Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 2 marzo 2021 (341) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Squali, predatori perfetti"
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Oltre lo sguardo
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Apre in Varzi Bottega Oltrepò
» BirrArt 2019
» Birrifici in Borgo
» Musei divini
» "Dilecta Papia, civitas imperialis"
» Cioccovillage
» Birre Vive sotto la Torre Chrismas Edition
» Il buon cibo parla sano
» Zuppa alla Pavese 2.0
» Autunno Pavese: tante novità
» 18^ edizione Salami d’Autore
» Sagra della cipolla bionda
» Sagra della ciliegia
» Pop al top - terza tappa
» Birre Vive Sotto la Torre
 
Pagina inziale » Tavola » Articolo n. 5598 del 1 giugno 2007 (5549) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
"Vinarelli" di Pietro Barbera
Tra gli appuntamenti che inaugureranno la 6^ edizione di Provaci Gusto ci sarà l’apertura della mostra "Vinarelli" di Pietro Barbera.
 
Pietro Barbera, pittore, poeta ed ingegnere trapanese, ha ideato un nuovo modo per “gustare il vino con gli occhi e con le nostre sensazioni interiori”, per usare le sue stesse parole, una sorprendente tecnica pittorica, chiamata “vinarello” per le analogie con l'acquerello e dove a colorare il cartoncino sono vini bianchi, rossi e rosati.
 
La tecnica del vinarello si differenzia da quella dell’acquerello per il fatto che l'acquerello è un tipo di pittura che si ottiene diluendo i colori in polvere con acqua, o altre sostanze che ne mutano la densità (la glicerina, la gomma arabica ecc.) e l'effetto che si ottiene è di colori liquidi e dai toni stemperati, diversi dai colori a tempera, acrilici o a olio. «Per il vinarello invece - spiega Barbera - utilizzo soltanto la pigmentazione naturale del vino. Sono il tannino e gli antociani del vino rosso e i flavoni del vino bianco che, penetrando nel cartoncino, dopo l'evaporazione della frazione alcolica e acquosa, danno il colore definitivo, che asciugando si ossida e si fissa nella cellulosa. La gamma cromatica è ovviamente dettata dal colore del vino di partenza».
 
I soggetti sono assai vari, dai paesaggi agli ambienti marini, da bizzarri astrattismi a splendidi volti e silhouette femminili, cui si aggiunge il fascino della tecnica. L’idea dei vinarelli nasce dalla propensione a sperimentare, che ha portato Barbera a spremere sul cartoncino frutti di ogni tipo (melograni, ciliegie, peperoni, patate, indivie, melanzane...). Il passo successivo, l'utilizzo del vino, è stato spontaneo e gli effetti ottenuti sono stati sorprendenti.
 
Di queste sue opere sono divenute estimatrici anche delle case di produzione vinicola, tanto che alcuni lavori di Barbera hanno trovato ospitalità nella home page del portale www.vini-sicilia.it e altri sono stati esposti e ammirati nella recente edizione del Vinitaly. «Il colore del vino mi fa immaginare le sfumature possibili, così provo tutti i tipi di Nero d'Avola, i rosati, i bianchi, aggiungendo talvolta dei liquori, che hanno colorazioni più intense, non ottenibili con i soli vini: il nostro Ericino per il verde, il Marsala e il Nocino per certe tonalità del giallo... I vitigni siciliani rossi, più carichi di colore, sono tra i miei preferiti, ma anche il Merlot, il Barbera, il Marzemino, gli ambrati e i passiti, che sono adatti alle "nuance" più chiare...».
 
Altra caratteristica di Pietro Barbera è quella di proporre i suoi acquerelli/vinarelli abbinati alle sue poesie, anche se normalmente sia le poesie che gli acquerelli/vinarelli nascono in momenti creativi indipendenti e i collegamenti riaffiorano successivamente. Alcune poesie sono frutto del contributo di altri autori, che mettono a disposizione i loro versi per le opere pittoriche.
 
 Informazioni 
Quando: dal 7 al 10 giugno 2007
Dove: Sala dell'Annunciata, piazza Petrarca, Pavia
Sito dell’artista.
 
 
Pavia, 01/06/2007 (5598)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool