Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 24 settembre 2019 (378) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il gioco di Santa Oca
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Il romanzo di Baslot
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Prima che le foglie cadano
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 5549 del 21 maggio 2007 (2962) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Vigevano dipinta
Una delle opere esposte: 'Il povero violinista', Longaretti
Qualche tempo fa, l’Amministrazione Comunale di Vigevano ha chiesto ai cittadini: “Hai un quadro che raffigura la città e le sue campagne e vuoi vederlo esposto? Segnalo agli organizzatori della mostra in programma a maggio in Castello”.
L’invito è stato accolto con favore e i quadri presentati, raccolti, selezionati… Ed ora ci siamo: sabato verrà inaugurata la mostra "Vigevano e la sua terra. Opere di artisti da collezioni private".
 
L’esposizione, allestita nella Strada sotterranea e organizzata dalla neonata Istituzione Cultura "Città di Vigevano", è, infatti, costituita da quadri raffiguranti vie, piazze, scorci di Vigevano e della campagna extraurbana, provenienti da raccolte e collezioni private e quindi, per la maggior parte, visibili per la prima volta dal pubblico.
 
40 gli artisti locali e nazionali che hanno realizzato i 75 i quadri che hanno come filo conduttore i volti di Vigevano e raffigurano, oltre ai monumenti simbolo della città, luoghi scomparsi o trasformati dall’incuria del tempo e del progresso. 
 
Protagonista della mostra è dunque la raffigurazione pittorica della città e del suo territorio, vista con gli occhi sinceri e con l’affetto di chi vi ebbe i Natali artistici o rimase colpito dalla suggestione della sua Piazza, delle sue chiese, del suo fiume e della sua campagna… Per questo il percorso espositivo è stato suddiviso in tre sezioni:
 
La città – “Gli scorci della città, spesso, fedeli ritratti dei luoghi, a volte, filtrati dal tempo, dalle emozioni e dagli stili personali di ogni artista, si susseguono all’interno della prima sezione, testimonianza storica oltre che artistica e culturale, degli sviluppi e degli inevitabili cambiamenti che ogni città subisce nel corso degli anni e dei secoli.
 
La campagna – “La campagna vigevanese costituita da distese immense di risaie e filari di pioppi; i ruscelli e gli stagni che colpiscono l’occhio per i loro colori, i profumi e le stagioni che si alternano sempre uguali ma diverse tra loro sono state percepite e celebrate dai nostri artisti con sensazioni diverse che hanno fatto dei loro quadri un perfetto omaggio a questi luoghi.
Anche per questa sezione sono presenti opere ottocentesche come novecentesche in una carrellata che mostra non solo i colori della natura ma anche la fatica nei campi, lo svago nei boschi e i momenti di vita ambientati nei cortili e nei cascinali di campagna
”.
 
Il fiume – “Il Ticino, con i suoi colori e la sua vita, è luogo d’affezione per molti vigevanesi, capace di suscitare diverse emozioni trasformate in versi, parole e figurazioni pittoriche. Bellissime vedute del Ticino o dal Ticino, gli inverni sul fiume, le lanche che lo caratterizzano e i famosi barcè, le feste e le merende sulle sue rive, le cave e i lavoratori che lo popolavano come i cavatori di ghiaia e i pescatori sono stati parte della vita di molti vigevanesi.
Fino a qualche anno fa era facile vedere dal vivo una di queste situazioni, nei sabati e nelle domeniche pomeriggio dei vigevanesi a riposo dal lavoro settimanale nelle fabbriche, era il luogo della festa dove respirare quiete, pace e tranquillità in mezzo alla natura
”.
 
 Informazioni 
Dove: Castello di Vigevano – Strada Sotterranea
Quando: dal 26 maggio al 22 luglio 2007, nei seguenti orari: da martedì a venerdì: 16.00-19.00, sabato e domenica: 11.00-19.00
Ingresso: gratuito
 

La Redazione

Pavia, 21/05/2007 (5549)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool