Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 29 ottobre 2020 (248) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Ultrasound Piccola Grande Etichetta
» Suoni dell'altro mondo al Passo Penice
» Il muto dall'accia al collo
» Puliamo il mondo 2003
» I Back to the Beatles per Marco Pazzi
» Il catalogo dell'800
» Ludovico Sinistrari e la demonialità
» Sirene
» Orologi solari & meridiane
» La Torre Civica
» La Torre Civica - Galleria Fotografica
» Vino e cibo al top!
» La salsiccia del Ponte
» Non è mai troppo tardi
» Natale Pop Live 2001
» Siamo ancora "in alto mare", ma va un pò meglio
» La mostra della laguna colpisce ancora
» Il vino nei secoli
» Palazzo o grotta?
» Antichi sapori: il formaggio

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Squali, predatori perfetti"
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Libri al Fraccaro
» Il "Duchetto" di Pavia
» La cospirazione dei tarli
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 571 del 29 gennaio 2002 (8601) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
La Torre che non c'è più
La Torre che non c'è più

Il 17 marzo 1989 crollava la Torre Civica di Pavia. Dodici anni sono trascorsi da quel triste giorno, e per non dimenticare proponiamo il breve racconto di chi quella mattina c'era ed ha visto cadere davanti a sé uno dei simboli della città.

Stefano Gérard, allora gestore di un negozio in via Cossa, ricorda:

"Dovevo andare nella macelleria di Via Omodeo. Mi sono fermato all'edicola. Pensavo di vedere Tino Comaschi, invece ho trovato la moglie. Mi sono girato guardando verso la finestra che si trovava appena sopra la base inferiore della Torre. Sentivo il rumore amplificato dei calcinacci che cadevano. Sembrava che ci fosse dentro qualcuno.

L'abitudine di vedere calcinacci che cascavano dal monumento, non mi ha fatto pensare al peggio. Così ho chiesto a Pia Comaschi di avvertire i pompieri: l'ho vista prendere il telefono. A sette-otto metri d'altezza la parete della Torre si è gonfiata, i capitelli del complesso campanario hanno iniziato a vibrare. Ho strattonato la signora Silvestro, che come me si trovava davanti all'edicola, urlandole di scappare. Sono fuggito verso il sagrato. Ero convinto che non ce l'avrei fatta.

Credevo cadesse la cattedrale. Ho infilato la testa e il tronco sotto una macchina, lasciando fuori solo le gambe. E' stato terrificante. Lì sotto ho provato un forte senso di soffocamento. Ero immerso nella polvere rossa.

Sono scappato sotto i portici, infilandomi nel negozio del parrucchiere. Mi sono appoggiato al banco. Sul fondo del locale ho scorto delle donne che urlavano. Sono uscito portandomi verso il Ristorante Regisole. E lì ho incontrato in Sig. Tino che usciva di casa. Insieme siamo saliti sulle macerie: abbiamo iniziato a scavare con le mani, cercando l'edicola".

 
 Informazioni 
La galleria fotografica della Torre Civica... Vedi le immagini
La scheda della Torre Civica... Leggi l'articolo
 

Stefano Gérard

Pavia, 29/01/2002 (571)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool