Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 19 febbraio 2020 (488) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» 14^ Scarpadoro - via alle iscrizioni!
» BirrArt 2019
» Torre in Festa
» Festival dei Diritti 2019
» Ticino EcoMarathon
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» “Barocco è il mondo” Sbarco Sulla Luna
» Non solo Cupola Arnaboldi – Pavia fa!
» Festa del Ticino 2019
» Scarpadoro di Capodanno
» Giornata del Laureato
» Africando
» Palio del Ticino
» BambInFestival 2019
» RisvegliAmo la Relazione: Io e l'Ambiente – II edizione
» Festa del Roseto
» Festa di Primavera: Mostra dei Pelargoni
» Next Vintage

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Università
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
» Mercatino del Ri-Uso a Borgarello
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 5599 del 1 giugno 2007 (2003) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Rievocando...
Rievocando...
È il 1609, il Conte Alessandro Mezzabarba ha percorso la Via del Sale da Genova per entrare in possesso del Feudo di Ripa di Nazzano appena donatogli. Ha da poco attraversato il malfamato Bosco Malpasso quando, dalla collina alle sue spalle, echeggiano colpi di moschetto.
Protetto dai suoi fedeli “Leoni” trova rifugio nella Cascina Malpasso (che prende il nome da quel Passo, così poco raccomandabile da attraversare, che si era costretti a percorrere per raggiungerla da fuori).
Vengono assediati per ore e per ore, i briganti cercano di trattare la resa del Conte barattando la sua vita e quella dei suoi soldati in cambio del carico che stava trasportando nel suo nuovo podere. Il Conte non cede e l’assedio riprende. I briganti sembrano avere la meglio quando...
 
Be’, non possiamo raccontarvi tutto... Per scoprire la fine di questo “fattaccio” di cronaca nera vi suggeriamo di recarvi a Rivanazzano, domenica prossima, per assistere alla rievocazione storica di quanto accaduto in quell’importante giornata dei primi del ‘600.
 
Rievocando”, così è stata battezzata la manifestazione organizzata dalla Pro Loco, si aprirà nel primo pomeriggio e tra ambientazioni, combattimenti e sfide tra arcieri e cavalieri, animerà il centro oltrepadano fino a tarda sera.
 
Nel Parco Brugnatelli, quinta ideale per l’evento, saranno presenti una trentina di figuranti intenti ad illustrare i mestieri dell’epoca – il fabbro e il coniatore, lo sculture e il fornaio, le cardatrici di lana e le lavandaie con la cenere – e gli allestimenti dei campi militari dei due schieramenti avversi.
 
Verso le 15.30 partiranno le sfilate in costume dei rappresentanti delle due fazioni: i Leoni di San Germano e i “briganti”, che di lì a poco metteranno in campo spadaccini e picchieri per un primo scontro nella piazza antistante il municipio.
Avuta la meglio, i “Leoni” scorteranno il Conte al villaggio (il Parco Brugnatelli), fino all’ingresso della cascina (che essendo stata completamente distrutta, sarà rappresentata da un portone in cartapesta)… qui avrà luogo in secondo assedio.
 
Dallo scontro armato si passa poi a una sfida di carattere ludico: alle 16.30 sarà il momento di lasciar spazio al “Palietto”, ovvero il Palio dei 4 molini (in ricordo dei 12 mulini ad acqua un tempo attivi a Rivanazzano) destinato ai bambini. Corsa nei sacchi, gioco delle assi e tiro alla fune saranno i campi di gara in cui si affronteranno i piccoli rappresentanti dei rioni per la conquista del gagliardetto.
 
A seguire, il Palio varrà chiuso da una suggestiva Quintana, che vedrà fronteggiarsi quattro cavalieri su altrettanti destrieri bardati per l’occasione. Fedele all’antica giostra di origine medievale, la ricostruzione delle sfida cavalleresca verrà vinta da chi riuscirà a colpire con la lancia lo scudo imbracciato da un fantoccio girevole evitando al contempo il colpo della mazza fissata al braccio opposto.
 
E infine, fuoco alle polveri! Alle 21.00 si potrà, infatti, assistere all’assedio finale al Conte… uno scontro armato in piena regola che si terrà non solo a colpi di picche e spade, ma anche di cannone!
 
 Informazioni 
Dove: Parco Brugnatelli – Rivanazzano
Quando: domenica 10 giugno 2007, dalle 14.30 in poi.
Per informazioni:
Pro Loco di Rivanazzano
Tel.: 334/3964181
E-mail: prolocoriva@email.it
 

Sara Pezzati

Pavia, 01/06/2007 (5599)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool