (ha persino cantato un brano di James Brown. E come l’ha cantato!) e ha divertito e commosso. La sua interpretazione del brano di De Gregori “La valigia dell’attore” è risultata ancora più convincente e “vera” di quella dell’autore stesso. Ironico, istrionesco (ma senza esagerare) ha tenuto il palco per più di due ore e, alla fine, la sua voce si era talmente scaldata che avrebbe potuto continuare per altre due.
 
Erano tanti anni che non lo sentivo cantare così (o forse, così bene, non lo avevo sentito mai) e la cosa mi ha riempito di gioia.
Grande Fausto!
 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 30/07/2007 (5782)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool