Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 20 novembre 2018 (451) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» 10 per Pavia a Catania!
» Il Demetrio su Amadeus
» La Sella Plicatilis a Magdeburgo
» Adotta un'orchidea!
» Beatles Next Generation: bufala o realtà?
» Oh, questa è bella! (appendice sanremese)
» George Harrison - Living in the material world
» I ragazzi della Via Stendhal
» Una tela del Procaccini a Lungavilla
» Donald & Jen MacNeill e i Lowlands
» La musica in Portogallo
» Cucina ebraica in Lomellina
» Mistero a Pavia
» Musica e auto
» La colomba… Ha fatto l’uovo!
» Musica ceca
» Una giornata a Camillomagus
» Piva piva l'oli d'oliva
» Sodalizio gastronomico...
» CicloPoEtica 2010

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» 1918-2018 Pavia e la Grande Guerra- Nuova sezione
» A tutto museo - donazione Morone
» I mille sapori di una passeggiata con l'autore
» L'ultimo canto
» Nel 1940 con Luigi Cantù
» Il Duomo e le tre Piazze
» Lo sguardo di Maria
» Quella scuola che è il nostro orgoglio
» Uno:Uno. A tu per tu con Francesco Hayez
» Apertura musei per le GEP
» Mercatino del Ri-Uso
» Risorgimento a tutto museo
» Notte bianca al Museo per la Storia
» Festa del Ticino
» Storie d’acqua dolce
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 5390 del 12 aprile 2007 (1641) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Un americano… sulla via Francigena
Un americano… sulla via Francigena
Era il 1951 quando Gene Kelly nel film di Vincent Minelli “Un americano a Parigi”  investiva la ville lumière di quel fascino che ancora oggi gode nell’immaginario planetario… ad un altro americano, in tempi più moderni, il compito di far riscoprire al mondo intero la via “Francigena”, tragitto da Roma a Canterbury che l'arcivescovo Sigerico,  percorse nel 990 in 79 giorni per circa 1.600 chilometri.
 
Pellegrino del terzo millennio, come egli stesso si definisce, è Eric Sylvers, corrispondente dall’Italia per l’International Herald Tribune e per il New York Times, nonché appassionato camminatore, che sabato 21 aprile intraprenderà l'antica strada di pellegrinaggio che lo condurrà, attraversando 7 regioni e 18 province, fino a Roma.
 
L’anno scorso – racconta Eric – ho percorso il Cammino di Santiago di Compostela, un'esperienza  talmente straordinaria che subito ho pensato che valeva la pena  ripeterla. E così, spinto dal forte amore per il vostro Paese e dalla passione per la sua storia, ho scoperto la via Francigena, itinerario turistico-culturale, poco conosciuto anche agli stessi italiani, che può diventare un efficace mezzo di scoperta del territorio.
 
L’iniziativa è stata subito accolta dall’Assessore per il Turismo a Attività Terminali della Provincia di Pavia, prof.ssa Renata Crotti, da sempre impegnata nella valorizzazione dei “tesori nascosti” di cui il nostro territorio è davvero ricco e di cui la Via Francigena ne è un importante esempio. L’Assessore ha subito compreso l’importanza dell’iniziativa , il progetto – spiega – deve servirci a capire cosa è meglio fare per promuovere adeguatamente la via Francigena, quali percorsi alternativi studiare (purtroppo al momento attuale il pellegrino si trova a percorrere lunghi tragitti sulle strade statali…) quali realtà coinvolgere sul territorio per dare ospitalità, informazioni, supporto logistico, senza dimenticare la ricchezza dell’offerta enogastronomica, a tal proposito è allo studio anche “il piatto del pellegrino”…
 
A sostenere Eric Sylvers anche l’Associazione Culturale “L’arte del Vivere con lentezza fondata a Pavia da Bruno Contigiani con “l’obiettivo di riappropriarsi del tempo, gustarlo e renderlo più utile”, filosofia che bene sposa il “cammino lento” che consente il profondo contatto con le realtà locali, con la spiritualità, con il turismo e le tradizioni dei paesi interessati al percorso.
 
Venerdì 27 aprile
Ingresso nella Provincia di Pavia e arrivo a Mortara.
Sabato 28 aprile
Partenza da Mortara, passaggio per Gropello Cairoli e arrivo in Pavia con guado del Ticino effettuato grazie all'aiuto del Circolo Vogatori Pavesi.
L'entrata in città è prevista per le ore 17.00; la lunghezza della tratta Mortara - Pavia è di 40 chilometri circa.
Domenica 29 aprile
Giornata trascorsa in Pavia.
Lunedì 30 aprile
Partenza da Pavia, passaggio per Belgioioso, Corteolona e arrivo in Santa Cristina.
Martedì 1 maggio
Partenza da Santa Cristina ed ingresso nella Provincia di Lodi.
Guado del Po presso Corte Sant'Andrea e arrivo a Montale.
 
Dopo essere passato per Vercelli, Eric sconfinerà nella provincia di Pavia venerdì 27 aprile, con arrivo a Mortara, il giorno dopo, sabato 28 aprile, riprenderà il suo tragitto e, passato il Ticino su di un barcé, l'antica barca dei pescatori di Pavia, grazie all'aiuto del Circolo Vogatori Pavesi, entrerà in Pavia.
Durante il viaggio, Sylvers terrà un blog on-line www.walkforitaly.com  che verrà arricchito quotidianamente con le esperienze del suo cammino e le persone incontrate, fornendo informazioni sui luoghi attraversati, sulle persone conosciute e sui cibi tipici. Ogni giorno sarà segnalata l'esatta posizione di Sylvers, cosicché coloro i quali intendessero accompagnarlo lungo qualche tratto del tragitto possano sapere dove trovarlo.
 
 
 Informazioni 
 

Valeria Hotellier

Pavia, 12/04/2007 (5390)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool